A te che credi di essere tanto speciale…perché tutto ciò non accadrà mai con te: lui con te sarà diverso.

In lingua originale: http://www.heartless-bitches.com/rants/manipulator/special.shtml

Traduzione: C. Lemes Dias

__________________________________________________

Voi due avete una “connessione”, una chimica che lui non aveva con la sua ex. Voi due avete più cose in comune, siete personalità simili. Lui ha indicato tutte le cose in cui vi somigliate – è semplicemente un mistero! Sei veramente fortunata di averlo conosciuto a questo punto della tua vita. Lui dice di apprezzarti così come sei – ed è la prima persona che lo afferma con tanta veemenza, vero? Certo, lui ha detto le stesse cose all’altra quando erano insieme (prima di passare a detestare ogni cosa di lei), ma con te è diverso. È passato il tempo in cui lui seguiva sempre lo stesso schema. Quanto è bello finalmente avere una persona con la quale poter contare, sei d’accordo con me? Essere sola è difficile, costruire una carriera, prendersi cura di una casa, fare tutto da sola. Improvvisamente ti appare quest’uomo che si offre per aiutarti di un modo e con le cose che nessuno mai si era proposto prima.

Un uomo che rappresenta tutto ciò che hai sempre desiderato e sperato da un partner.

Un uomo che non potrebbe in nessun modo infiltrarsi nei tuoi desideri, nelle tue ferite e nelle tue insicurezze più intime per fingere di essere la risposta laddove sei più vulnerabile. Lui non potrebbe mai fingere di apprezzare le cose che ti piacciono, di volere ciò che vuoi tu e di essere la persona che stai cercando perché parte da un “modus operandi” consolidato.

Soltanto perché lui ha fatto questo con tutte le donne che ti hanno preceduta, non significa che lo stia facendo con te in questo esatto momento. Stavolta lui è realmente sincero.

Lui ti ha raccontato tutti i suoi profondi e oscuri segreti (almeno tutti quelli che potevano conquistarsi la tua simpatia e restare impressi). Ha riconosciuto di essersi comportato male in passato (anche se questo comportamento era stato provocato dalla sua partner di allora). Voi due dovete avere una connessione davvero speciale per portarlo ad aprirsi così, a essere tanto “onesto”. Lui sembra avere dei rimorsi di coscienza, il che significa che non farebbe mai la stessa cosa, giusto? Non con te. Tu sei speciale. Il fatto che lui abbia raccontato alla sua ex gli stessi profondi e oscuri segreti, che si sia aperto con lei dalla stessa forma è irrilevante, no? Che importanza ha il fatto di aver manifestato lo stesso tipo di rimorso per le cose che ha fatto con tutte le altre prima ancora DI LEI? Perché dare peso al fatto che lui le abbia raccontato le stesse storie tristi e abbia finto di lavorare sui suoi difetti e problemi personali? Cosa c’entra aver mentito al terapeuta e a tutte le altre persone della sua vita? CON TE LUI FA SUL SERIO.

Lui afferma che tutto sarà diverso CON TE. Anche quando DICE di accettare la responsabilità delle sue azioni, GIURA che sono state alcune cose IN LEI ad aver scatenato il suo pessimo comportamento. Con te non sarà così. Certo, ha detto le stesse cose a lei, ma stavolta è diverso perché lui ha spiegato il quanto TU sia diversa DA LEI. (Cosa c’entra il fatto che abbia detto ad altre persone che siete simili? Non significa che sta ripetendo i suoi soliti schemi e nemmeno che sta prendendo di mira la stessa tipologia di donne. Tanto meno che diventerà abusivo anche con te quando arriverà il momento…). E poi lui è così meraviglioso, così dolce e disponibile che DEVE essere qualcosa IN LEI ad averlo portato agli estremi, vero?

Non fa niente se lui amava intrattenersi svalutandola alle spalle agli amici in comune mentre le diceva che era “la miglior cosa che gli fosse mai capitata nella vita”, e che “non aveva mai amato nessuno tanto quanto la amasse”. Non vuol dire che lui abbia la capacità di manipolare, di essere disonesto e crudele: era soltanto confuso, poverino. Dopotutto, LUI NON SARÀ COSÌ CON LA DONNA GIUSTA per amarlo e coccolarlo. Lei semplicemente non gli aveva dato quel tipo di attenzione che davvero si meritava.  Ma tu glielo darai. Di modo che lui non farebbe mai la stessa cosa con te.

Che ci importa se è passato meno di un anno dopo la fine della relazione con l’ex quando ha iniziato a frequentarti. Perché mai un soggetto abusante dovrebbe fare qualche anno di terapia, lavorare sui suoi problemi psicologici prima di coinvolgere un’altra persona in un rapporto affettivo? Voglio dire, DOPO OLTRE QUATTRO DECADE trascorse abusando degli altri, è probabile che sia diventato buono abbastanza da smettere di danneggiare la gente. A maggior ragione DOPO QUALCHE MESE trascorso con la donna giusta per salvarlo. Meglio dire, “aiutarlo”.

E quella vecchia storia su come la sua ex moglie lo avesse abbandonato emotivamente… Mamma mia, il poverino ha vissuto solo TRAGEDIE lungo l’intera esistenza! Ti ha raccontato su come lei non ha nemmeno provato a salvare il matrimonio, oppure dirgli che avrebbe voluto lottare per il rapporto quando lui ha deciso di dire basta? Accidenti, che donna insensibile! Il poveraccio – che stavolta ci credeva TANTO e bla bla bla – è andato pure in terapia, ecc.! Detto tra noi è improbabile che fosse lei la persona emotivamente massacrata dal suo comportamento, che si sentisse SOLLEVATA quando lui ha deciso di andarsene… è impossibile che sia stato lui la persona emotivamente abusiva e disonesta ANCHE con lei! Se la sua ex moglie non si fidava di lui, non è mica colpa sua! Forse il suo comportamento è stato causato dalle problematiche di quella donna, lui non c’entra.

È irrilevante che ti abbia usata per rompere il rapporto di fiducia con la donna con cui stava uscendo prima di te. Non erano mica *una coppia* ufficiale o qualcosa del genere! E poi lei veniva usata soltanto per ferire la sua ex (lui le aveva teso una trappola, uscivano insieme qualche volta), aveva soltanto bisogno di attenzione, voleva unicamente coccolarsi l’Io con un po’ di sesso casuale mentre attendeva che *la donna giusta* finalmente apparisse. Da quanto sei apparsa tu, però, lui non la cerca più. Perché lui ha TE per gonfiarsi l’Io. Rompere la fiducia dell’ex è stata una forma conveniente per assicurarsi di non dover più preoccuparsi di lei, così da potersi dedicare esclusivamente A TE. Ti premetto che ha fatto tutto ciò con grande delicatezza (perché sa che una serie di tagli “sottili” lascia le ferite peggiori). Si trattava di un’operazione necessaria per indurla ad andare in giro dicendo di non voler assolutamente nulla CON LUI, così da poterla anche incolpare per non aver voluto restare sua amica. Non è un genio? Che modo creativo di liberarsi di qualcuno che non serve più!

E se questa donna – che è venuta prima di te – non vuole più vederlo né essere sua amica vuol dire che è gelosa del meraviglioso rapporto che state costruendo. Probabilmente  perché è stata abbandonata da lui, che voleva dedicarsi esclusivamente a te, e non è matura abbastanza da accettarlo. Sarebbe assurdo ipotizzare che il suo rancore abbia a che fare con il modo in cui ha agito nei suoi confronti oppure con il suo tentativo di scaricare su di lei la colpa per il suo comportamento. È improbabile che lei lo detesti per le sue MENZOGNE, per il fatto di averla sfruttata oppure perché aveva una lista di attese e di pretese che la accusava di non rispettare. No. Questo era il suo vecchio modus operandi messo in scena nuovamente, e lui era un uomo già cambiato quando ti ha conosciuto. Di modo che non può essere questa la motivazione.

Inoltre, anche laddove lei si preoccupasse profondamente con lui, non si può dire che lui abbia mai avuto alcun tipo di sentimento profondo per lei, COSICCHÉ LA SUA COSCIENZA ERA A POSTO SUL FATTO DI AVER FATTO SESSO CON TE PRIMA DI DIRLE CHE ERA TUTTO FINITO TRA LORO, giusto? Era così INNAMORATO di te! Non so, tutta questa storia non ti fa sentire… SPECIALE? Lei non era materiale “da rapporto serio”. Lui ha sempre lasciato ben chiaro il suo ruolo. Ecco, se lei sapeva che lui non corrispondeva ai suoi sentimenti e nonostante ciò era più che disposta a farsi sfruttare -perché innamorata-, come poteva lui resistere alle sue attenzioni, a questo tipo di massaggio nell’Io? Non può mica essere accusato dello “sfruttamento di qualcuno emotivamente vulnerabile”, o qualcosa del genere! È stato lui a chiudere la storia. Non ha raccontato a lei su di te, o sul fatto di andare a letto con te subito dopo averti conosciuto, perché voleva *proteggerla*, evitare di ferirla. Non si tratta di un essere umano INCREDIBILE? Bada che lui ha avuto un enorme rispetto per i sentimenti di quella donna! Omettere le informazioni non è la stessa cosa di MENTIRE o qualcosa così. Non si tratta di disonestà, giusto? È IMPOSSIBILE CHE L’ABBIA IMBROGLIATA FINO AD AVERE LA CERTEZZA DI AVERTI INTRAPPOLATA. No. Lui è troppo dolce e incantevole, un vero galantuomo, per fare una simile operazione. Era soltanto CONFUSO sui suoi sentimenti, questo è quanto… dopodiché, figuriamoci se avete fatto sesso SENZA PROTEZIONE prima che le raccontasse della tua esistenza! Figuriamoci se ti abbia usato (dello stesso modo in cui ha usato ANCHE LEI) per rompere la fiducia che un’altra donna gli depositava… E anche nell’ipotesi in cui abbia rotto questa benedetta fiducia infinite altre volte (con tutte le sue partner ufficiali e amanti), è evidente che ha smesso di ripetere i suoi vecchi modelli abusivi con te.

Sì, tu sei speciale.

Anche quando lui È STATO disonesto all’inizio del rapporto, ha raccontato delle balle a un’altra persona. Non è stato disonesto CON TE (che tu sappia fino adesso…), quindi è tutto ok. E se la signora non-è-materiale-da-rapporto-serio ha pensato lo stesso, scusandolo alla scoperta delle sue prime disonestà? Ma l’importante è che stavolta tutto sarà diverso perché LUI TI AMA VERAMENTE).

Certo… lui dichiara che la sua ultima partner pensava che tra voi due non sarebbe durata. Mica sta usando questa affermazione come una TATTICA per agganciarti ancor di più (e per provocare l’ex, dimostrandole che si sbagliava, per vendicarsi di più). Cosa c’entra se lui ha usato esattamente la stessa formula con ogni preda del passato sempre dicendo, alla prossima della fila, che la precedente non credeva che tra lui e la nuova fiamma sarebbe durata? Non può stare usando STRATEGIE, TATTICHE e MANIPOLAZIONI  sottili anche su di te! È impossibile.

E anche laddove avesse detto (in passato) qualcosa del tipo:

– “Molti dei problemi causati da me partono dal fatto che sto sempre lì, a battere sullo stesso tasto, gonfiando il contenuto emotivo delle situazioni. È più semplice ricominciare con una nuova amica. Ho una serie di tecniche e di comportamenti da usare, roba sperimentata. Anch’io sono un creativo… imparo nuove tecniche molto velocemente…”

– “Mi piace godermi il “romanzo”. È qualcosa di innato in me. Mi piace farlo. Per me è anche molto gratificante, anche intellettivamente. Con il mio problema di scarsa autostima è bello avere qualcuno a disposizione, saperlo innamorato di me. Mi piacciono i primi risultati, il sentimento di felicità, la gioia intensa, l’euforia… ciò che non mi piace è dove ti porta tutta questa roba.”

– “M’innamoravo tutto il tempo, di 5 in 5 minuti… fino al giorno in cui ti ho conosciuto.”

… Già. È impossibile che ancora giocasse con lei, e che ora si diverta con te. I suoi sentimenti PER TE sono REALI, profondi. L’hai pure visto piangere, mostrando il suo lato vulnerabile. Il che vuol dire che è sincero, vero? La probabilità che ti stia usando -come ha fatto con le altre – per nutrire il suo Io è pari allo zero. Non è questo l’uomo che conosci.

Lui è talmente affettuoso, sensibile e disponibile. Così dolce quando sparge la crema sulle tue mani e piedi, quando ti lascia bigliettini, quando legge un libro per te e fa un sacco di cose romantiche. Lui è davvero troppo bello perché sia vero – sa cucinare, pulire, è intelligente, colto, creativo e affettuoso. Lasciamo stare se lui nel primo anno, o non so quanti mesi, era così pure con lei…prima che i suoi sottili schemi di abuso cominciassero a infiltrarsi subdolamente, portando quel comportamento “meraviglioso” a cambiare: un giorno diceva che la amava, e il giorno successivo diceva agli altri (alle sue spalle) che viveva con una persona orribile! Non farebbe mai questo gioco con te, strada facendo. Lei deve aver provocato questo tipo di reazione. Lui non potrebbe mai, in futuro, fare la stessa cosa avendo te come bersaglio. Tutte le azioni strepitose che ha fatto per te – le cose romantiche, il modo come ti aiuta, la frequenza con la quale ti chiama e la sua disponibilità nello spronarti, non possono essere parte di un soggetto cinematografico, di una sceneggiatura. Non sono “tecniche immagazzinate” per sedurre qualcuno. No. STAVOLTA È SINCERO. Stavolta lui sarà diverso… SOLO CON TE.

