Quelli che… “E se il/la narcisista si fosse davvero innamorato/a di me?”

Fonte:

http://www.narcissismfree.com/did-the-narcissist-ever-really-love-me/

by Kaleah LaRoche, fondatrice di  http://www.narcissismfree.com, terapeuta olistica

Trad.: C. Lemes Dias

____________________________________________________________________

Ecco una delle domande più comuni fatta da coloro che si sono donati, anima e cuore, a una persona narcisista. All’inizio il rapporto è veramente intenso e romantico, di modo che per loro sembra di aver finalmente trovato la loro “metà”.

Recentemente ho guardato un film in cui un personaggio chiedeva, con fare comico, all’altro “Non dirmi che stai ancora inseguendo la tua fantomatica ‘metà’!”.

Spesso trascorriamo la nostra vita aspettando “la persona giusta” che finalmente entrerà a far parte del nostro mondo. Inizialmente potrebbe sembrare che il partner narcisista è proprio “il giusto” che ci aspettavamo, tuttavia, finita la fase di luna di miele, il conto salato ci viene presentato. Perché? Bene, proprio perché le nozze sono finite! (e i narcisisti amano la luna di miele.)

In tutti i rapporti sani arriva il momento in cui la luna di miele subisce un’evoluzione, diventa qualcosa di più concreto. Significa addentrarsi nella stagione della comunicazione reale in cui, insieme, si affrontano problemi, preoccupazioni e impegni, il che vuol dire avere la capacità di camminare in due, di considerare le esigenze del partner, di lasciar perdere il bisogno di “essere sempre nel giusto” in favore di una vera comunicazione, con il suo relativo carico di oneri e responsabilità. Se siamo preoccupati per il futuro della nostra relazione dobbiamo essere in grado di prendere in considerazione i bisogni del nostro partner, comprendere come si sente. Dobbiamo anche essere in grado di ascoltare, ma ascoltare veramente i sentimenti dell’altro.

Nei rapporti con soggetti narcisisti, tutto ciò non esiste.

Il motivo per il quale i narcisisti amano la luna di miele è perché possono giocare a fare i Peter Pan, rappresentare il ruolo del giovane ragazzo o ragazza bloccati in una fase in cui non esiste alcun tipo di responsabilità o di preoccupazione.

I narcisisti non vogliono averci a che fare con problemi nei loro rapporti. Sempre che si verificano dei problemi, eccoli lì pronti a scaricare ogni responsabilità su di voi prima di andarsene. Amano il romanzo, l’attenzione, l’ammirazione, l’adorazione, la promessa di un amore ideale e la speranza che avete negli occhi, la vostra certezza di vedere in lui/lei “la persona giusta”, ed è ciò che vi porta a tollerare ogni loro stranezza senza porvi alcun tipo di interrogativo. Quando cominciate a mettere in discussione i vostri amati, dissentire da ciò che vi dicono o porgere delle domande, sarete premiati con l’incremento notevole delle loro “stravaganze”.  Dopodiché, faranno ricorso alle svariate tecniche di manipolazione che hanno per obiettivo farvi smettere di portare i loro problemi in prima linea. La tecnica manipolatoria maggiore consiste nell’addossamento di ogni responsabilità su di voi. Tutto diventa colpa vostra: siete troppo esigenti; siete incapaci di accettarli così come sono.

I narcisisti non vogliono crescere e diventare responsabili. Sono persone che veramente credono di meritare di ricevere costantemente attenzione e ammirazione, ma senza dover investire oltre a ciò che inizialmente hanno investito per corteggiarvi. Una volta che siete stati ben corteggiati, vuol dire che siete stati ben agganciati e quindi non sussistono motivi per continuare a investire su di voi. Loro vi bombardano abbastanza bene da trasformarvi in una fonte permanente di ammirazione, attenzione, sesso, affetto e nutrimento. Il tassello mancante è che non vedono alcun obbligo di ricambiare tutto ciò che esigono da voi.

