Ricetta per trasformare un figlio in perverso narcisista

Una parte considerevole della felicità dei nostri figli dipende da noi, che siamo i loro genitori. Non basta rifornire un figlio di baci teneri per farlo diventare una persona integra, onesta, leale, completa.

Un uomo/donna che decide di farsi una famiglia perché “così fanno tutti” senza aver prima imparato ad amare è destinato a seminare una scia di infelicità infinita ai membri della sua stessa famiglia, distruggendo l’opera faraonica di averla messa in piedi.

Un essere umano adulto soddisfatto di se stesso è il riflesso dell’educazione ricevuta.

Narcisista perverso si nasce o si diventa? È la domanda che in molti si pongono. Tenderei per la prima risposta, tuttavia, non possiamo escludere i fattori ambientali e l’educazione radicata nella “legge del più furbo” come fattore determinante per inculcare la perversità in chi non l’ha mai avuta nel DNA.

La Rivista brasiliana Veja ha pubblicato qualche anno fa (2006) un articolo dall’ironico titolo: “Ricetta per fare un figlio perverso” contenenti alcune “regole” per avviarlo al fallimento sentimentale certo . Ecco la traduzione:

1.NON FATE ATTENZIONE QUANDO LUI VI PARLA
Non guardatelo mentre vi parla. Ascoltatelo distrattamente quando vi racconta cos’è successo al parco giochi, a scuola oppure a casa degli amici. Non domandare mai com’è andata la sua giornata. Lui capirà di non esistere come persona;
2.INFONDETEGLI SENSI DI COLPA
Cercate di farlo sentirsi colpevole di un grosso problema, di un danno irreparabile che ha causato unicamente lui, dite che è colpa sua se tutte le persone che gli stanno attorno sono infelici. Per esempio: ditegli che appena nato il vostro matrimonio è finito, oppure che per guarirlo da una grave malattia, avuta nella sua infanzia, è stato necessario vendere l’intero patrimonio della famiglia.
3.NEGATE LE SUE EMOZIONI
Cercate di ridere quando lui sarà triste, insegnategli che “l’uomo non piange”.
4.INSEGNATEGLI A DIVENTARE VENDICATIVO
Insegnate vostro figlio a picchiare il bambino che l’ha picchiato, a tirare calci nel mobile sul quale è andato a sbattere, a bestemmiare contro Dio e il mondo quando gli accade un imprevisto.
5.RACCONTATE INFINITE BUGIE AGLI ALTRI IN SUA PRESENZA
Mentite al vigile urbano, ai venditori di libri, alla domestica. Raccontate il quanto siete furbi imbrogliando gli altri, come siete riusciti a fregare il vostro datore di lavoro con un finto certificato medico.
6.INSEGNATEGLI A DIRE MENZOGNE
Chiedetegli di rispondere al telefono per mentire che non ci siete, ordinate di vedere chi suona il campanello: se sono i vostri creditori sarà lui a informarli che siete appena usciti. La sua bugia nasconderà gli altri vostri difetti.
7.NON DATEGLI DEI SOLDI O DATEGLI IN ECCESSO
Non dategli una paghetta, costringetelo a umiliarsi chiedendovi dei soldi. Oppure date tanti soldi senza che ve lo chieda, senza una giustificazione, fate in modo che vostro figlio non impari mai a controllare quanto guadagna e quanto spende.
8.INSEGNATE LA DISONESTÀ
Fategli vedere che le persone oneste non diventano mai ricche, insinuate che è facile arricchirsi illecitamente, fate l’esempio dei grandi frodatori e corrotti sparsi per il Paese.
10.INSEGNATE A CONTROLLARE GLI ALTRI
Dategli piccoli regali quando denuncerà cosa hanno fatto oppure detto gli altri membri della famiglia. Dite che vi fidate di lui e che sarà sempre gratificato quando vi racconterà tutto ciò che accade quando siete assenti.
11.INSEGNATE A NON RISPETTARE LE LEGGI
Non rispettate i semafori, parcheggiate dove c’è il divieto di sosta, cercate di corrompere qualcuno che vi fa pagare meno tasse, e vantatevi di tutto ciò in presenza del vostro figlio.
12.INSEGNATE A NON RISPETTARE LE AUTORITÀ
Insultate il vigile che vi ha fatto la multa, date dell’imbecille al Presidente sempre che apparirà in TV, fate vedere la foto del ministro idiota sul giornale.
13.CERCATE DI FARGLI PERDERE IL RISPETTO PER LA MADRE
Se siete padri criticate vostra moglie davanti a lui, umiliatela, e chiamatela incapace, buona a nulla, spendacciona dei soldi altrui.
14.AIUTATELO A VINCERE LA TIMIDEZZA SESSUALE
Trascinatelo in una zona di prostituzione, fatelo vedere come molte donne si guadagnano tanti soldi con facilità, presentatelo a qualcuna che potrebbe “iniziarlo” e, per finire, insegnatelo che “le donne sono tutte uguali”.