E chi se ne importa se è stato incapace di essere onesto e integro per tutta la sua vita? Chi se ne frega se ha realmente ammesso alla sua ex (proprio quando voi due avete iniziato a frequentarvi): “… Ho paura di chi vai in giro raccontando la verità. Ho troppe bugie nel mio passato e nel mio presente. La verità fa male.” Non significa che ti stia mentendo. Alla fine, è sempre stato molto ONESTO sulla sua disonestà, dunque questo tipo di affermazione è un valore aggiunto… Significa che ha capito i suoi errori e che non li commetterà mai più, non è vero? Il fatto che riconosca ciò che fa è talmente CONVINCENTE… Se lo riconosce vuol dire che non è più disposto a fare la stessa cosa ANCORA. Certo, certo. Aveva convinto PURE lei. Ma con te non sarà così. Non potrebbe MAI mentirti. TU SEI SPECIALE.

È irrilevante se due delle sue altre donne, con le quali aveva un rapporto sentimentale, hanno avuto bisogno di cure psichiatriche. Non ha nessuna importanza il fatto che abbia “aiutato” un’amica vulnerabile, che l’abbia spinta a rompere le sue promesse matrimoniali, aggiungendo ancora più pepe ai suoi problemi coniugali, per poi abbandonarla quando gli ha chiesto se avrebbe potuto contare su di lui, se sarebbero rimasti insieme. Lui aveva bisogno di insaponarsi il suo Io e lei gli aveva concesso questa opportunità. ERA CONVENIENTEMENTE VULNERABILE DOPO LA MORTE DI UN SUO CARO PARENTE. E che lui abbia distrutto la rete di appoggio e di amici della sua ex e abbia usato l’attrazione che una donna mentalmente disturbata provava per lui fino a portarla vicino al suicidio è solo un dettaglio. Non c’entra nulla il fatto di aver usato una donna maltrattata dalla vita, una che stava morendo, per sentirsi indispensabile e nel controllo della situazione. Era soltanto DISPONIBILE con tutte queste donne. Forse HA MENTITO qualche volta anche a loro, ma è stato soltanto per PROTTEGERE quelle creaturine fragili. Lui è un uomo tanto sensibile, pensa te. Certamente non avrebbe mai potuto usare tutte le persone che conosce per gonfiare il proprio  Io.

È di scarsa importanza il fatto che abbia sfruttato e sia stato abusivo con i figli della sua ex compagna soltanto per vendicarsi di lei. Perché offendere, ferire e manipolare dei bambini sono azioni perfettamente comprensibili, vero? (Insomma, lei deve essersi meritata. LORO devono aver meritato. È così, no? Sì, perché lui ADORA i bambini… almeno è questo che dice in giro!) L’uomo che tu conosce non avrebbe mai potuto fare questo. E… bene… Anche se l’avesse fatto, ovviamente ora è cambiato. Lui ha subìto una trasformazione miracolosa in un anno. Ha abbandonato tutti i modelli comportamentali abusivi che erano parti integranti di lui per diventare un NUOVO uomo. Con te lui sarà totalmente diverso.

Sì, certo, lui ha fatto tante cose nel passato. Ma il passato è passato, ok? Non esiste qualsiasi rischio che tutto ciò si ripeta con te. Soltanto perché tutte le altre donne erano  “disturbate” non significa che lui un giorno andrà in giro a dire alle persone che ti conoscono il quanto disturbata SEI TU. Non lo farà. Perché TU SEI SPECIALE.

L’amore che prova per te è talmente forte, e la connessione che c’è tra voi è così diversa (almeno è questo che lui ti ha detto, E TU SAI CHE DI LUI TI PUOI FIDARE, VERO?) che lui mai e poi mai farebbe qualcosa di deliberatamente dannoso e malizioso per ferirti. Lui non distruggerebbe mai la tua rete di conoscenze o manipolerebbe i suoi amici per ferirti. Lui non farebbe mai alcun tipo di commento sarcastico su di te alle tue spalle per certificarsi, di seguito, che tu abbia scoperto tutto. No, no e no. È lei ad aver provocato tutto ciò. Tu, però, sei speciale.

Dopodiché, anche lui è andato in terapia. Il che significa che è sincero, giusto? Lui non è mica il tipo da usare questa roba della “terapia” come un travestimento per far finta di voler diventare un essere umano migliore, soprattutto dopo che la sua reputazione è stata macchiata dal fiasco con l’ex. È impossibile che stia usando la parola “pentimento” e la frase fatta “Oh, ma quanto mi sento male con me stesso” per ottenere compassione e sostegno! Lui certamente non potrebbe essere alla ricerca di un’altra persona da intrappolare in una città diversa, per far sì che il suo passato non sia scoperto. Non è da lui andare in giro alla ricerca di donne che hanno un forte senso di responsabilità personale, per sapere esattamente come manipolare questa qualità in suo favore, trasformandole nelle uniche persone responsabili dai suoi disturbi. Lui certamente non è il tipo da cercare donne attive, intelligenti e accoglienti per punirle quando non dirigono tutta la loro energia su di lui. Anche se ha avuto dei comportamenti manipolativi in passato, non significa che stia facendo tutto ciò proprio ora. Non con te, che sei una donna speciale.

Lui è talmente pentito e sincero sul discorso di “lavorare su se stesso”, che certamente non potrebbe mentire su questo. Solo perché ha uno storico da bugiardo patologico verso se stesso e verso gli altri, non significa che lo sarà anche con te. Dopotutto, ha ingannato se stesso così completamente da non sapere di essere diventato una bugia vivente, quindi non può essere responsabilizzato a questo proposito, sei d’accordo con me? Potrà sempre dirti di non avere ‘una buona memoria’ nei confronti del passato… ma non preoccuparti: non userà questa specie di truffa e di evasività con te. Proprio perché TU SEI SPECIALE.

Povero cucciolo! Ha fatto unicamente pessime scelte (prima di te). È chiaro che  ha commesso degli errori, ma se la maggior parte delle sue ex non vuole avere niente a che fare con lui, e certe volte lo accusano di essere un malato di mente, è probabile che l’instabilità mentale provenga da loro – Voglio dire, basta guardare il quanto lui sia fantastico, gentile e carismatico con te… lui con loro mica era così … Non potrebbe mai fare ampio uso di certe frasi fatte da romanzo rosa proprio con te.

STAVOLTA È AMORE VERO. Tu sei speciale.

Ok, può anche aver fatto “alcune cosette” veramente crudeli nel suo passato, ma lui ha bisogno di perdono per il SUO comportamento (alla fine è stato costretto a comportarsi male). Anche se gli errori della sua ex, quando reagiva AI SUOI ABUSI, sono indegni di perdono. Ma l’importante è che tra voi tutto sarà diverso e lui non troverà mai imperdonabili I TUOI errori. Lui non applicherà mai due pesi e due misure CON TE. Lui non si aspetterà che TU sia perfetta e subdolamente non ti criticherà quando non riuscirai a raggiungere gli altissimi livelli che si attende. Tu sei la persona che cambierà la sua vita. E, ovviamente, mantenendo la tua cucina impeccabile lui non avrà alcun motivo per criticarti a proposito di questo.

Per quanto riguarda le “cose imperdonabili”, è evidente che non può perdonare la sua ex dopo che lei ha fatto una serie di cose che lo “ferivano/amareggiavano” (lui è profondamente sensibile, lo sai!). Dunque, non avrebbe mai potuto mentirti sulle cose che afferma siano opera di lei. Lui non avrebbe mai potuto “costruire” situazioni che lo portassero poi a protestare per l’ingiustizia subìta… Sicuramente non è il tipo che incoraggia qualcuno a fare delle cose per affermare poi di sentirsi tradito dalla persona che ha indotto a farle … E comunque, anche se lui di fatto abbia agito così, è quasi certo che non applicherà lo stesso metodo con te. Sei troppo speciale perché viva questa esperienza. Ogniqualvolta afferma di essere felice per te e ti sostiene a fare una determinata cosa è davvero sincero.  Quindi non creerà alcun tipo di fantasia revisionista sul tuo passato per usarla posteriormente, insistendo che hai fatto tutto per ferirlo e danneggiarlo, giustificando così la crudeltà nei tuoi confronti. Non coltiverà segretamente rancore verso di te per il fatto di non avergli dedicato il tuo intero tempo. Anche se lui le ha fatto questo, non vuol dire che lo farà con te. Specialmente dopo aver fatto una serie di sacrifici per venire a vivere assieme te! Non diventerà segretamente dipendente da te grazie alla pretesa di diventare L’UNICO OGGETTO DELLA TUA ATTENZIONE. Non diventerà ipercritico con te e con il modo come impieghi il tuo tempo e non farà l’offeso quando tu non DEDICHERAI TUTTA TE STESSA a lui. Stavolta non sarà così. Tu sì che sei speciale!

Lui è una persona talmente alla mano che non si offrirà di “aiutarti” (soprattutto quando non ne avrai bisogno) e poi troverà una serie di scuse non dichiarate per non farlo, come ha fatto con le altre. Lui rivendicherà il suo diritto di essere “egoista” soltanto ora, perché è sempre STATO SFRUTTATO e HA DATO tutto se stesso in passato, aiutando tante persone che non l’hanno mai veramente apprezzato! Oh, povero piccolo che non ha mai avuto il tempo di essere egocentrico in passato  – neanche quando rimaneva rinchiuso in camera sua sfogando la sua rabbia contro qualcuno, oppure quando sfruttava le persone. Mica si trattava di egocentrismo “quella cosa là”: era unicamente “legittima difesa”. Meno male che ora va meglio! Niente preoccupazione per te. Lui non userà l’appena scoperto “diritto di essere egocentrico” contro di te. E no, dai! Stiamo parlando di un uomo che è davvero cambiato per te.

Con te lui darà tutto e si donerà incondizionatamente.

Non è un caso se si è comportato male con le altre. Ora sai come la sua ex lo maltrattava ed era opprimente con lui, rifiutandosi persino di vivere per lui e di restare esclusivamente a sua disposizione. Ti sembra giusto che lei pretendesse che fosse onesto nei sentimenti e nelle azioni QUANDO LUI SEMPLICEMENTE NON ERA PRONTO? E, come se non bastasse, lui è il tipo che odia confrontarsi, lo sapevi? E lei è … cioè lei… FACEVA PAURA quando si sentiva ferita (è talmente INADEGUATO quando le donne sfoggiano la loro rabbia!) che lui non aveva una scelta diversa da scaricarla.  Era arrivata al punto di urlare con lui! Prova a immaginare la scena! Lui ha avuto un’infanzia terribile, quindi a nessuno è permesso di provare rabbia, tranne lui. Perché, sai com’è, lui non sa lavorare su se stesso, e nessuno può pretendere che lo faccia! Lui non avrebbe mai potuto proiettare i suoi problemi su di lei affinché qualcuno provasse rabbia al posto suo, oppure per prendersela con qualcuno diverso da se stesso! Lui non avrebbe mai potuto deliberatamente aver infilato il dito su tutte le sue ferite per farla stare male, abbandonandola traumatizzata pur di aver qualcuno sul quale riversare tutte le sue colpe. E anche nell’ipotesi che si avvalesse da questo spediente per anni, tutto ciò non capiterà mai a te.

E se tu, in qualche modo, accidentalmente, ti ritroverai nella condizione di ‘scatenare’  i suoi vecchi modelli comportamentali di abuso, lui sarà delicato abbastanza da informarti che stai facendo tante cose che ricordano la sua ex,  di modo che TU possa cambiare il TUO comportamento. Proprio così, perché mica ti va di subire gli stessi comportamenti abusivi subìti dalle altre per colpa di qualcosa che HAI FATTO.

Ma tu non hai bisogno di preoccuparti di queste cose perché lui non ti ferirà mai. E tu non avrai mai bisogno di implorare a nessuno di essere onesto e di accettare la responsabilità delle sue azioni. LEI questo lo pretendeva, e questo è stato “CONTROLLANTE” da parte sua. Ma con te sarà diverso, perché tu sei più matura e molto più sveglia. Non hai bisogno di preoccuparti, perché non ti capiterà di puntare il dito sul suo comportamento. In qualsiasi caso, qualunque cosa accada, lui MAI E POI MAI TI MENTIRÀ. Con te sarà un libro aperto. Non si  “dimenticherà” di nessuna promessa fatta. Se ti mancherà di rispetto NON LO FARÀ APPOSTA. Se ha mentito all’altra e a qualsiasi altra persona è perché è stato costretto da loro stessi a farlo. Con te lui non tratterrà informazioni, non altererà la verità. Non romperà i patti fondamentali del vostro rapporto. Non lo dovrà perché tu resterai alla sua disposizione 24 ore su 24, 7 giorni su 7 per appoggiargli e dirgli il quanto è INTELLIGENTE e CORAGGIOSO per essere riuscito a scappare dai suoi rapporti terrificanti e il quanto è meraviglioso vederlo lavorare SODO per superare il suo passato TREMENDO!