Per quanto riguarda gli uomini c’è un’offerta illimitata di donne altruiste che ritengono il prendersi cura del proprio uomo e soddisfare le sue esigenze più importante del soddisfacimento delle proprie necessità. Dunque, risulta molto facile per un narcisista sposare una donna che svolga questo ruolo. Anche quando parliamo di donne narcisiste – che pretendono di essere sempre trattate da regine – esse cercano uomini che le adorano, le ammirano e, ancora una volta, uomini capaci di rinunciare ai propri bisogni per soddisfarle. Gli uomini che fanno lavori totalizzanti oppure che hanno avuto una madre narcisista possono facilmente accoppiarsi con una donna così, di modo che cercheranno di soddisfare ogni sua necessità pur di averla accanto.

Soprattutto, nell’intimo di un narcisista non c’è posto per l’amore maturo. Il loro “amore” è immaturo, egocentrico e bisognoso. Sono alla ricerca di un amore incondizionato, ma non sono disposti a darlo. E così, la domanda “mi ha mai amato davvero?” può essere risposta semplicemente dicendo “ti ‘amava’ nella misura in cui era in grado di farlo, non avendo mai avuto la capacità di muoversi oltre la luna di miele per trasformarla in un amore maturo, restando bloccato nell’amore ‘giovane’, intenso, passionale e romantico finché è durato”.

Per un certo tempo potete pure essere stati gli “unici” dei narcisisti. Tuttavia, quando avete cominciato ad avere esigenze o pretese nel rapporto, siete stati automaticamente declassati a sgradevoli, ed ecco il cambiamento radicale. Quando iniziate a mettere in discussione il loro comportamento, ad esempio, chiedere perché hanno la fissa del porno, perché arrivano sempre in ritardo o perché venite sistematicamente ignorati, loro puntualmente si arrabbiano: vogliono essere riconfermati e convalidati completamente e a prescindere di quello che fanno. Si aspettano che possiate tollerare le storie parallele, la pornografia che si guardano, la loro dipendenza dal sesso, i loro debiti scellerati e tutto il resto che fanno. Il narcisismo è così: centralizzatore e immaturo. Non tiene conto delle vostre esigenze.

Se venite tagliati fuori dalla loro vita, abbandonati, svalutati e scartati, sappiate che si tratta di una punizione per il vostro rifiuto di diventare complici dei loro comportamenti scorretti. Il punto è che, come vittime di persone narcisiste, finite per credere che in qualche modo è davvero colpa vostra se lui o lei vi ha trattati con tanto disprezzo. E così, pigiate il vostro cervello chiedendovi cosa avete fatto per meritare questo crudele trattamento, anche se non è stato e mai sarà colpa vostra. Tutto ciò che avete fatto è stato rifiutarvi di soddisfare ogni loro singola esigenza, di riconfermarli incondizionatamente. È irrealistico giocare questo ruolo con loro, a meno che non vogliate rinunciare completamente a voi stessi per essere totalmente assorbiti dal “rapporto”. Spesso, però, lo facciamo, e per un bel po’ di tempo. Ci sentiamo quasi costretti a chiudere un occhio, a riprenderli dopo aver scoperto i loro rapporti paralleli, ad accettare di andare avanti senza il diritto di fare alcuna domanda, sopportando la loro freddezza assieme al trattamento del silenzio. Tuttavia, potrei aggiungere che in questi casi due di queste cose fatalmente accadono: o i narcisisti si annoiano per non essere mai contraddetti da voi, oppure riescono a trascinarvi nel loro mondo, rendendovi partecipi del loro comportamento disfunzionale e aumentando contemporaneamente il carico delle loro esigenze, finché sarete proprio voi ad abbandonarli per sopraffazione.

Non potete pretendere di sapere cosa sta accadendo dentro la mente contorta di un narcisista. L’unica cosa che potete sapere è che lui o lei è incapace di concedervi ciò che volete, ciò di cui avete bisogno e meritate; vale a dire, un rapporto sano. Se siete voi a lasciarli o se sono loro a levarsi di torno, tanto di guadagnato.

Non fa niente se avete amato un/a narcisista anche dopo la fine della storia con lui/lei. Se sentite che il vostro amore è stato reale, rispettatelo e coccolatelo dentro di voi, perché significa che siete capaci di amare di modo profondo e onesto.

