Non mi ha mai più baciato

Fonte: http://www.marietan.com/material_psicopatia/nobeso.htm

Traduzione: Gabriella Maddaloni

_______________

Dottor Marietán:

oggi, grazie a questa pagina, mi sono resa conto di quello in cui sono coinvolta. È come vedere una piccola luce dopo anni di oscurità. Grazie per rendere pubblico tutto questo, permettendo che altre persone (come me) abbiano una piccola e fragile speranza. Claudia.                                                                                                                                                                     

COMPLETI I DATI DELLA PERSONA CHE PRESUME SIA PSICOPATICA:                                    

Età: 44 anni

Stato civile: sposato

Professione, studi o lavoro di cui si occupa: amministratore di uno studio notarile

Residenza attuale, città e nazione: Santiago del Cile

Sesso: maschile

Altri dati interessanti: un matrimonio annullato, una seconda relazione che non giunse al matrimonio, e si è poi nuovamente sposato.                                                                                        

DATI DI CHI RISPONDE AL QUESTIONARIO (IMPRESCINDIBILI) 

Età: 35 anni                                                                                                                                    

Luogo di residenza attuale, città e nazione: Santiago del Cile

Professione, studi o lavoro di cui si occupa: segretaria

Sesso: femminile

Che relazione ha o ha avuto con questa persona? Siamo sposati da 4 mesi

Quanto è durata/da quanto dura la relazione?  Da 4 anni

Come lo ha conosciuto?  Al lavoro. Ero separata da un anno e mi concentravo solo sul lavoro per crescere i miei figli. Gli dissi più volte che non avevo interesse per alcuna relazione, m’inseguiva molto, sembrava di parlare con un muro quando gli dicevo di no, non mutava atteggiamento davanti ai miei rifiuti. A un certo punto gli dissi che se voleva venire a letto con me, ok, ma che mi lasciasse in pace: non volevo avere problemi, me l’ero vista molto brutta. Non rappresentava nulla di positivo per la mia vita, gli chiesi che mi lasciasse tranquilla, per favore.

Cosa le è piaciuto/le piace di questa persona? Pensavo che la vita mi stesse ricompensando (avevo brutti trascorsi col mio precedente matrimonio). Era amorevole, affettuoso, si preoccupava molto per me, sapeva esattamente quali fossero i miei bisogni e mi faceva sentire una principessa. Era generoso, amorevole, galante, simpaticissimo. Gli succedono ancora cose molto divertenti, anche se alquanto strane.

Cos’è ciò che più la faceva/la fa soffrire? Quando le cose non vanno secondo i suoi capricci reagisce con violenza, si scatena verbalmente e se trova resistenza è capace di aggredire fisicamente. Ciò che più mi fa male è che sono caduta come una pera in una volgare strategia di conquista di questo tipo. Stavo sbagliando e lo sapevo, e non potevo fare nulla. Mi sento truffata, ingannata, mi rendo conto che non gli è mai importato nulla dei miei sentimenti, gli sono solo serviti per alimentare il suo ego.    

 1. SODDISFAZIONE DI NECESSITÀ DIFFERENTI                                                                             

A1 USO PARTICOLARE DELLA LIBERTÀ                                                                                                 

Crede che tutto sia possibile? Sì, in genere perfino nelle situazioni più avverse la fa franca, è capace di raggirare le banche, riesce sempre a trarre vantaggi da qualsiasi cosa: da una porzione di patate fritte extra, fino a obbligare gli altri a fare determinate cose, anche quando vanno contro i loro principi.

IMPEDIMENTI                                                                                                

Tollera le frustrazioni e i fallimenti? Non tollera i fallimenti, calpesta sempre le regole. Insiste, insiste e insiste, fino a quando non ottiene ciò che vuole. Una volta ci derubarono in un albergo, oggetti valutati 100.000 dollari. Tanto che insistette, parlò col titolare, col titolare del titolare, con il direttore, con il commercialista, con l’incaricato e con il presidente del consiglio di amministrazione della catena alberghiera, finché non ci restituirono non 100.000, ma 500.000 dollari.

A2. CREAZIONE DI CODICI PROPRI                                                                                                       

Rispetta la Legge e le norme comuni?  No, gira in auto con tutti i documenti scaduti, senza patente, ha perfino comprato un CD con l’inno dei Carabinieri, così se dovessero fermarlo lo mette. Si è salvato in due occasioni dall’essere fermato perché gira illegalmente.

Segue la sua propria legge e i suoi propri codici? Afferma sempre che ciò che lui dice è legge.