È tutto talmente bello che lui non farà nessuna delle cose che probabilmente ha fatto nel passato solo per evitare che ti prenda la briga di doverlo perdonare. Pensa te, lei lo ha perdonato ripetutamente per le sue bugie e per gli incidentali-fatti apposta “errori”. Il risultato di tutta questa sua benevolenza? Bene, lui ha cominciato a sentirsi male con se stesso perché lei era capace di perdonare, ma lui no. Lei non è stata  ORRIBILE facendolo sentirsi così? Quindi, è ovvio che MERITAVA di essere punita molto di più. Lei mai avrebbe dovuto sentirsi in colpa quando lui la manipolava. Siccome lei faceva così, allora lui le infieriva ancor di più. L’aveva avvisata di essere “come il sangue che attrae gli squali”. Lei avrebbe dovuto comprendere la cosa. TU, invece, capirai al volo queste cose, di modo che lui non sarà né manipolatore, né passivo-aggressivo con te.

Lui sarà diversissimo con te. Perché tu sei speciale.

È ovvio che lui l’ha fatta combattere per portare avanti il rapporto mentre lui non provava a fare niente per salvarlo. Tuttavia non si tratta di disonestà: lui semplicemente non sapeva cosa realmente voleva, il che lo rendeva un uomo apposto con la propria coscienza per quanto riguarda lo scaricamento della responsabilità dell’intero rapporto sulle spalle di lei. Certo, lui ha ammesso di aver preteso che lei lo considerasse la priorità massima della sua vita… il punto è che non era disposto ad avere per lei la medesima considerazione. Questo particolare, però, non apparteneva ai suoi vecchi schemi. Tanto è vero che non farà la stessa cosa con te. Inoltre, lui ha ammesso il suo comportamento disonesto a rapporto concluso, quindi ha pareggiato i conti con lei. È tutto cancellato. Il suo casellario è pulito. Le ha confessato pure di essersi pentito, alcuni mesi dopo, il che prova la sua sincerità. Non avrebbe mai potuto aggiungere alla sua richiesta di scuse un successivo scaricamento di colpe. Lui non agisce più di modo manipolativo o proietta i suoi problemi sugli altri… e anche nell’ipotesi che così fosse, lo faceva unicamente con lei, ma soltanto perché hanno avuto una storia un “po’ particolare” – mentre con te tutto ciò non succederà.

È così tenero quando racconta l’importanza della sua ex, le follie fatte per amor suo. Certe volte parla con affetto dei loro ricordi più preziosi, di come lei l’ha “aiutato” (quando non lo feriva e maltrattava, da strega che era!) – il che può solo significare che è una persona profonda e sensibile, vero? Chissà se anche tu non potresti  “aiutarlo” a perdonarla, così da farlo guarire definitivamente dal suo tremendo passato… Così come lei ha creduto di poterlo “aiutare”.

Dopodiché, lui ha fatto tante BELLE COSE  per lei e per tutte le altre donne. Questo deve avere una sua valenza, no? Nessuno è emotivamente abusivo o manipolatore tutto il tempo. Quindi, questo cancella un sacco di cose, giusto? Non è come picchiare qualcuno o roba del genere. Almeno le cose che ha fatto non hanno lasciato alcun segno visibile. Dopotutto, se lui ha sbagliato, è stato per la troppa onestà. Lui non avrebbe mai potuto provare alcun tipo di piacere ferendo le donne, vedendole piangere. Lui non avrebbe mai potuto RIDERE compiaciuto IN FACCIA a qualcuna mentre lei piangeva. Questo non è l’uomo che stai frequentando. È probabile che lui NEMMENO RICORDI di averlo fatto. La sua memoria è immacolata.

Come ho già detto, nonostante sia stato abusivo e disonesto con gli altri, con te lui sarà diverso. Specialmente dopo che andrete a vivere insieme. È davvero complicato per lui vivere un rapporto di lunga distanza. Immagino che non stia parlando di quanto sia dura mantenere l’intensità e la connessione tra voi due a distanza. Non sta mica suggerendo che il rapporto tra di voi potrebbe non durare nel caso in cui non andrete a vivere insieme… Certamente non sta sfruttando questo fatto. Non è mica un modo per manipolarti e di spaventarti con la possibilità di perderlo, come ha fatto con le altre. Lui si importa soltanto con te, e vuole davvero che andate a vivere insieme.

Tu sai che con te si sente molto diverso: perché ha detto che con te lui È diverso. E che il tuo amore lo guarirà da ogni male. Ha detto di AVER BISOGNO di te. Che tu sei una persona meravigliosa. Che tu sei importante per la sua vita. Ha detto il quanto lui ti valorizza, ti apprezza e prova nostalgia di te quando non state insieme; il quanto si senta incredibilmente trasformato ora che ha trovato qualcuno tanto speciale quanto te.

Cosa c’entra il fatto di aver detto le stesse cose anche all’altra? Lui stavolta parla con il cuore. Perché tu sei tu.

Lui è una persona cambiata, (stavolta fa sul serio, perché tu sei SPECIALE).

Non hai bisogno di sentire nessuna delle sue ex per scoprire come lui REALMENTE era perché il passato è passato, e su questo siamo d’accordo. Che cosa può, una donna come te, imparare dalle loro esperienze? Lui non è più ‘quello là’. È impossibile che loro abbiano qualcosa di utile da dirti. Figuriamoci! Appartengono al battaglione di donne isteriche diventate mezze pazze. Donne che non riescono ad accettare che lui è andato avanti e chi si è visto, si è visto. Donne che vogliono “avvelenare” il vostro bellissimo rapporto “provando a separare voi due” pur di prendersi le tue briciole – nonostante siano assolutamente convinte che sia un disturbato mentale. Le donne sono fatte così: seminano un sacco di zizzanie! E poi le sue erano donne facili, isteriche, stalker. Non è un caso se ha chiuso con tutte loro per restare solo con te. Ed è bella la fiducia che depositi nelle sue mani quando ti racconta tutta la verità sul suo passato. Peccato che certe cose lui ‘le abbia dimenticate’, non è così?

È un uomo tanto premuroso, uno che davvero si importa degli altri. Tanto da voler realmente restare amico della sua ex. Anche se mai, nemmeno una sola volta l’ha chiamata o mandato un e-mail per dirle: “Senti, io non voglio che tutto  finisca così. Possiamo chiarire la cosa?” (Anche quando viveva nel piano di sotto del suo palazzo, a due isolati da casa sua, a 3 fermate della metro). Anche quando lei era disperata, quando implorava “ti prego non mi lasciare”. Mai. Neanche una sola volta. Lei è l’unica colpevole di tutti i sentimenti negativi rimasti dentro di lui. Era responsabilità sua cercare di riparare le cose con lui. Lui semplicemente non riesce a comprendere perché lei adesso non abbia nessuna voglia di avere alcun tipo di contatto con lui, non prova alcun tipo di desiderio di sapere come sta – dopo tutto ciò che ha fatto per lei, dopo che hanno avuto una storia. Insomma, lei è l’unica ad aver fatto una marea di cose imperdonabili. Ora lui prova ribrezzo per lei, a causa delle ferite che si porta appresso. Lui ancora proietta i suoi problemi su di lei perché il problema è proprio lei… Lui, tutto sommato, è cambiato.

Ma non ti preoccupare se un giorno esporrà agli altri tutte le tue insicurezze, le cose profondamente intime che gli hai raccontato in confidenza – lui non tradirà mai la tua fiducia – come ha fatto con lei. Qualunque cosa accadrà tra voi due sono certa che sarete sempre amici. Sarete sempre in grado di risolvere ogni problema. È irrilevante che lui abbia detto le stesse cose anche a lei (ma anche a tutte le altre). Con te sarà diverso. Ricordati di essere speciale.

Lui non si attenderà un anno o due per iniziare a fare la stessa cosa con te. Non userà ciò che sa sulle tue insicurezze per attivare appositamente quei grilletti emotivi che ti feriscono. Non comincerà a farti una guerra psicologica per camuffare le azioni offensive – che riesce a rendere socialmente plausibili – avendo te come bersaglio. Quindi, lui non farà il filo alle tue amiche prossime e nemmeno userà qualsiasi interesse femminile nei suoi confronti per sminuirti. NO. Lui non userà la scusa che tu non riesce a soddisfarlo per giustificarsi, non ti dirà che non sei all’altezza delle sue pretese. Non si attenderà che tu legga la sua mente per indovinare cosa sta pensando. Non cercherà di farti sembrare la causa della sua infelicità e che tutti gli eventuali problemi del vostro rapporto sono causati da te. Non tenderà trappole per farti arrabbiare, costringendoti a chiudere il vostro rapporto, (oppure per farti arrabbiare talmente tanto da vedersi “costretto” a concludere il rapporto) per posare da martire (ancora una volta). Non fa niente se ha fatto le stesse promesse a lei: solo perché stava adoperando alcuni dei suoi vecchi schemi quando ha iniziato a frequentarti, non vuol dire che continuerà a farlo. Lui ora è cambiato.

Tu sei speciale. Così come lei credeva di esserlo quando erano ancora insieme. Così come tutte le altre hanno creduto di essere.

Ma lui è talmente sensibile e compassionevole che non avrebbe mai potuto averle detto di odiare gli animali e che avrebbe potuto ucciderli oppure rompere le gambe a qualcuno. No. L’uomo che tu conosce è veramente un altro. Lui con te è diverso.

Quanto è tenero lui quando afferma di sentire la mancanza del figlio ormai cresciuto! Ti premetto che non lo fa per deviare l’attenzione o per distrarti dopo che ti ha deluso e ferito; dopo aver fatto o detto qualcosa di talmente indelicato e irrispettoso da farti stare male. Non lo fa per conquistarsi nuovamente la tua simpatia, per farti pensare al padre meraviglioso che è, a quanto davvero s’importa col figlio. Soltanto perché viveva a meno di 2 chilometri di distanza da suo figlio e raramente lo andava a trovare,  non significa che il monologo sulla “nostalgia” paterna sia un modo per distrarti, per riuscire a rindirizzare i tuoi pensieri.

Quanto è bravo lui e quanto è solidale ora! E se anche con lei fosse stato così all’inizio? Ma lui non tornerà mai più a fare i suoi giochetti psicologici preferiti. Non ti riempirà di complimenti e ti incoraggerà per poi criticarti subdolamente, nei minuti successivi, su come mantieni la casa, sul modo come fai le cose, sulle cose che dici… Non ti manderà in tilt sulla base di questa formula.

Ti dà tante attenzioni ora, si dimostra molto interessato a cosa dici e fai… Non pensare che un giorno si girerà verso di te per dirti di non essere più interessato a ciò che ti interessa e accusarti di non fare attenzione ai suoi interessi. Non si sentirà a disagio e depresso perché tu riesci ad attrarre molto di più l’attenzione degli altri negli eventi sociali. Non serberà rancore nei tuoi confronti perché sei carismatica. Soltanto perché prima era così non significa che con te sarà uguale. L’importante è che tu ti defili, che lo lasci essere sempre e comunque al centro. Finché riuscirai a gonfiare il suo Io, stai certa che lui non sarà mai sgradevole con te… D’accordo? È improbabile che lui sia un pozzo senza fondo e che tutta la tua attenzione mai gli basterà. L’uomo che conosci non è così. Almeno non con te. Perché sei speciale.

Il fatto che l’esperienza di un’altra donna con lui sia stata terrificante, le sue distorsioni della realtà e multiple personalità talmente devastanti da portarla ad avvisare altre persone su chi sia lui e il “tipo” di abusatore che è, è assolutamente irrilevante. Deve essere stata *lei* ad averlo provocato. Lui è così diverso ora che ha trovato te e il tuo AMORE MIRACOLOSO. Non c’entra niente il fatto di aver detto lo stesso a lei, vero? Meglio ignorare ogni piccolo dubbio irritante negli abissi della mente, perché io so che tu preferisce credere alla persona disponibile, dolce e romantica che lui sta rappresentando in questo preciso momento. Non vuoi credere che ci sia un lato oscuro e malintenzionato in lui. Un lato che lo porta a godere quando sa che le persone soffrono per colpa sua. Hai bisogno di credere di essere speciale, e meno male che c’è lui per convincerti di esserlo, mettendoti sul piedistallo e dicendoti che nessuno lo capisce come te. Vorrebbe tanto smettere di sentirsi male con se stesso (perché è così che la strega lo fa sentire!). È così tragico quando afferma che se le cose tra di voi non andranno bene, non funzionerà con nessun’altra persona al mondo… Oddio, che tragedia!  (Va be’, lui ha detto la stessa cosa anche a lei, ma che ci importa!)