Certe volte, i rapporti affettivi con i narcisisti servono unicamente per dimostrare a noi stessi il quanto profondamente siamo capaci di amare. Giocare con Peter Pan può essere un’esperienza magica, difficile da dimenticare. Può essere intensa, passionale, sensuale e romantica, ma voi non siete destinati a vivere nella never never land, il che significa che non riuscirete a ricavare da loro mai nulla di reale o di vero. Era soltanto una messa in scena per farvi credere.

Credo che una parte dei narcisisti è in grado di “amare” qualcosa nelle persone che coinvolgono. Almeno alcuni di loro. Lui o lei possono anche utilizzare i rapporti per ottenere qualcosa che vogliono. I narcisisti possono sposarsi per soldi, prestigio o potere, ma possono anche cercare un approccio con voi perché siete attraenti e li fatte fare “bella figura”. Dopodiché, sappiamo che la maggior parte delle persone fa le proprie scelte sulla base di ciò che hanno dentro, essendo buona parte fisicamente attratta da qualcuno quando lo percepisce una persona accogliente, bella o meravigliosa.

Le persone benestanti, oppure che hanno un certo potere e prestigio non hanno molti problemi per trovare un partner. Questo perché i partner che trovano spesso sono più attratti dai privilegi che concedono che dalla loro persona. Altri, invece, sono attratti da  persone grezze perché sperano di poterle riabilitare e trasformarle nei loro “partner perfetti.”

Se cercate soltanto l’amore profondo e, francamente, il vostro partner non è molto profondo, meno ancora sarà il suo amore. Se il vostro partner non ha mai trovato il tempo/un motivo per crescere e sviluppare una sua interiorità oppure sé stesso, è improbabile che cerchi di cambiare nel corso del rapporto. Se avete trascorso la vostra vita cercando di crescere interiormente, mentre il/la vostro/a partner non ha mai letto un libro su questo argomento, allora potete scommettere che la crescita personale non appartiene alla sua lista di priorità.

Il narcisista ti ha mai amato davvero?Forse amava l’idea che aveva di te. Forse amava come lo facevi sentirsi. Forse amava la fantasia della vita che avrebbe potuto fare con te. Forse amava l’idea di aver finalmente trovato qualcuno che lo amava incondizionatamente, tanto da ignorare tutte le sue carenze (che sono tantissime!). Forse è stato preso dalla tua bellezza, intelligenza o dalla tua verve. Ma non è abbastanza strutturato per passare al livello successivo. E in definitiva, era quello che vi aspettavate, vero? Cercavate qualcosa di reale, di maturo, amorevole, affettuoso, un rapporto nutriente che rispettasse i vostri bisogni: cose che voi semplicemente non riuscite ad estrarre da persone che amano la superficie delle cose.

Se dite a voi stessi che li avete amati e che loro vi hanno “amato” nell’unico limitato modo che sapevano fare, allora potete finalmente fare pace con il tutto per lasciarli andare, di modo che possano continuare a fare ciò che sanno fare ed essere: soltanto narcisisti.

13 pensieri su “Quelli che… “E se il/la narcisista si fosse davvero innamorato/a di me?”

  1. Come da copione. Claudia non fa una piega neppure questo post.Sei fantastica descrizione perfetta.Terribilmente vero.Lui cerca una donna che gli dia tutto,viaggi ,vestiti ecc.Ma aimè la dolce fatina Turchina finita la luna di miele, annoia pure lei.Può dargli la luna ed essa farà poi parte dell’harem e quindi della triste rotatoria se essa
    naturalmente glielo permettera’.Ma a quanto pare ne ha parecchie.È un ottimo attore nel love bombing.Il somatico perverso?Tre mesi al massimo poi alla vittima viene passata la staffetta ma già molto
    consumata perché anche in quel periodo già si prendeva.