Ha carenza di rimorsi o colpa? L’anno scorso mi ha obbligato a lasciare i miei figli a casa di mia madre, per andare con lui in un’altra città, mi ha visto soffrire per questa situazione, ma non ha mai mostrato alcun pentimento o sensibilità per l’impiccio in cui mi aveva messo.

Dà la colpa agli altri per i suoi errori?  In genere dice che sono io quella che sbaglia, che sono pazza e non mi rendo conto. Ripete sempre che non serve a nulla parlare, perché sono pazza, e che devo rendermi conto di come stanno realmente le cose. Non ammette la possibilità di potersi sbagliare.

A3. RIPETIZIONE DI MODELLI COMPORTAMENTALI

Ripete allo stesso modo le azioni negative?  Sì, quando inizia a insultare usa sempre la stessa tecnica, parla senza fretta, utilizza cose che gli ho confidato in momenti di fiducia per iniziare a denigrare, come ad esempio: “Aveva ragione a lasciarti il tuo ex, scaricandoti con i figli ancora adolescenti, perché nessuno ti vuole”.  Questi attacchi durano circa 20 minuti, poi riposa circa un quarto d’ora e torna all’attacco altri 20 minuti o più, fino a 4 attacchi per episodio. Se si rende conto che non ferisce il livello di violenza degli insulti, lo aumenta fino a farmi perdere le staffe. Se non ci riesce può giungere anche a colpire. Una volta registrai perfino uno degli attacchi con insulti, e ripeteva tipo trecento volte la stessa frase: “sei pazza e non ti rendi conto, non ti rendi conto, non ti rendi conto e sei pazza…”. Le stesse cose più e più volte.

C’è qualche segnale che anticipa le sue condotte negative? In genere quando si tratta di feste, compleanni, o quando non si fa come vuole lui, anche quando sente che sta perdendo il controllo sulle persone, quando io agisco come se non mi importasse.

A4 NECESSITÀ DI STIMOLI INTENSI

Ha condotte rischiose? Di che tipo?  Si annoia facilmente? È sempre annoiato, e dice che sono una donna noiosa perché non so organizzare la quotidianità della famiglia. Gli piace girare quasi tutto il giorno per le banchine portuali, mangiare ovunque ecc. Gli piace comprare. Mi compra tanti, tanti vestiti.

Ha progetti di vita a lungo termine? L’unica cosa che gli interessa è incrementare le sue entrate, ma con poco sforzo.

Abusa di droghe o alcool? Utilizza da circa 10 anni rimedi per la depressione e pasticche per dormire.

Ha condotte perverse in ambito sessuale? Non so se siano perverse, ma sicuramente alquanto strane. Gli piace usare “giocattoli”, vedere film porno, avere rapporti un po’ violenti, senza manifestazioni di tenerezza o affetto. Mi faceva chattare con altri uomini su Internet e voleva che iniziassi a mostrare loro le parti intime tramite le videocamera, mentre lui guardava.

 Tollera situazioni di grande tensione? Sì, ha il sangue freddo al massimo.

2. REIFICAZIONE DI ALTRE PERSONE

È egoista? Assolutamente, si crede al di sopra di tutti, si sente migliore di coloro che lo circondano, ha esplosioni di invidia estremi. Ad esempio sua madre deve sempre comprare i regali più costosi a lui, e agli altri figli cose di minor valore.

Si crede superiore agli altri? Tratta sempre gli altri come esseri inferiori, ordinari, volgari, puzzolenti, dice che non tollera le gente brutta o stupida.

Devono girare tutti intorno ai suoi desideri? Sì, e quando non può gestire questa cosa perde il controllo. Gli piace che durante le riunioni familiari inizino a parlare di lui e che sia al centro dell’attenzione.

Fa quello che vuole senza tener conto delle conseguenze? Sì, un giorno mi comprò dei pantaloni che mi stavano stretti e mi facevano male, ma insisteva che li indossassi. Non gli importava che mi facessero male, diceva che dovevo compiacerlo.

Empatia. Gli importa dei sentimenti altrui? Quando gli parlo di sentimenti pensa che lo stia infastidendo oltremodo.

Manipola? Manipola chiunque. Riesce ad ottenere la fiducia delle persone comportandosi come un santo, e quando gli credono o hanno fiducia in lui, inizia a trarre vantaggio dalle situazioni.

Seduce? Apparentemente aveva dei comportamenti abbastanza promiscui, secondo quanto mi aveva confessato. Non so se attualmente continui.