Tu sei l’unica capace di “riparare” il suo Io maltrattato. Il vostro rapporto sarà molto migliore dei suoi precedenti, proprio perché tu sei speciale! Con te lui parlerà con chiarezza e sarà onesto PER LA PRIMA VOLTA IN VITA SUA. Non diventerà crudele o passivo-aggressivo. Non farà giochetti psicologici ancora una volta. Lui smetterà di usare e scartare le persone come se fossero un paio di vecchie scarpe. Non ti parlerà in modo grossolano, indelicato e irrispettoso com’era con le altre donne. Ti ama tantissimo, è un uomo cambiato. (Per il meglio, ovviamente). E non perché abbia fatto terapia. Non perché abbia chiuso i suoi ‘rapporti sentimentali’ per prendersi seriamente un po’ di tempo per capire cosa non vada in lui, per risolvere le sue paure interne e sapere cosa vuole dalla vita. Non per aver chiesto SINCERAMENTE scusa (senza l’obiettivo di recare ulteriori sensi di colpa agli altri) a tutte le persone che ha ferito, e abbia fatto pace con loro. Non perché abbia lavorato SERIAMENTE in questo senso. Né perché abbia confessato a ognuna delle persone che ha imbrogliato qual’erano le sue reali intenzioni quando le ha attratte nella sua rete oppure fatto un unico minimo cambiamento sincero.

Tutto ciò che lui aveva bisogno era di trovare la donna giusta per “salvarlo” da se stesso, per “aiutarlo” a diventare un uomo migliore. E QUESTA DONNA SEI TU.

TU SEMPLICEMENTE SAI CHE CON TE LUI SARÀ DIVERSO, VERO?

 

 

75 pensieri su “A te che credi di essere tanto speciale…perché tutto ciò non accadrà mai con te: lui con te sarà diverso.

    1. Mi stai aiutando tantissimo con gli articoli e con tuei comenti.Qualche giorno fa ti ho scritto di mie pene per questi poveri disgraziati però poi capisco che sono stata programata dal padre narcisista a dispiacersi per loro e continuo in questa maniera.Leggo tutti giorni per portare la luce nella mia mente per poter cambiare.Ti ringrazio

      Piace a 1 persona

  1. Certe volte mi chiedo se non sia stata presunzione quella di credere che con me sarebbe stato diverso…
    ora lo vedo con una ragazzina… si vive una storia quando tre giorni prima a me diceva che non voleva storie…ci va in viaggio…
    25 anni di differenza con lei sembrano non essere un problema. Vuoi mettere con i 14 di differenza con me? Per me era vecchio. Per lei… beh… no ovviamente. Un 50enne ha molto in comune con una di 25 anni.
    Provo pena per lei, la conosco, so che in lui vive il transfer del padre con cui non parla da anni.
    Ma d’altra parte provo gelosia. Si. Sono gelosa. Tutto quel triangolare mi ha fatta diventare gelosa. Insicura.
    E lei ora penserà di essere diversa. Come lo ero io. Che per 4 anni ho pensato che fossi l’unica a capirlo…poverino…
    8 mesi sono passati dalla chiusura. Sto meglio ma il veleno ancora circola.
    Chissà se avrò mai modo di parlare ancora con lei… Ora credo che lei pensi che sono gelosa di lui. Gelosa perchè sono stata scartata.
    Gelosa lo sono. Ma sono anche tanto FORTUNATA.
    Mi sento una vittima fortunata.
    Spero non le faccia troppo male…

    Piace a 1 persona

  2. Salve mi viene da piangere tutto maledettamente vero…con me sarebbe stato tutto diverso, invece stesso copione che con la ex…lei lo odiava perché troppo gelosa di noi poverina e io ci credevo come credera’ ora la nuova preda…che tristezza,grazie ancora per questi articoli.

    Piace a 1 persona

    1. Ci ho messo un po’ per tradurre questo sfogo. A una prima lettura mi sembrava la lettera di una donna tanto arrabbiata e basta… Poi, dormendoci un po’ sopra, sono arrivata alla conclusione che erano parole autentiche, scritte con l’UTERO. C’è tutto dentro. Il gaslight, la triangolazione, il dolore, le menzogne, il lavaggio del cervello, lo sfruttamento, il parassitismo… eppure lei non fa menzione ad alcun tipo di linguaggio tecnico, come spesso lo facciamo qui. Non potevo non tradurla.

      Piace a 2 people

  3. C’e’ un passo Claudileia che mi appartiene particolarmente…lui inizialmente mi aveva raccontato che si era fatto lasciare dalla sua ex perché non l’amava piu,ma non aveva avuto il coraggio di lasciarla,perche’ la povera ragazza aveva subito lutti importanti, era sola e lui molto sensibile e umano…anche io durante la relazione ho subito dei lutti importanti..incredibile stesso copione a volte stento a crederci

    "Mi piace"

    1. Ahimè, carissima Vera, quando la loro preda sta vivendo un lutto o nell’imminenza di viverlo infieriscono particolarmente schiavizzandole a vita. Loro penseranno sempre: “Lui mi è stato tanto vicino quando è morto mio padre, mia madre, mio marito…” senza rendersene conto che questa vicinanza assolutamente fasulla l’avrebbero pagata a caro prezzo.

      "Mi piace"

      1. Pazzesco….proprio questo succedeva…appena qualche familiare stava male eccolo li a prodigarsi,a farsi in quattro, c era sempre e faceva sempre del suo meglio.Ma quandoIO non stavo bene..beh passava subito, a lui era capitato di peggio…Mi ha accompagnata al pronto soccorso col mio nipotino piccolo e non si è degnato di entrare…stava fuori a fumare , telefonando ogni tanto se “avevamo finito”….Esseri falsi, tutta apparenza…dio, grazie per essermi salvata in tempo

        "Mi piace"

      1. Mi spiace cuore,anche per me lui era perfetto,e riuscito a starmi vicino nei lutti come mai potessi aspettarmi da una persona appena conosciuta,mi sentivo fortinata e dopo per me è stato più difficile allontanarlo proprio per questo…ero sola.

        "Mi piace"

  4. Quanta verità che c’è anche al contrario.
    Con una narcisista perversa che va in terapia, dice che non sa come si ama un uomo, vuole innamorarsi, ha il cuore freddo, ma la sua natura non riesce proprio a cambiarla e distrugge tutto quello che ha. Ovviamente finita la storia di due anni fatta di manipolazione e ambiguità il carnefice sono io e ora sarà già con il suo “prossimo amore della vita”. E naturalmente quello che è riuscita a inculcarmi sotto pelle è che con la terapia con il prossimo si innamorerà follemente come una favola. Che cambierà. Che sarà diversa perché era io che non andavo bene.

    "Mi piace"

  5. Ho pianto….e piango ancora mentre scrivo..Tutto vero, tutto vissuto sulla mia pelle…e ancora non è finita. Continua a mandarmi messaggi cercando un ultimo incontro per chiarire una volta per tutte la situazione (un mese fa, dietro sua insistenza l’ho rivisto e chiarito tutto, lui naturalmente ha negato la triangolazione). … e nel frattempo continua ad uscire con l’amica . Poverina, la vedo inerme nella sua ragnatela, ignara del mostro che ha davanti.
    Ad un amico comune ha detto che si sente confuso e che non sa quale delle due scegliere (me o l’altra). C’è un piccolo particolare però e cioè che io l’ho lasciato e quindi non serve scegliere perchè ho scelto io per lui.
    Io non rispondo ai suoi messaggi che, non so come, arrivano giusto quando comincio a sentirmi meglio.. e subito riprende il malessere, l’ansia e il desiderio di rispondergli per le rime e ( devo ammetterlo) anche di rivederlo…. Cla ma come fa a destabilizzarmi, a prosciugare tutta quella poca energia che avevo faticosamente ripreso, perchè se mi ha portato a lasciarlo continua a cercarmi? Mi usa per triangolare con la nuova vittima? (anche se non hanno rapporti perchè lui non riesce… o non ci riusciva con me?) oppure perchè teme che lo possa sputtanare con le persone che pensano di lui che è una persona onesta e corretta? – Mi viene così difficile ragionare con la sua testa!!!! E ancora di più smettere di dedicargli i miei pensieri e resistere al desiderio di rispondergli (cosa che non faccio appena penso che è proprio questo quello che vuole costringermi a fare).

    "Mi piace"

    1. Sì, carissima. Lui non desisterà finché continuerà a pensare che tu parlerai con gli altri. Ti ‘rivuole’ per assicurarsi il tuo silenzio. Sa perfettamente che una donna arrabbiata e piena di rancore può mettersi a sputtanarlo a qualsiasi momento e quindi GLI CONVIENE che tu ‘STIA BUONA’. GLI CONVIENE FINGERE di VOLERTI ANCORA per CONFONDERTI, di modo che tu resti IMPIETRITA e senza sapere come agire. Nel mentre lui se la spassa con l’altra. Se “funziona” con lei oppure no è meglio non saperlo. Comunque, visto il soggetto e cosa ha combinato con te, peggio per la povera! La sua testa è matematicamente fredda. Non c’è alcun tipo di confusione, credimi. E’ tutto molto recente, dovrai batterlo sulla stanchezza. Ad un certo punto (visto che lui non sa stare da solo, come ogni narcisista perverso) ‘deciderà’ per lei. Sarà la tua liberazione. Tu hai voglia di rispondere perché sei nel pieno della fase di condizionamento. Lui è ancora la tua droga. Stai tranquilla che a forza di non rispondere la cosa ti verrà più spontanea e naturale. Ad un certo punto cambierai numero e sarà un po’ come tagliare un cordone ombelicale, una rinascita…

      "Mi piace"

      1. Io come già detto sono istintiva ed un pò sanguigna, devo ammettere l’ho letteralmente sputtanato con tutti i conoscenti comuni e così ha fatto la donna che ha avuto in contemporanea con me, lui “povero” si è trasferito in un’altra regione ricominciando il giochetto tranquillamente.

        Piace a 2 people

    1. Progettare qualsiasi cosa con uno psicopatico è un disastro annunciato. Cambiano progetti come cambiano i calzini. Ad ogni “progetto” corrisponde una donna/un uomo raggirato e sfruttato. Non hanno la genialità per riuscire ad ottenere le cose DA SOLI. Devono parassitare qualcuno per forza. Qualcuno che apra le porte, qualcuno che gli trovi lavoro, qualcuno che sprone la strada, qualcuno che eventualmente possano sfruttare anche per il sesso. Nulla li manda più in bestia di aver puntato sul cavallo sbagliato. Cambiare cavallo è una fatica, quindi, cercano di punire chi non ha risposto alle loro attese denigrando tutti quanti alle spalle…

      Piace a 1 persona

  6. Questo articolo è una sintesi accuratissima della storia con il mio ex marito ( e sì, ha fatto piangere anche me). Pensavo di aver incontrato un essere umano eccezionale e mi sono ritrovata con un manipolatore subdolo e sadico, che ha fatto a me tutto quello che aveva già fatto ad altre.Quello che mi dispiace di più è il fatto che lui ha usato per mettermi al tappeto proprio quelli che sono i miei punti di forza :la.mia generosità, la mia fiducia nel mondo e nelle persone,la.mia capacità di provare compassione e dare supporto. Ma c’è una cosa che ho imparato da questa brutta vicenda : sono un essere umano capace di mettersi in discussione, di cambiare il mio comportamento,di maturare ,di crescere e di imparare dall’esperienza e dalla sofferenza.A quattro anni dalla fine del mio matrimonio mi sento molto più solida e forte di quanto non sia mai stata.Un abbraccio a tutti i soprovvissuti

    Piace a 1 persona

  7. Carissima Claudileia, sono nata e cresciuta in una famiglia narcisistitica ,forse era inevitabile che cadessi preda di un altro narrcisista , ma in qualche modo, e me ne rendo conto solo adesso a distanza di anni, tutta questa vicenda ha fatto si che venisse fuori la parte più autentica di me, non la donna mite ed forse eccessivamente accomodante che pensavo di essere, ma un ‘indomita guerrierra, capace di proteggere se stessa ,i propri valori e i propri affetti con grande risolutezza ed efficacia. Certo, sono sempre una donna dolce, tranquilla e riflessiva, ma adesso è come se lo fossi in un modo più profondo ed essenziale, certamente adesso ho una conoscenza di me stessa, ed un senso di appartenenza a me stessa, che prima non avrei mai immaginato di poter avere.

    Piace a 1 persona

    1. Invece tutto ciò era già dentro di te. Non devi nulla alla sofferenza recata da questa persona per essere diventata ciò che sei. Semmai sono persone che ci rubano il tempo e la lucidità per continuare quel percorso che avevamo iniziato molto prima di conoscerle. A cosa servono queste esperienze? Certamente a farci comprendere l’esistenza di personalità che si nutrono della vita altrui, per insegnarci a tutelarci da loro. La nostra essenza, però, resta intatta, non si altera con il loro passaggio – semmai si blocca e si avvelena per un periodo piuttosto lungo, arrestando un percorso umano che aveva sin dalla nascita tutte le carte in regola per proseguire verso qualunque obiettivo prefissato. Tutto ciò senza perdere mai la propria umanità, cosa che non sono assolutamente in grado di farlo perché “vincono” seminando distruzione.