    Piace a 2 people

  2. Articolo perfetto! vorrei lanciare una provocazione:
    ***
    la lancio metaforicamente ad una mia amica (che non leggerà) che non è ancora riuscita a liberasi di un narcisista psicopatico, nonostante ormai abbia capito di cosa è stata vittima per quasi 10 anni. Per farvi capire quanto ha rischiato…una volta lui le ha messo le mani al collo fino quasi a farla svenire
    ***

    ecco inizio:
    una volta scoperto che la persona che ci ha fatto innamorare follemente è un narcisista perverso (quindi non proprio il meglio che si possa ricevere dalla vita, anzi alcuni sono davvero matti da legare, per non dire la reincarnazione del male) non dovrebbe sgorgare dal cuore un certo senso di liberazione? Un senso di ‘Oddio adesso ho capito cosa c’era che non andava e …..scusate ma io scappo a gambe levate’
    ?????
    Una volta che abbiamo capito che non era vero amore, ma solo il risultato di una tremenda malattia psichica, un disturbo della personalità….non dovrebbe venirci spontaneo il ‘Non amare più quella persona e non amare più un contesto finto di relazione?’

    Sì Era tutto finto! era tutto uno schema (della loro mente e ‘nella’ loro mente) se queste persone ci hanno amato sarà stato al massimo per …boh, un secondo? quel secondo in cui hanno visto perfettamente dentro noi le cose che avrebbero potuto succhiarci per nutrirsi
    Quindi, di cosa stiamo parlando ragazzi/e? abbiamo amato un disturbo delle personalità…lo so che è brutale dirlo, ma è così…è ciò che ci è accaduto

    Provate a fare la descrizione di ciò che amavate di lui/lei
    Fatto?

    ecco …adesso arriva qualcuno che vi dice che era tutta una finzione…una proiezione… e le cose belle che amavate di lui erano copiate / sfalsate / simulate …un’accozzaglia terrificante di proiezioni e sogni di gloria che voi avreste dovuto esaudire in eterno in nome del suo disturbo psichico

    Terrificante no? Non augurerei una cosa così a nessuno

    Con queste certezze cosa ci tiene ancora legati a loro? Perchè siamo ancora lì a chiederci se ci ha amato oppure no?

    Mi rendo conto che è un analisi assai semplicistica da fare, proprio perchè anche io stessa ho avuto a che fare per molto tempo con un narcisista e anche io in prima persona so che quando non si è a conoscenza di determinate cose non si immagina cosa c’è dietro i loro comportamento! ma penso che siano domande che dovremo farci e pensare realmente alla risposta che ci verrebbe subito da formulare a caldo!

    Chi abbiamo amato? Cosa amiamo ancora di lui / lei?
    Se dovesse ritornare riuscirei a credere a quella favola (poi trasformata in un thriller) una seconda volta pur avendo in mano tutti gli strumenti per capire che era tutto falso?

    Valeva la pena farci trattare così male da lui/ lei per avere per poche settimane o pochi mesi quella finzione da teleromanzo alla ‘Beautiful’? Se la risposta è ‘Sì’ allora vale la pena iscriversi a teatro e lì di tragedie greche e sangue ne abbiamo tante quante ne vogliamo, ma quando il sipario si chiude, almeno torniamo tutti a casa felici e contenti senza ferite sulla pelle e sul cuore!

    Prima potevamo anche credere che fosse amore, ma ora che abbiamo in mano tutte le informazioni per capire che il vero sentimento d’ amore è lontano anni luce dalla farsa che abbiamo vissuto, cosa ci impedisce di essere liberi da questo meccanismo diabolico che è il rapporto con lui/lei? In sostanza cosa ci impedisce di allontanarci definitivamente?

    (ovviamente parlo delle persone che hanno avuto la fortuna di non generare prole con il narcisista, per coloro che hanno dei figli con loro purtroppo è molto più difficile l’allontanamento totale e definitivo)

    Cosa ci tiene ancora attaccati a loro?

    – il senso di colpa che lui per svariati motivi cerca di addossarvi?
    (se è questo, ricordate sempre come siete stati trattati e vedrete che il senso di colpa si attenuerà)

    -Il sentimento che comunque provate per lui/lei?
    (e anche qui chiedetevi per chi esattamente provate questo amore e sono convinta che verranno fuori molti più difetti che pregi..e anche se la lista dei pregi dovesse risultare lunga due pagine ricordatevi che erano tutte cose ben simulate…oppure fatevi questa domanda: se davvero lui/lei è così virtuosa, come mai sono uscito pazzo/a???…se è una persona così meravigliosa e pensavo fosse la mia anima gemella, come mai ho appena segnato su un post it il prossimo appuntamento con lo psicologo che frequento ormai da due anni?)