E se dopo tutto ciò non avete ancora capito perché mai vostro figlio non vi rispetta, vi sembra scontroso, rabbioso o infelice, cercate di spedirlo dallo primo psicologo che incontrate nella speranza che non se ne accorga che siete voi ad averne bisogno di uno.

C.l.d.

_________________________________
[1]
http://veja.abril.com.br/idade/exclusivo/150306/trecho_assedio.html 

2 pensieri su “Ricetta per trasformare un figlio in perverso narcisista

  1. Praticamente tutto quello che ha fatto mio padre, escludendo il punto 14. Con la complicità silente di mia madre la quale, pur venendo da lui maltrattata e svalutata, non si è mai opposta con decisione a certe dinamiche distorte. io però non credo proprio di essere diventata una narcisista maligna. Ho dato affetto e dedizione alle persone che hanno fatto parte della mia vita, ho sempre prestato il mio ascolto il mio tempo e le mie energie a coloro che mi erano amici ( o che si dichiaravano tali ). Ho sempre cercato di trovare il buono in ognuno e il positivo in qualunque situazione ( anche laddove sarebbe stato meglio lasciar perdere subito ), ho affrontato con serenità e il sorriso sulle labbra le difficoltà della vita adoperandomi attivamente per risolverle, non ho mai cercato di scaricare i miei disagi sugli altri e non ho mai cercato di manipolare nessuno! Semmai sono altri – famiglia in primis – che hanno sempre cercato di manipolare e controllare me. Dio solo sa cosa ho dovuto affrontare! Ma non ne parlo diffusamente perchè il ruolo della vittima non mi è mai piaciuto. Ritengo che le esperienze, anche quelle negative, debbano rafforzarci altrimenti facciamo il gioco di chi ci ha fatto del male; sono per natura un animo ribelle ed solo questo ciò che mi ha salvato almeno in parte.
    Non ho comunque problemi, se a qualcuno interessa, parlare dettagliatamente della mia storia.
    Ora sono in fuga da una madre che ha su di me un’ influenza estremamente tossica e sto cercando un supporto esterno per meglio contrastare i tentativi di riaggancio e le diatribe ( forse anche legali ) che inevitabilmente si presenteranno perchè chi è abituato a drenare da te tempo ed energie ovviamente non si arrenderà facilmente, ho intenzione di tagliare i ponti definitivamente e non intendo ritornare su questa decisione perchè con lei le ho provate veramente tutte, ma sembra non ci sia verso di farla ragionare e penso che la nostra salute e pace mentale debba avere la priorità, anche nei rapporti familiari.

    Spero che anche questo mio commento non verrà omesso ( come è successo in un altro articolo ) perchè se davvero pensate che io stessa sia una narcisista temo che ci sia stato un grande, GRANDISSIMO equivoco ed errore di valutazione. Ma ovviamente siete liberi di fare e pensare come ritenete opportuno.

    saluti a tutti.

    "Mi piace"

  2. Tranquilla Grazia qui nessuno pensa tu sia una narcisista 🙂
    Io ho risposto al tuo commento di ieri sera ma forse non lo hai visto…a volte nella confusione di tanti commenti può capitare che un commento si perda nel mucchio o venga visto tardi…
    Ciao

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...