      "Mi piace"

  8. Cara Claudileia,
    ancora grazie e complimenti per il tuo prezioso blog. Gli ultimi articoli che hai pubblicato sono meravigliosi di una verità sconvolgente oltre ad essere perfettamente correlati tra loro. Questa lettera che hai tradotto potrei averla scritta anche io rivolgendomi alla amante del mio ex marito-psicopatico, dove vedevo con chiarezza e lucidità come la prendeva in giro e come la usava contro di me. Naturalmente non potevo farci nulla, se non ringraziarla silenziosamente dal profondo del mio cuore, seppur ferito e sanguinante.
    E’ vero che ognuno di noi è in qualche modo speciale ed unico, ma non per loro, gli psicopatici, per loro siamo tutte o tutti terribilmente uguali, in serie direi.

    Si dice che dopo la storia con un narcisista patologico ne becchi un altro. Si, potrebbe accadere,ma ormai abbiamo gli strumenti per capire, se vogliamo e se siamo nella direzione giusta per guarire. Ebbene , a me è capitato: un amico di vecchia data col quale avevo avuto una brevissima relazione che ero ragazzina, prima di sposarmi. Non so come abbia fatto a trovarmi,dal momento che non sono su Fb, ad ogni modo a parte l’ambiguità iniziale, il grande divario tra le cose dette e i comportamenti, la cosa che davvero mi ha fatto pensare sono stati i racconti di quello che aveva fatto a sua moglie, cose a dir poco riprovevoli che la poverina aveva subito e perdonato perchè innamorata di quel mostro che ora la criticata ora ne intesseva le lodi,ed allora ho avuto tanta compassione di quella donna e mi sono chiesta perchè con me dovrebbe essere diverso?cosa avrei io di tanto speciale?
    Da questo ho intuito tutto e i pezzi si sono ricomposti immediatamente ed ho capito perchè una relazione con uno psicopatico rappresenta una grande opportunità per migliorare se stessi, perchè si lavora sulla propria ferita narcisistica, su quella parte in ombra di noi che li ha attratti nella nostra sfera, e comprendere fino in fondo che, seppure non abbiamo colpa di quanto accaduto , riconoscere una nostra responsabilità ad aver colluso col male è segno di maturità ed onestà.
    Essere leali con se stessi e accettare di essere stati nulla o peggio essere stati abusati e serviti come rimpolpanti di un ego ipertrofico malato ci apre grandi opportunità di miglioramento. E questa rappresenta una delle più grandi sconfitte per uno psicopatico perchè quello che lui vuole, la sua vittoria sarebbe quella di trascinare tutti nel suo abisso infernale, farci diventare come lui cattivi, insensibili, perfidi spietati e pieni di ego.Il loro scopo è quello di cambiare gli altri in peggio, così da poterli poi criticare e mettersi al di sopra di essi .
    Migliorare la propria anima proprio perché si è sperimentato il dolore e la sofferenza è una delle meraviglie che la natura umana fatta a somiglianza di Dio possiede, cosa praticamente impossibile per un narcisista perverso, sentimenti come la solidarietà, la bellezza, la condivisione, l’amore sono inaccessibili ad uno psicopatico che vive una vita fatta di rabbia e odio.
    E il male fa star male.

    "Mi piace"

    1. Dolcissima Jeng, i vostri riscontri mi commuovono perché non sono soltanto “parole”, ma l’intero vostro vissuto che viene rielaborato qui, su questo mio piccolo grande blog. Ogni commento come il tuo è un regalo che mi date. Ognuno di noi che scriviamo qui avremo potuto scrivere queste parole di sconcertante potenza. Parole che funzionano come uno specchio girato verso di noi e che sembrano chiederci: dov’eri tu?

      "Mi piace"

  9. Esseri subdoli e meschini in ogni singola azione, in ogni singola parola. Rendersene conto apre una ferita profonda nel petto, ricucirla è un lavorone. Per giunta proseguono nelle loro infami, piccole azioni quotidiane: chi, come me, ha figli in comune con questi personaggi e non se ne può liberare definitivamente (dei personaggi, non certo dei figli che sono un dono divino) ha bisogno forse di più tempo perché deve anche imparare a tenerli a distanza pur dovendo comunicarci. Ciò che sconvolge è proprio il loro modo di comunicare: non dicono, lasciano intendere, bisogna interpretare le loro parole e di sicuro alla fine ci si sente dire che si è capito male. Instillano dubbi anche con semplici silenzi infami, sono macchine da guerra che si accaniscono contro chi cerca la pace. Quella pace va cercata altrove, prima di tutto dentro di sé.

    "Mi piace"

    1. Sul linguaggio che utilizzano c’è da scrivere un trattato perché riescono ad ottenere tutto ciò che vogliono aprendo e chiudendo la bocca. Ti parlano ma non ti DICONO NULLA. Il linguaggio è sempre svalutante verso le persone, sopratutto verso coloro che sono oggetto della loro terribile invidia. Possono rovinare la reputazione di qualcuno, denigrarlo, dire che è brutto, ciccione, orribile, schifoso, puzzolente e bla bla bla solo perché invidiano la sua posizione, ciò che ha ottenuto nella vita. Guai a te se un soggetto psicopatico ti invidia. Sei nella m… ma senza saperlo perché davanti a te saranno dolcissimi! Quando lodano qualcuno è per ottenere qualcosa da lui/lei che tanto possono essere sesso, lavoro, relazioni personali, ecc. Le lodi sono comunque MOLTO ESAGERATE, quindi sostanzialmente FALSE. Non attaccano mai qualcuno frontalmente, ma preferiscono ferirlo alle spalle. Fanno allusioni perverse sulle persone con l’intuito di promuovere la distruzione dei loro rapporti personali. L’attacco è subdolo e quasi sempre fatto con un ghigno per tutelarsi, per dire nell’eventualità che la persona si offenda “Stavo soltanto scherzando! Non hai alcun senso dell’umorismo. Ma come sei amara/o!”. Quando hai capito come funziona il loro linguaggio, cioè, quando loro capiscono che non riescono più a imbrogliarti vanno letteralmente in tilt: diventano prevedibili, si danno zappe sui piedi, parlando troppo e quindi mettono troppa carne sul fuoco (gli overt), dopodiché si perdono in deliri vari per salvarsi la faccia mentre tu, impietrito, non sai più neanche che cosa dire. E’ interessante vedere come cercano di difendersi quando oramai SANNO che tu SAI che c’è qualcosa che non va in loro. Ed è proprio questo il momento in cui diventano molto pericolosi perché non accettano alcun tipo di sconfitta.

      "Mi piace"

      1. Pericolosi, si. Ti dirò che io ho paura della potenza di fuoco che ha, che hanno, perché sento intorno a me un alone di odio non indifferente che si estrinseca in un isolamento totale da un folto gruppo di persone che fino a pochi mesi fa erano parte della mia vita e sostanzialmente la mia rete sociale. Mi sto ricreando rapporti più profondi con la mia famiglia che, guarda caso, era stata allontanata da me e dai miei figli ad arte: nuove amicizie e nuove attività mi daranno di nuovo una vita sociale appagante, nella sua semplicità. Non è facile cancellare decenni di vita, ma il passato è passato, morto e sepolto. Ho imparato da tutto ciò? Si, e ho ancora molto da imparare.
        Per rimanere in tema linguaggio, sai quante volte mi sono sentito dire “sei pesante”, “sei acido”, “sei complicato”? Ora so che posso vantarmi di esserlo agli occhi di una mostriciattola da quattro soldi. Sarà sempre così, una produttrice di schifo: lasciare andare dipende solo da me, tanto i suoi silenzi alternati a parole senza costrutto ed a tentativi di distruggermi non cesseranno mai. Ho due figli meravigliosi e tanto amore nell’anima: riparto da qui, in fondo è un ottimo trampolino. Ho abbracci per tutti e tutte voi, virtuali o reali che siano, e ve li mando.

        "Mi piace"

      2. La loro capacità di farsi dei seguaci è un’altra cosa da essere affrontata qui sul blog. Sanno costruire intorno a sé un gruppo di “fanatici” che li difendono a spada tratta QUALUNQUE cosa facciano. Non a caso molti leggono libri sulla manipolazione, su come perfezionare le tecniche di convincimento e di persuasione da usare con interi gruppi. Loro ‘comprano’ le persone con promesse e favori per far sì che si sentano in debito con lui/lei. Basta poco per generare attorno a sé una coltre difensiva, il resto è seduzione, ‘gentilezza’, ‘dolcezza’, ‘attenzioni’, ‘disponibilità’ verso tutti che non appartengono al nucleo familiare stretto (bastonato e maltrattato), ecc.

        Piace a 1 persona

  10. Grazie per questa meraviglia di articolo…. non c è una frase , una parola che non appartenga ai nove anni di inferno vissuti con l’idiota.
    Ne avevo bisogno … avevo bisogno che qualcuno. Idificasse quello che avevo intuito da me e che stentavo ad accettare perché appartien a una logica tanto lontana da me. Io sono stata lo strumento per distruggere mio marito che aveva la colpa di avere una moglie che lo amava e una carriera brillante. A me ha distrutto la carriera perché ero più brava di lui. Ha distrutto i miei figli perché erano ricchi con la barca a mare e lui queste cose non le aveva da dare alle figlie. Si è accanito su di me fisicamente e psicologicamente perché io lo perdonavo e poi ha fatto in modo che io lo lasciassi ma non ha impiegato un mese per fa finita no no! Ha saputo aspettare anni…. appartengono a una razza diversa dalla nostra e lo dico con cognizione scientifica perche sto studiando la storia del genoma umano.ora vuole la mia amicizia dopo tre anni!! Se non ci fossi tu Cla… io ci sarei ricaduta. Ora so perché mi ha detto di fare il pap test dopo 3 anni , ora quando comparirà il suo nome sulla mail aziendale cestinerò immediatamente . Ora sono pronta!!!
    God bless you
    pina

    "Mi piace"

    1. Carissima Pina, ovviamente il suo tratto criminale lo porterà sempre a voler tornare sul luogo del delitto, cioè, dentro il tuo cuore. Tutte le testimonianze e gli articoli che leggi qui sono una dichiarazione di vicinanza nei confronti di persone come te. Hai avuto a che fare con un mostro, ma piano piano lo stai debellando attraverso la tutela della tua salute e mantenendo buoni rapporti con i tuoi cari. Ovviamente lui ti vuole distrutta, come vuole distruggere ogni cosa che hai costruito e che costruirai in futuro. Ti vorrebbe strisciando sui suoi piedi ma, siccome hai smesso di farlo da un pezzo, lui si sente talmente frustrato da tornare ogni tanto per cercare di darti il colpo di grazia. Torna quando gli gira, torna quando gli va, ma torna sempre per lo stesso motivo: distruggere una donna che ha sopravvissuto ai suoi abusi e tradimenti. Girovaga, invia un e-mail a una, fa uno squillo ad un’altra, manda messaggi a destra e a manca riciclando vecchi testi… e così passa il suo tempo, finché qualcuna o più di una ritorna all’ovile…

      "Mi piace"

  11. Ciao Claudileia, questo articolo cade a puntino. Avrei comunque voluto scriverti stamattina, ma avevo paura di essere pesante, insistente o dura a capire, ma spero tu mi possa capire. Ho la mia rete di aiuto attorno e come ti ho detto sono in cura, la psicologa mi sta trattando per il disturbo post traumatico da stress. Da quando mi ha dato la batosta finale, SICURAMENTE ho capito tante cose, la falsità, la CATTIVERIA (anche solo farsi vedere nel mio bar con lei quando poi le dice che non vuole farmelo sapere male…), i sicuri tradimenti, la finzione iniziale…tutto. Tutto sgretolato, 4 anni di dubbi ora tutti chiariti. Leggo di tante ragazze su questo blog, distrutte nel venire a sapere che lui ha un’altra, sappiamo tutte cosa vivranno i primi mesi e siamo invidiose, questo mi fa capire che non sono un caso patologico. Ho capito che l’ultimo step che mi manca PER USCIRE PER SEMPRE da questo INCUBO è convincermi che non cambierà per questa persona, che la tratterà nella stessa maniera. DEVO SOLO CONVINCERMI DI QUESTO, sento che è l’ultimo passettino che mi manca. Le tue parole mi sono sempre servite Claudileia, te lo posso assicurare, mi sono stampata i nostri discorsi e li rileggo tutti i giorni. Indirizzami su come convincermi definitivamente di questa cosa, SO BENISSIMO CHE SPETTA SOLO A ME, ma ho più fiducia di qualcuno che CONOSCE le dinamiche, quindi ti chiedo quest’ultimo aiuto. Anche a chiunque vorrà intervenire. Io ci metterò tutta me stessa, ve lo giuro perchè questo incubo DEVE FINIRE. Grazie mille a tutti

    "Mi piace"

    1. Quando si arriva alla conclusione che sono esseri che possono provocarci solo conati di vomito, cosa si vuole di più? Che aumentino la dose e ci portino alla morte (fisica o cerebrale)? Basta, no? Zero contatti, sguazzino nella melma che vogliono, tanto più che melma non sanno creare. Ogni pensiero di loro che entra nella nostra mente va preso e sbattuto fuori: sono solo tossine, fanno solo male, tuttavia tenerle al calduccio nella nostra mente è una nostra scelta.
      Guarda, io sono stato cancellato dalla sua famiglia dopo 25 anni. Fratelli e sorelle passano a 10 metri da me e nemmeno salutano: ECCHISSENEFREGA. Si proteggono l’un l’altro, fanno clan: chi accetta le loro finzioni ne la loro ipocrisia può continuare allegramente a frequentarli, ma ha scelto di essere altrettanto ipocrita: è un problema suo. Io me ne sto alla larga, di quello che pensano e dicono mi interessa zero spaccato perché è tutto basato sul nulla, tutto finto, saluti finto, bacetti finto, frasi finte: sono attori, recitano. E noi paghiamo per uno spettacolo in cui siamo i capri espiatori, oppure usciamo dal circo e li lasciamo lì a tirarsi letame. Rosicheranno, cercheranno di vendicarsi con veemenza e con veemenza bisogna difendersi.
      Ricordati sempre che lui fa vomitare: smettere o meno di vomitare è una tua scelta. In bocca al lupo.