    – la ferita narcisistica che lui ha solo momentaneamente colmato?
    (cerchiamo il riscatto in altri modi, tempi, luoghi e soprattutto con un rapporto sano in cui nessuno deve riscattare proprio un bel niente perchè ci si riconosce e ci si rispetta nelle nostre doti e nelle nostre fragilità)

    – la paura di quello che possono dire di voi in giro per sputtanarvi?
    (E’ una paura che ci può stare…ma credete a me, le persone che vi conoscono e vi amano sanno benissimo chi siete e se non lo sanno…meglio perderle che trovarle, no? ricominciate da Zero anche con le amicizie se lui, il maledetto, ve le ha portate via)

    Riconosco che è un post un pò bastardo…ma l’ho fatto per scuotere gli animi…unicamente per questo! Non diamogliela vinta…la vita è la fuori che ci aspetta e non sono tutti narcisisti!

    per fortuna 😉

    ps se tornano a farci visita rispediamoli con un biglietto di sola andata per gli inferi perchè quello è il loro posto! (senza stare a chiederci se un minimo ci ha amate oppure no)!!!!! ragazzi abbiamo tutte le armi per mandarli a quel paese con una bella risata (come quella che ho fatto quando ieri sera il mio telefonino squillava a vuoto e io non rispondevo)

    Piace a 5 people

  3. La trappola risiede nel concetto distorto che abbiamo dell’amore…l’amore romantico che loro rappresentano meravigliosamente e che è solo un concetto della nostra società umana profondamente egoista ed egocentrica. Lasciando da parte la psicanalisi, trovo che questo articolo semplice e diretto spieghi perfettamente le dinamiche dei rapporti dei nostri giorni e anche di tempi più remoti. In fondo, se ci guardiamo dentro, anche noi qualche volta nella vita ci siamo comportati così…magari da giovani, magari anche in età adulta in momenti particolari. Siamo emotivamente ignoranti…l’educazione emotiva dovrebbe essere insegnata insieme a tutto ciò che permette ad un essere umano di crescere con consapevolezza e di trovare la propria strada nella vita. Le donne in particolare nonostante anni di ‘emancipazione’ sono ancora molto fragili…l’imprinting della necessità della cura parentale e del proprio ‘uomo’ è purtroppo ancora una calamita emozionale fortissima che distoglie dallo sviluppo di tutte le altre predisposizioni personali. Questo non significa che non dobbiamo avere accanto un uomo o che dobbiamo rinnegare le nostre qualità empatiche…ma semplicemente che tutto deve convivere armoniosamente. Gli uomini si sono particolarmente accaniti negli ultimi anni perché si rendono conto che nonostante le meravigliose carriere professionali e tutte le presunte libertà di cui godiamo siamo ancora lì a guardarci allo specchio ogni minuto per controllare il nostro sex appeal e facciamo di tutto per rimanere in forma e agghindarci per piacere a loro e raccogliere un complimento. Che amore potrà mai nascere? Che rispetto possiamo ottenere? Che sforzo potranno mai fare per avvicinarci profondamente a noi se alla fine siamo sempre tremendamente bisognose del loro ‘amore’? Continuiamo a lasciargli il potere….e le poche che li tengono ‘in pugno’ lo fanno sempre con i soliti squallidi mezzi. Giochi di potere….l’amore è un’altra cosa….