Mente? Così come respira, con una facilità impressionante. Quando lo conobbi mi disse di avere 5 anni in meno rispetto a quanti ne avesse davvero, che viveva negli Usa, che lì aveva un negozio, che era un ingegnere commerciale, che le sue sorelle erano persone super pure, che viveva altrove ecc. Solo bugie. Un giorno lo sorpresi mentre chattava su Internet e fino ad oggi giura e spergiura che stava chattando con la figlia.

Recita pur di ottenere ciò che vuole? Sì, perfino il suo capo lo chiama col nome di un attore molto famoso in Cile.

Coercizione: usa l’aggressione fisica pur di raggiungere i suoi scopi? Sì, a volte il suo unico obiettivo è farmi sentire male, ed è capace di colpirmi se lo ignoro.

Usa la violenza psichica pur di raggiungere i suoi scopi? Parassitismo: vive degli sforzi altrui? Per 10 anni ha avuto un negozio che gli richiedeva molto poco sforzo, e copriva le necessità basiche dei suoi figli. Attualmente lavora da un anno, ma ha avuto seri problemi di adattamento.

Usa le persone? Sì, e quando non gli servono le scarta subito.

Riesce a distorcere i valori e i principi altrui? Sì: mi ha fatto lasciare il mio lavoro, la mia casa, i miei figli, la mia famiglia, i miei amici. Mi ha lasciato senza nulla.

È insensibile? Non l’ho mai visto emozionarsi, a distanza di 3 mesi di convivenza non mi ha mai più baciato, mi ha detto che gli fa schifo perché adesso avrei l’alito cattivo. Sono andata dal dentista e mi ha detto che il mio alito è normale, quindi mi sono resa conto che non è capace di sentire l’emozione di un bacio, non si connette spiritualmente attraverso le manifestazioni d’affetto. Gli piace solo essere adulato.

È crudele? Sì, mi ha rinfacciato cose che gli ho confidato in tempi in cui si era guadagnato la mia fiducia. Ad esempio, per squalificare mia madre, mi dice di ricordarmi che quella donna ha messo le corna a mio padre, che i miei figli sono brutti, ordinari ecc.

Umilia e svaluta? In genere mi tratta come se fossi inferiore, pazza.

Sente la mancanza? No.

Crea tensione ed esaurimento nelle relazioni con gli altri? Sì, nella mia famiglia non lo sopporta nessuno, i miei amici nemmeno. Ha vissuto 6 mesi con la sorella, finché lei lo ha cacciato.

Crea relazioni di dipendenza? Dipende solo dalla relazione con sua madre, principalmente per ragioni economiche.

Desidera aggiungere altro? Questo tipo si preoccupa all’estremo per i suoi figli. Ne ha 3, anche se economicamente gli passa il minimo. Esce sempre solennemente con loro: il sabato con quelli della seconda ex, e la domenica con me e la figlia nata dal suo primo matrimonio. È possibile che voglia loro bene, o è solo per soddisfare la sua necessità di sentirsi importante per gli altri?

_____________________________________ 

 Claudia:

ebbene sì, ha molti tratti compatibili, secondo quanto racconti.

Spero tu possa rompere con lui, cercare aiuto. Assicurati che la psicologa abbia conoscenze in materia di psicopatia, altrimenti raccomandale la lettura della pagina (non tutti gli psicologi hanno queste informazioni).

 Puoi fare qualsiasi consulto attraverso questo mezzo.

E rispetto alla tua domanda: come ti sarai resa conto, essi COPIANO reazioni altrui (come gli attori), o modalità su COME ESSERE UNA BRAVA PERSONAAver cura dei figli, o far loro visita regolarmente, sono due di quelle modalità. Ciò non implica che ABBIANO UN SENTIMENTO che giustifichi queste azioni. Copiano l’esterno, e SEMBRANO sentire, come un attore.

Nelle esperienze con lui, ti sarai resa conto che ciò che fa, rispetto ai sentimenti e alle dimostrazioni, lo fa COME SE, che sembra sentire, che ciò che dimostra è simile a… Però tu, che stai SENTENDO, ti rendi conto che c’è qualcosa di “artificiale” in quel che lui dimostra: o gli manca o esagera, ma non dà mai nel modo giusto, come avrai notato in altre esperienze amorose – magari meno intense, ma che quadravano con tutto, che erano umanamente adeguate (sebbene non fossero del tutto soddisfacenti).

 Inoltre c’è questa vecchia legge: lo psicopatico fa soffrire.

 Cordiali Saluti da Buenos Aires,

Dr. Hugo Marietán, marzo 2008.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...