      Piace a 1 persona

    2. Carissima Romina, come scritto in quest’ultimo articolo (che non è scientifico ma è la fotografia di come funziona e funzionerà la vita accanto a un soggetto affetto da n.p.) le possibilità che cambino PER MANO DI UN’ALTRA PERSONA sono pari allo zero. Nemmeno un grave lutto, il fallimento di un matrimonio, la sofferenza di un figlio manipolato è in grado di frenarli. Sono persone altamente disturbate che non avvertono alcuna necessità di essere ‘guarite’ perché convinte di essere perfette. Ogni articolo di questo blog pone l’accento sull’assoluta IMPOSSIBILITA’ anche BIOCHIMICA di alterare ciò che non funziona nel loro cervello, cioè, le zone legate all’attaccamento ad una persona, ai sentimenti, all’empatia, ecc. Una mia lettrice ha ideato il seguente esercizio: ha preso i brani del blog che rappresentano esattamente la sua storia, piccole parti che l’hanno colpita. Dopodiché le ha stampate e fatto piccoli bigliettini per se stessa che ha messo dentro un contenitore. OGNI MATTINA mette la mano dentro il contenitore e ne prende uno. Poi lo legge a voce alta davanti allo specchio. Mi ha detto che con questo esercizio è riuscita a superare il primo mese di no contact perché leggeva cose che gli dicevano costantemente: “Guarda che non è dignitoso chiamarlo dopo che ti ha fatto tutta questa roba, lo capisci?”

      "Mi piace"

      1. Grazie Claudileia, può essere sicuramente una buona cosa da fare. Voglio precisarti con orgoglio che io NON HO ASSOLUTAMENTE la minima intenzione di chiamarlo vederlo o sentirlo. Ho fatto l’errore sabato accecata da tale orrore di chiamarlo ma sono pentita, non avrei dovuto dargli cosi importanza, lui ci avrà goduto di certo. Mi consola sentirti dire queste cose, è che credo di avere il cervello ancora momentaneamente frullato da 4 anni di abusi. Sai si è pure già conquistato tutte le sue amicizie (mie vecchie “amicizie”) perchè lo considerano solo insicuro, poverino. Ieri ho detto a mia mamma: Visto che questa è più bella, elegante, carismatica, posata, gli fa fare bella figura in giro e con i suoi amici non la lascerà andare e la presenterà ai suoi genitori! Non ti dico mia mamma quanto mi ha sgridata e mi ha risposto “Se non lo capisci tu nessuno ti può aiutare”. E’ questo che mi fa tanta tanta paura.

        "Mi piace"

  12. Ciao Romina, non saprei come aiutarti, mi resta solo da raccontarti come ho reagito io.
    Quando lui ha dovuto chiudere il neggozio perchè sommerso dai debiti, ha scaricato l’arredamento e la merce nel magazzino della mia ditta, con il benestare dei miei soci, la settimana dopo doveva venire a fare l’inventario per iniziare a svendere il tutto, ed invece non l’abbiamo visto per un mese, è venuto per un’oretta e si solo portato via materiale e poi è risparito perchè aveva degli impegni all’estero (Lignano…a me sembra Italia….).
    E’ tornato dopo due mesi solo per prendere altro materiale e farsi prestare degli attrezzi e poi il nulla…..morale sono passati 10 mesi le sue cose sono stipate nel nostro magazzino ed ora ci daremo da fare noi, come sempre!!
    Ecco ho reagito quando ho saputo che lui non aveva minimamente cercato o provato a pagare i debiti, quando ho scoperto che i creditori contattavano me perchè gli aveva dato il mio numero di cell., e lui si era già accasato in un’altra regione con un’altra donna lasciandosi tutto alle spalle.
    Allora ho capito che io dovevo salvare me stessa altrimenti mi avrebbe trascinato nel fango incurante di tutto ed io non volevo morire per lui!!!
    Non so se ti possa essere di aiuto ma lo spero, ricordati se lui fosse in riva al fiume e ti vedesse annegare non ti aiuterebbe anzi ti ficcherebbe la testa sott’acqua!!!

    Piace a 1 persona

    1. Anzi, ti butterebbe lui nel fiume e poi – come ogni gaslighter – mentre stai annegando ti guarderebbe dritto negli occhi per dirti: “Ma perché MI STAI ANNEGANDO”. E così uno crepa pensando “Ma che caspiterina ha voluto dirmi???”

      "Mi piace"

  13. Esatto!!! io ero fuori dal cancello di casa mia mentre lui stava uscendo, alle 4 del mattino, da casa della mia vicina 😦 piangevo in silenzio, ormai ero sfinita, non reagivo più passavo il tempo a piangere, mi vede attraversa la strada, mi abbraccia stretta stretta mi accarezza lievemente la testa e mi dice: io non più cosa fare con te, non avrei mai pensato che avessi questa immensa passione per me!! non so più come affrontarti, ti stai facendo troppo male!!
    Basita non capivo….ho alzato gli occhi per guardarlo…STAVA GHIGNANDO SODDISFATTO E TRONFIO!!!

    Piace a 1 persona

    1. Santo cielo… è tutto un copione cinematografico. Nulla sconvolge queste persone perché non hanno davvero alcun barlume di coscienza. Il cervello non ci arriva, non è come il nostro. Loro, però, sono fierissimi del loro cervello, sanno di essere ‘diversi’. Anzi, sanno di essere ‘i migliori’!

      "Mi piace"

    2. L’estate scorsa, in pieno caos, ho concordato con la mia quasi ex (non la avevo ancora mandata a farsi benedire ma lo ho fatto definitivamente un mese dopo) di parlare , insieme, con la nostra figlia maggiore, 11 anni, per dirle che mamma e papà avevano problemi ma stavano cercando di risolverli. Così una sera la abbiamo portata a passeggiare e io, solo io, le ho parlato mentre lei, mia figlia, piangeva a dirotto. La madre invece se la rideva, non parlava e rideva godendo del fatto che io stessi mentendo a mia figlia, perché lei sapeva già benissimo che non c’era nulla da sistemare, aveva già un altro da anni, infame, e mi ha spinto a mentire a mia insaputa e con enorme soddisfazione. Questo sono, delle m…e ambulanti circondate da altrettanti escrementi viventi. Scusatemi per il gergo: io sono davvero molto più sereno di allora, ovviamente, la rabbia sta passando e il lavoro psicologico sta pagando, tuttavia i ricordi di malignità perpetrate ai danni anche di innocenti ragazzi strapazzati emotivamente mi fa ancora imbestialire. Non hanno vergogna, non hanno limiti. Ma mia figlia ha visto la madre ridere mentre noi piangevamo e non lo dimenticherà: se glie lo chiedessi ora, e me ne guardo bene, non lo ricorderebbe, ma lo ha registrato. Al piccolo viene detto invece che mamma è da nonna per non lasciarla sola: anche qui è toccato a me dirgli la verità, nel momento in cui ha chiesto spiegazioni. Stavolta lo ho fatto da solo per evitare una scena inquietante almeno a lui. Quando si sono viste e udite certe cose non si può davvero perseguire ancora quella strada: è un baratro. Tuffarcisi di testa, ancora una volta, proprio non si può.

      "Mi piace"

      1. Ridere quando tu provi dolore. Basterebbe questa cosa per farci comprendere di essere di fronte a un soggetto psicopatico. Mi è capitato di essere derisa in questo modo. Ero lì a piangere e la “persona” a ridere di me. Ho trovato la cosa talmente orribile e poco dignitosa. Credo che la mia ricerca sulla psicopatia sia partita proprio da questo fatto.

        "Mi piace"

      2. Si, è allucinante. Ricordo un’altra scena di alcuni anni prima: eravamo in vacanza e nello scendere una scalinata in porfido con pacchi e pacchetto della spesa e il figlio piccolo da seguire, scivolai e mi feci piuttosto male ad una gamba: nulla di rotto ma una bella escoriazione. Lei rideva, nemmeno una parola di conforto. Mi sfotteva e io non ho saputo aprire gli occhi e mandarla dove meritava. Che esseri. Ricostruire una vita passata con questi fa venire i brividi. So che incontrerò una donna che mi darà tutto l’affetto che mi piace e che non ho praticamente mai avuto. Lo so perché sarà frutto di tanta sofferenza e tanto lavoro, necessario, su di me. Nel frattempo curo la mia anima, i miei figli e me ne sto da solo con tutta calma, senza fretta. Di certo non mi posso più permettere errori così macroscopici. Cla, siamo più forti dopo. Per forza.

        Piace a 2 people

  14. Devo aspettarmi qualcosa visto che questa mia ex conoscenza è andata a riferire alla sua nuova fiamma (lo dirà a lui) che ho reagito male sabato ma che voglio solo stare bene, che penso solo a me, che non ne voglio più sapere e che sto conoscendo un nuovo ragazzo. Io ho paura che sapendo questo lui preparerà un nuovo modo x farmi male. Io non sono pronta (momentaneamente) ad altro.

    "Mi piace"

  15. Quante cose uguali in tutti i post che leggo. Mi ricordo che dopo averlo lasciato, in uno dei tanti incontri voluto da lui, gli parlai del suo problema: era un narcisista e il tutto era legato alla sua sofferenza da piccolo. Guardandolo negli occhi gli dissi “devi avere sofferto tantissimo, quando ti immagino piccolo e sofferente mi viene un dolore al cuore insostenibile” e la voce mi si spezzò e le lacrime cominciarono a scendere copiose sul mio viaso. Lui mi guardò con un sorriso che non saprei definire (ghigno? divertito? soddisfatto?) dicendomi ” Hei ,!!!” . Non mi abbracciò nè seppe dire altro. Cambiai subito argomento consapevole del fatto che non capiva il mio linguaggio. Stavo parlando di lui, della sua sofferenza da bambino!!!! e lui non ha fatto una piega nè mi ha chiesto di cosa stessi parlando (N.B. che un mese prima aveva letto un libro suggeritogli da una amica sul N.P, quindi sapeva benissimo di cosa stessi parlando).
    Non hanno posto nel loro cuore per i sentimenti più o meno nobili. Mancano di empatia e stare con loro, specialmente dopo averli riconosciuti, equivale a morire. Romina, anche io mi trovo nella fase che penso che con quest'”altra” potrebbe cambiare, poi ho letto la lunga lettera postata da Claudelia e mi sono rivista quando l’ho conosciuto…anch’io credevo che con me sarebbe stato diverso che con sua moglie perchè con me era tutto”speciale”. Era sua moglie la fetigrafa che lo aveva tradito “il poverino”, io non lo avrei mai potuto tradire nè ho mai pensato (in 18 anni) che potesse farlo lui…. e invece eccomi quà a testimoniare che con me ha usato la stessa ambiguità, aridità e menzogne che aveva usato con sua moglie, solo che sua moglie ce l’ha fatta a liberarsene perchè ha avuto la fortuna di innamorarsi di un altro, dal momento che si sentiva trascurata , non desiderata e apprezzata, esattamente lo stesso trattamento che ha riservato a me . Ora lo immagino che si prodiga con la sua nuova vittima per convincerla che con lei è tutta un’altra cosa, che sono io la paranoica gelosa e possessiva che non lo molla ( l’ho mollato io)…e mentre messaggia con lei ed esce insieme a lei, manda messaggi a me invitandomi a cena (usandomi per triangolare)…. e allora provo compassione per lei e penso a cosa potrei fare per salvarla , anche se so che non posso fare proprio nulla perchè non mi crederebbe. Ecco Romina, quando penso a tutto questo, invece di provare gelosia o frustrazione o pensare che con lei possa cambiare, provo una gran pena per la poverina di turno e mai e poi mai vorrei trovarmi al suo posto. Sono degli assassini dell’anima..Prova a pensre che il tuo (ex N.P) va in giro a mietere vittime, con un grosso pugnale ben nascosto, che conficcherà con forza nel cuore della sua vittima appena sarà sicuro di averla in pugno, esattamente come ha fatto con te.
    Un abbraccio fortissimo .

    "Mi piace"

    1. Hanno bisogno di qualcuno da ingannare, carissima. Se non riescono a ingannarti perdono pure il desiderio, ecco perché tanti matrimoni diventano ‘bianchi’. Con una moglie/marito che capisce perfettamente cosa fanno alle loro spalle la loro ‘potenza’ sparisce totalmente. Un vampiro ha bisogno di sangue innocente. Di un’innocenza che non vuol dire ingenuità, ma innocenza per quanto riguarda la loro vera (vuota) essenza. Un perverso narcisista che non ha nessuno da raggirare è come un bambino che resta senza giocattoli il giorno di Natale: si ‘rattrista’, si ‘rammarica’, ma il giorno dopo si alza e va alla caccia dei suoi giocattoli preferiti (le persone nuove, sangue buono da succhiare!) convinto di aver subìto un sacco di ingiustizie lungo la sua vita e quindi di meritarsi di ottenere tutti i giocattoli che vuole per COMPENSARE l’unico giorno della sua vita in cui rimase senza giocattoli. Non imparano dalla propria vita, non rispettano la loro storia, non la SENTONO. Infatti, a commuoversi per loro sono gli altri, ma anche ad arrabbiarsi per loro, a combattere per loro, a cercare di capire per loro, ecc. ecc,

      "Mi piace"

  16. Mio Dio quanto disgusto! A distanza di un anno di no contat e dato un nome alla sua patologia, credevo nelle mie continue ricerche e letture di essere in grado di aver letto di tutto x capire gli squallidi e subdoli comportamenti di questi soggetti diabolici.
    Quanto letto ora,mi ricorda l inizio della mia dolorosa storia, quando mi raccontava della sua ex moglie, una pazza, gelosa, una strega la definiva. Ora dopo 25 anni di convivenza con me e una figlia insieme che non vede da più di un anno,sono certa anche se non so piu nulla di lui che la storia si ripete con le stesse modalità e credo che così continuerà fino alla fine dei suoi giorni. Io certo ci ho messo un bel po’ di anni per prendere la decisione di andare via x sempre. Soffro ancora tanto i danni psicologici che ho subito sono ancora presenti dentro di me. Un abbraccio a te Claudelia e a tutti voi.

    Piace a 1 persona

    1. Ciao Mimma, anche io ne sono uscito dopo 25 anni e due figli. Di lei non voglio sapere più nulla a parte lo stretto indispensabile per via dei figli, tanto le porcate che ha fatto alle nostre spalle le ho percepite con il cuore e con l’anima. Poi ogni tanto mezza frase di qualche suo emissario svela un dettaglio in più. Loro fanno così, usano gli altri per veicolare messaggi, instillare nuovi dubbi, mantenere il controllo sui nostri pensieri. Questo potere enorme glie lo concediamo noi stessi, fino a che non saliamo di livello e ci stacchiamo davvero dalle loro atrocità. Anche io sono quasi ad un anno dalla separazione: oggi mi accorgo dei suoi trucchetti, che perpetra minuto per minuto. Uno dei più usati è ciò che si chiama predicare il falso per sapere il vero: non ti chiedono dove sei, cosa fai, come stai, ma fanno in modo di saperlo in modo indiretto e spesso da noi stessi, con metodi subdoli e senza farsi scrupolo di usare i figli, se necessario. Sono una chiazza di vomito con la faccia da angioletto, ci cascano tutti e noi non possiamo fare nulla per far aprire gli occhi agli altri. Come d’altronde è stato per noi in passato, chi ci arriva da solo assume consapevolezza, gli altri saranno sempre convinti di frequentare una persona meravigliosa. Distanza, distanza e ancora distanza. È l’unica soluzione.

      "Mi piace"

      1. È così purtroppo Guglielmo, mostrano di essere persone meravigliose, sensibili, attente ai tuoi bisogni, si comportano agli occhi degli altri disponibili, rispettosi, gentili, educati, ovviamente per un loro tornaconto.Ma solo noi che abbiamo constatato la loro vera natura sappiamo la triste realtà. Io ancora non mi capacito di avergli permesso di farmi tanto male è assurdo che a distanza di un anno ci soffro ancora tanto. Vorrei liberarmi da questo tormento e ritornare a sorridere, mi riesce ancora cosi difficile accettare di aver avuto a che fare con essere infido, malefico. Ci vorrà tempo lo so, cerco di mettercela tutta per andare avanti per il mio bene e quello delle mie figlie. Un abbraccio a tutti.

        "Mi piace"

  17. A me è capitato uno fra capo e collo. 5 mesi di lovebombing in chat e altri due quando ho ceduto pensando di essere diversa, come in questo articolo. Al nostro primo appuntamento mentre mi diceva cose meravigliose sudava, tanto. Poco dopo mi disse che l’unica relazione degna di nota che aveva avuto in 42 anni di vita era stata con una donna che aveva tentato il suicidio tagliandosi le vene davanti a lui perché a detta sua lei era bipolare. La lasciò, lei lo aveva minacciato di andare dalla polizia per denunciarlo perché lui abusava delle sue due figlie minorenni avute dal precedente matrimonio di lei (quella pazza, falsa, psicopatica manipolatrice, lei!). Avevo capito che qualcosa non andava, a prescindere che questa storia fosse vera o meno, ero decisamente incredula, era talmente assurda che non poteva essere vero. Poi, con il tempo, ho capito che con ogni probabilità non era lei ad essere psicopatica, ma lui. Che era arrivata a minacciarlo di andare dai carabinieri perché aveva paura per le sue figlie, aveva tentato il suicidio davanti a lui perché era lui la causa del suo male, invischiata a morte in quella relazione malata. A raccontarla di nuovo sembra comunque una storia assurda. Ma io so bene che non è così. Lui aveva un’ amica, (così dice lui, ma le amiche di lei non confermano che lo fossero) uso il verbo al passato perché lei si è uccisa, lui fece addirittura un monologo al suo funerale. Ora, qui sicuramente mi sbaglio, sarebbe assurdità che si unisce alle altre assurdità… ma il dubbio mi è venuto e mi auguro con tutto il cuore di aver preso un abbaglio. Possibile fossero tutte pazze, isteriche, puttane come mi ripeteva spesso lui quando gli chiesi di parlarmi delle precedenti relazioni? In 42 anni davvero aveva trovato solo squilibrate? Lui? Così abile, scaltro, seducente. Per quanto ci si reputi forti e immuni, si cade. Io per fortuna, grazie alla razionalità (che ho sempre ritenuto ingombrante, ma che in questo caso mi ha salvata), all’istinto e anche all’aiuto di una mia amica, ne sono uscita dopo pochissimo, sto parlando di un paio di mesi di periodo buio, poi pian piano la reale presa di coscienza, ma credetemi, fino alla fine ho sperato di sbagliarmi e che qualcosa di buono ci doveva pur essere. Non c’era, niente. Gli dissi anche, in tempi non sospetti, quindi prima della svalutazione, che a mio avviso era un ‘seriale’. Il vuoto assoluto, ad un certo punto ho pensato fosse anche cretino, nel senso che se un discorso è logico lo è e basta, se tenti di destrutturarlo in maniera grossolana… io ti reputo ‘coglione’, scusate il termine. In maniera inconscia, ho cominciato anche io a tenermi sul campo del vago, sui discorsi inutili, sterili, puerili, bellicosi. Uno scontro fra titani. Ma lui non lo era, lui è un mostro, niente di meno. Ancora oggi non capisco come ho potuto volutamente ignorare tutti i segnali. Subito dopo sono arrivate minacce sia alla mia persona che ai miei cari. Ho avuto paura, tremavo al telefono con la mia amica, si era trasformato, si era rivelato. Pensate che all’inizio della storia gli dissi anche che lui era sicuramente un narciso, mi rispose che io nemmeno sapevo cosa volesse dire e aveva ragione, all’epoca non ero consapevole dell’esistenza del narciso perverso. Lui si, sono sicura lo sapesse e molto bene, e lo dimostra anche il tatuaggio sul suo braccio, che ometto perché troppo riconoscibile. Non ha mai avuto l’occasione di ‘riagganciarmi’ anche se ci ha provato più volte e pensavo che lo facesse sia per la triangolazione, sia perché aveva paura che io dicessi in giro che tipo di mostro fosse, ma credetemi, non ce ne era bisogno, si è fatto da solo piazza pulita intorno, da anni, qui da noi. Ed ora sono tentata di dirlo alla sua nuova vittima, con quella subito dopo di me non ho avuto il coraggio. Chiedo a voi se, in maniera anonima, sia il caso di mandarle questa lettera di questo articolo. Un abbraccio ragazze

    "Mi piace"

  18. Mah! Chissà. Potrebbe non credere alla tua lettera ed ostinarsi nel tentativo di “salvarlo”….oppure potrebbe allarmarsi e riflettere. Ai tempi, se qualcuno avesse inviato a me una lettera del genere non ci avrei creduto ed avrei pensato ad una pazza gelosa, ad una cretina ecc. Conoscendomi, mi sarei accanita ancora di più.
    Anche il NP che ho conosciuto io aveva avuto una storia di tanti anni con una che definiva “border line”. Sono contenta che tu ti sia salvata in tempo. Un abbraccio.

    "Mi piace"

    1. è probabile che tu abbia ragione Anna, spero che questa donna colga i segnali e che non li accantoni come abbiamo fatto noi prima che sia troppo tardi. Se l’avessero mandata a me nel periodo iniziale neanche io avrei dato il giusto peso, poi però, con il passare del tempo avrei ricollegato tutto a partire dalla lettera stessa. I dubbi su che tipo di persona fosse, io li ho avuti da subito, anche se poi sono serviti a poco…
      grazie Anna, sei stata gentile

      "Mi piace"

  19. Ciao Cla’. Un pugno allo stomaco per ogni singola parola letta. Quanto disgusto per tutto questo male gratuito. Quanta tenerezza per averci creduto… La sensazione di rivivere questo film horror in ogni post. È assurdo!. Un film con un unico attore che ha fatto e disfatto, detto e ritrattato, sporcato ciò che ha lodato, riso del tuo pianto. Noi? Comparse di questo horror, attonite ad amare. ” se nn con te , mai con nessuna. Siamo 2 anime che si sono trovate. Aiutami ad amare. Mai ti feriro’/ tradiro’/lascero’/. Ci sarò sempre per te. Nn sono alla tua altezza . Devi vivere con me per ché sono cinestesico, ho bisogno di guardarti negli occhi quando mi parli( fortuna nn l ho fatto!), fidati di me.Ecc ecc
    Poi frasi strane che solo oggi hanno un senso, quello corretto ” ti salvi perché sei bella( spiegatemela), devo proteggerti da me, ti amo e ti odio, mi impegno con te , nel bene e male ti dico sempre la verità, mi ferisci quando mi rimproveri, ho capito che nn devo piu farti la guerra perche tu vuoi solo aiutarmi, non sono pazzo io non sono pazzo,mi usi fisicamente…”. Questo ovviamente piangendo. Finché mi mise le mani addosso per un nn nulla. Mi disse ” tu mi hai ferito perché hai fatto uscire la violenza che tengo a bada da anni. Ti sei salvata perché ti amo”, io odio la parola paura e la sostituisco con la parola rispetto( questa è atroce)”.
    Nn ricevetti mai le scuse ma mi mise a distanza… era solo preoccupato per una denuncia.
    Dopo un Po per lui tornò il sereno, si mise a ricercare insistentemente casa per noi e via dicendo.
    Per me invece fu il momento di maggior confusione. Quella vocina che mi diceva da sempre ” ha qualcosa che nn va” e che io avevo sempre messo a tacere, beh aveva ragione. Il mio senso di disagio aumentò, lo avevo sempre quando costantemeñte mi fissava. Già perché lui nn mi guardava ma mi fissava. Usava lo sguardo quando doveva ammorbidirmi dicendo ” vedimi negli occhi” pur sapendo che avevo soggezione. Ora capisco tante cose. Io ho provato a lasciarlo tutti i mesi. Usava le tattiche di tutti. Finché nn l ha fatto da solo. Il resto della storia l ho raccontata in risposta ad un altro post. Alla fine di tutto son passati 3 mesi credo di no contact. Sono stata malissimo come tutti voi. Ma col passare dei giorni si è dissolta la nebbia. Ogni singola parola è chiara. So per certo che mai più gli permettero’ di sfiorarmi ne fisicamente ne mentalmente ne moralmente. Tutta la rabbia che provavo si è trasformata in un senso di ” compassione” per tanta nullità e un po di tenerezza per quella me che ha visto finire quel ” film” con un finale crudelissimo, è svanito lasciandomi incinta.
    In quel film mi ha assegnato il ruolo di comparsa. Oggi so di esserne stata spettatrice!un biglietto costoso, certo.
    Tra tutte le menzogne ha solo detto 2 verità
    – non so amare
    – devo proteggerti da me, tu nn c entri nulla
    Nn è una consolazione ma racchiude quel po che è. Ci si rialza, col no contact e la consapevolezza di ciò che ci hanno fatto, se ne esce. Abbiamo amato un immagine riflessa, così dicono gli esperti. Vuol dire che abbiamo amato noi stessi. Fate no contact, quello serio però. Col passare dei giorni elaborerete il giusto per voi stessi. Nn ci credevo nemmeno io quando lo leggevo. Ma ora che è passato del tempo vi garantisco che tante tentazioni nn vi passano più per la testa. Vi abbraccio tutti/e

    Piace a 1 persona

    1. Cara Marianna, non permettere a un violento nemmeno il riconoscimento della paternità. Proteggiamo i bambini dal portarsi un fardello così grosso per tutta l’esistenza. Potrebbe sembrare un consiglio radicale, ma la verità di chi ha avuto un genitore violento, ritornato dopo molto anni pretendendo una serie folle di “diritti” è una sola: Perché è tornato? Perché ho il suo cognome? Saper di avere un padre che non ti vuole in agguato e che può apparire a qualsiasi momento non rende nessuno sereno…

      "Mi piace"

      1. Dolce CLA. La sua violenza… Nn è stato l atto in sé a farmi male ma il sentirmi dire che ” era colpa mia”. È stato abusante sin dall’ inizio. Ingannandomi sulla sua sterilità, sognando un figlio con me in qualunque modo, notando e gioiendo per i cambiamenti del mio corpo quando io ancora nn sapevo di essere in attesa. Baciare questa pancia alla sera, alla conferma di questa gravidanza, per poi sparire il giorno dopo e mai chiedere ” come va”. So bene che nn ama nessuno Ma mi chiedo che diritto ho di decidere per questa creatura. Io nn credo tornerà, sa che tra un mese nascerà ma nn si è fatto sentire in alcun modo. So che devo star lontana e proteggere questa creatura dal ” nulla”. Ha tutti i tratti e forse anche più di uno psicopatico. Ma questo poco importa. Chi usa il suo modo di chiudere, facendomi rivivere l abbandono della mia infanzia con la sua creatura in grembo, nn credo sia classificabile. Nn c è testo medico che possa catalogare tanta meschinità gratuita. Una dott. Mi ha detto che potrebbe usare la mia bimba , le sue parole furono ” qual miglior modo di tenerti legata? Fuggi”. Ancora nn sapevo, nn capivo. Voglio pensar e che sia ” nullità ” e da vigliacco qual è sperare che tenga la linea della sparizione. Che nn si faccia più vivo. Perché nn si tratta più di me, io so che mai più potrei nemmeno guardarlo. Ma il dilemma su cosa sia giusto per la mia bimba resta.

        Piace a 1 persona

      2. Cara Marianna, far riconoscere un figlio a uno psicopatico è ipotecare la tua vita e quella del bambino. Ha detto bene la dott.ssa: scappa o quanto meno ringrazia al cielo della sua scomparsa. Se un giorno la tua bimba te lo chiederà dille la verità: che ci sono tanti tipi di famiglia, anche senza un papà e che non deve mai dubitare dell’amore che provi per lei. Ora, perché dico IPOTECARE: perché un padre che riconosce un figlio e poi sparisce nuovamente provoca non pochi guai. Avrai bisogno di lui e dovrai rintracciarlo per fare ogni sorta di documento necessario per viaggiare, per la scuola, per la dichiarazione dei redditi e la mensa, ecc. Non avrai alcun tipo di autonomia e non avrai modo di trovarlo. Conosco donne che stanno vivendo questo incubo e credimi, non lo auguro a nessuno.

        "Mi piace"

  20. Oh Cla’, quanto mi vergogno di aver fatto del mio più grande desiderio, esser mamma, un incubo! Quanto sono arrabbiata con me. La prima cosa che farò vedendola sarà chiederle perdono per tutto il dolore che vive attraverso me, per nn aver saputo capire, per averle fatto vivere illusioni che erano solo bugie. Io che la dovevo proteggere sin dal principio ho permesso che attraverso me fosse umiliata… come potrò mai giustificarmi con lei? Insegnarle l amor proprio se io l ho messo da parte permettendo mi si facesse tanto?

    "Mi piace"

  21. Ciao Marianna, se può esserti di qualche aiuto in una decisione tanto delicata, la mia storia e quella di mia figlia è questa: anche io, ancora incinta e già ai ferri cortissimi con il mio ex np avevo pensato seriamente di non fargliela riconoscere. Purtroppo non sono stata abbastanza risoluta, mi sono fatta riagganciare al momento giusto (per lui), ed è finita esattamente come dice Claudelia: pesantissima ipoteca sulla vita mia e della bambina. In quali modi? Dall’inizio lui ha usato la piccola per ricattarmi (“farò di tutto per togliertela, se mi lasci”), una gestione quotidiana da incubo pur non vivendo insieme (malattie e decisioni scolastiche e tutta la vita di una bambina metodicamente sabotata da lui), una sentenza in tribunale minorenni che affida nostra figlia ai servizi del territorio dopo una sua denuncia per mia supposta inadeguatezza genitoriale dopo avermi davvero fatta ricoverare una settimana in reparto psichiatrico, un lavaggio del cervello durato dieci anni sulla bambina che ha alienato contro di me in tutti i modi possibili (esempio banale: “cambiati perché i vestiti lavati da tua madre puzzano”), una figlia ora undicenne che ha finalmente capito a sue spese che razza di persona è suo padre e che mi piange sulla spalla dicendo che non ce la fa più con lui e non vorrebbe mai starci insieme. E tanto altro. Quindi io lo capisco che a te sembra difficilissimo prendere una decisione tanto importante – non fargliela riconoscere – ma prenditi tutto il tempo di ascoltare le nostre storie e, soprattutto, ascoltare il tuo intuito: vuoi davvero un simile calvario? Sai quanto è più sano crescere da sola un figlio rispetto a crescerlo con qualcuno che ti rema costantemente contro? Sai quanta sofferenza semi-inemendabile puoi risparmiare al nascituro? Poi se sarà lui a non farsi più sentire e non dovrai neppure decidere attivamente di tenerlo lontano, ringrazia il cielo e brinda con chi ti vuole autentico bene: vi sarete entrambe salvate, tu e la bimba.

    "Mi piace"

    1. Cara Lucia… ti abbraccio forte forte. Quanta malvagità gratuita Dio mio. Il mio disagio è solo per mia figlia, per nessun altro motivo. Sono distante da lui di molti km, dopo aver avuto certezza della gravidanza è stato lui ha sparire letteralmente( sono 3 mesi), nn ha mai chiesto notizie. Nulla. Nn dico di sapere cosa farà perché è chiaro che ha sempre mentito. Ma visto il disinteresse totale suppongo nn si faccia più sentire( dopo un po dal suo silenzio io l ho bloccato sui vari canali, lui nn l ha mai fatto ma comunque nn si è fatto più sentire). Una dott mi ha suggerito addirittura di dirgli che nn c è nessun bambino visto che, a parer suo, si tratta di un perverso patologico malvagio di tipo covert. All’ epoca nn capivo cosa intendesse. Confido nella sua vigliaccheria.
      Sono propensa a nn rispondere nel caso cercasse un contatto e che Dio mi illumini
      Grazie…

      "Mi piace"

  22. Grazie, davvero. Il vostro abbraccio e appoggio qui è fondamentale per me. Nonostante siano dodici anni da ché tutto iniziò, a volte non riesco a non provare rabbia e fantasticare vendette (che spero avrò la forza di non agire).
    Vorrei aggiungere solo un’altra cosa, cara Marianna: se una discriminante aggiuntiva nel seguire o meno il consiglio della tua saggia dott.ssa (sei fortunata ad avere incontrato una professionista preparata) è il fattore economico, non credere che riconoscendo la nascitura e avendo in mano un decreto del Tribunale che stabilisca diritti di visita e doveri di mantenimento per la minore tu avrai vita più facile almeno a livello economico: ogni mese aspetterai un bonifico che, bontà sua, il caro padre riterrà di versarti o meno a seconda di come gli gira. Quindi il rapporto costi-benefici non pende nemmeno in questo campo verso un riconoscimento di paternità.
    Se pertanto non si rivelerà un vigliacco lui (come sperabile) toccherà a te sopportare la croce di una decisione tanto difficile eppure, appunto, cruciale. Io dico che Dio ti sta davvero illuminando: sei qui con noi, hai supporto professionale ma soprattutto hai te stessa che, lungi dall’essere vittima, un giorno arriverai a percepire come una sopravvissuta. Al Male. Quello con la M maiuscola. E i sopravvissuti altro non sono che eroi. Super-eroi.
    Lo dico a ragion veduta dato che la battaglia più dura è con me stessa, ovvero l’andare oltre il vittimismo che mi accompagna da ché son nata (madre n.p.). A questo proposito non finirò mai di ringraziare questo sito dal nome benedetto. Grazie. Ho bisogno di trovare ascolto e supporto quasi ogni giorno, qui e in terapia. Credo ne avrò sempre. Grazie.

    "Mi piace"

    1. Dolce Lucia
      Scoprire di questa ” patologia” m ha fatto soffrire tantissimo perché subentra quel senso di compassione che nn meritano. La dott mi ha seguita finché ho potuto. Diciamo che sto lenendo le ferite da sola, nn ho famiglia di appartenenza e quel soggetto ha pensato bene di farmi terra bruciata ( come a tutti). Io nn voglio nulla da lui e nn è con 4 soldi che può essere padre ( nn può esserlo a prescindere). E lo so perché come te, strano a dirsi ma ” grazie a questa orrenda esperienza ” ho capito di aver avuto un padre psicopatico che ci abbandonò ( stesse dinamiche insomma). Per cui so cosa vuol dire crescere in una certa condizione. Io voglio solo fare il bene della mia piccola e decidere per il suo meglio senza farle pagare i miei errori.
      Grazie a tutti per esserci. Le carezze che si ricevono qui sono un dono prezioso

      Piace a 1 persona

  23. Il miglior articolo che io abbia letto claudelia ha disinnescare una parte di cervello intontito.me lo rileggero.all infinito…perché questo è stato il vero lavaggio del cervello …il nostro credere. E poi è tutto esatto alla perfezione grazie ancora e grazie

    Piace a 1 persona

    1. Cara Mirna, un passo alla volta e vedrai che la mente torna a comprendere cos’è reale e cosa non è mai stata. È normale sentirsi tormentati, perché il tipo di “relazione” che hai vissuto era immerso nel caos e nato da un imbroglio. Se fosse tutto chiaro sin dall’inizio nessuno ci cascava. La confusione che seminano nella tua mente è funzionale alla prosecuzione dello pseudo rapporto anche quando non c’è più. Tocca a te disinnescare TUTTO, oramai consapevole che lui ti vorrebbe a disposizione a vita nei tempi e nei modi dettati dal suo disturbo. Che lui abbia altre prede è una fortuna, credimi. Più distratti sono più possibilità hai di liberarti.

      "Mi piace"

  24. I terapeuti sanno benissimo con chi hanno a che fare, livelli così alti di narcisismo sono come un male incurabile. Naturalmente un professionista non può dire ad un paziente: ” guardi non c’è niente da fare” Sanno insomma che è compromessa definitivamente quella capacità di leggere in se stessi e si regolano di conseguenza facendo un lavoro molto superficiale. L’unico che può affrontare un NP.

    "Mi piace"

    1. Se il terapeuta è serio fa la giusta diagnosi e attende pazientemente che il narciso o la narcisa la rifiuti, abbandoni la terapia verso la terza seduta o cominci il sabotaggio puntuale della terapia assentandosi, provando a sedurlo o smettendo di pagarlo.

      "Mi piace"

  25. Mi ricorda tanto una donna, Daniela, che dopo qualche giorno di frequentazione era già perdutamente innamorata del narcisista con cui ho avuto un breve ma devastante e distruttivo contatto. Garrula e loquace, postava su un noto Social Network fotografie sorridenti, in cui si definiva ‘tutta feliciotta’, poiché aveva iniziato a frequentare questa perla d’uomo, un ex tossicodipendente con un passato di vagabondaggio, furto e spaccio, il quale non l’avrebbe mai tradita né ferita, poiché l’amava profondamente ed era la sua ‘anima gemella’. Anche lei ripeteva ‘con me non accadrà mai, perché sono speciale e speciale è il nostro rapporto. Ignoro cosa sia stato di entrambi, ma credo che il suo stato di ‘feliciottosita” abbia ben presto iniziato ad erodersi. Non è, comunque, più affar mio. Non ascoltare i consigli di chi te li offre senza secondo fine e cedere alla presunzione che ti offusca il senno è peccato mortale, che spesso si deve espiare in questa vita.

    Piace a 1 persona

  26. ma che scocciata che sono! Io non sono stata l’approdo magnifico, il punto di forza, la scoperta meravigliosa, le promesse eterne. Io sono stata il trampolino di lancio, presumo, il pitstop per il cambio gomme. La strega, o la insulsa, quella che non dava niente, non brava a letto, che non dava felicità. Quella da utilizzare per le belle parole, i buoni propositi, il cambiamento! Mi meritavo anch’io un po’ di fuochi d’artificio, sfacciate che siete. Ma no, dai, è stato carino anche con me, vuol dire che servivo anch’io. Sto sorridendo, eh! Ti leggo sempre Claudileia. Che mi faccia viva o meno, ci sono. Baci

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...