    "Mi piace"

    1. “Il narcisista ti ha mai amato davvero?Forse amava l’idea che aveva di te. Forse amava come lo facevi sentirsi. Forse amava la fantasia della vita che avrebbe potuto fare con te. Forse amava l’idea di aver finalmente trovato qualcuno che lo amava incondizionatamente, tanto da ignorare tutte le sue carenze (che sono tantissime!).”
      si certo, vivono solo di idee, di concetti, di teorie…! Ma i fatti dove stanno? Gli oneri e le responsabilità di coppia e della famiglia? E di sé stessi poi?!? Non sanno gestire loro stessi, devono saper gestire una famiglia? Sono e resteranno per sempre bambini/e prepotenti, bisognosi/e ancora della figura materna che li ami incondizionatamente, disposta a immolarsi per loro. Vogliono tutto e non sono disposti a dare niente in cambio, solo lo fanno quando si entusiasmano per qualcosa, per brevi istanti, quando per esempio quel qualcosa é legata alle loro ossessioni…. perché vivono di ossessioni!!! La principale ossessione del mio é il lavoro: in 10 anni non sono mai esistiti i week end, le ferie, i compleanni, le feste comandate… le malattie!!! Se si ammala lui, tutto bene, anche quando non è vero. Tutto si deve fermare! ma se si ammalano gli altri… ohi! É una noia! Perché le malattie compromettono il lavoro. Ti dice che non è niente di grave… e se stanno male e ti lamenti “ufff! che palle! stai sempre a lamentarti! non ce faccio piú.” Ma amare non è anche prendersi cura dell’altro? Bah!

      "Mi piace"

    2. Carissima Amigdala, hai fatto un’analisi assolutamente impeccabile. Tuttora la forza del femminile è paragonata a: eccentricità caratteriale, essere una virago, fare l’eremita (perché con il ‘caratteraccio’ che hai chi mai vorrebbe restare accanto a te, eh?), ecc. Mentre gli uomini che si mostrano per ciò che sono nel profondo, se dotati di empatia e di sensibilità vengono considerati deboli dalla stessa fetta di società che punta il dito contro ogni tentativo di ripristino della dignità femminile. Responsabilità. Educazione sentimentale. Consapevolezza. Tutto ciò è latino arcaico per un n.p., perché il suo scopo nella vita è divertirsi distruggendo la vita degli altri per sentirsi grande. Parliamo di persone con un concetto di libertà che riguarda soltanto la loro, quella degli altri è inesistente. Credo che quando diamo meno importanza ai famigerati specchi tutto viene trasformato, ogni singolo aspetto della nostra vita, dal fisico all’emotivo.

      Piace a 1 persona

  4. Buongiorno Claudeila e buongiorno a tutti
    Sono nuovamente in preda alla confusione,avevo raggiunto uns sorta di equilibrio emotivo,di distacco,per quanto possibile visto che abbiamo una figlia…E’ accaduto in questi giorni pero’ un evento che lo vede protagonista,tale evente ha assunto proporzioni enormi a livello mediatico.Sono giorni che la sua faccia appare ovunque,giornali,tg,web
    E la cosa assurda e’ che appare in qualita’ d’eroe,di vittima di un aggressione,lui!Nessuno sa che dietro a tutta questa storia ce n’e’ un’altra completamente diversa,dove l’aggressore e’ lui
    Sarei cosi tentata di dichiarare un paio di cosette e farlo scendere dall’ Olimpo..ma non posso farlo
    Oltretutto grazie a lui(perche anche un giornalista puo scegliere se intraprendere un percorso piuttosto che un altro),anche l’incolumita’ di mia figlia e’ messa in gioco..sono abbattuta..possibile che questo bastardo sia considerato un eroe???Ma quando arrivera’ un po’ di giustizia..

    "Mi piace"

    1. Cara Virginia, i soggetti n.p. possono pure conoscere la gloria e la fama facendosi passare per brava gente, ma i buchi arcaici della loro personalità rimangono: il vuoto, la noia, l’ossessione di dover piacere a tutti, ecc. Se si tratta di chi sto pensando la preoccupazione per la tua bimba è legittima, MA tenendo fede ai tuoi commenti precedenti leggo che lui non visita regolarmente la piccina, quindi non so quanto questo legame possa contare nel caso in cui dovesse (facciamo mille corna!) subire qualche ritorsione dai brutti personaggi che ha “infastidito”. So cosa stai provando: vedere posare da eroi nazionale una persona violenta, un pessimo padre, promiscuo e cocainomane non è facile. Ed è molto probabile che l’aggressione che ha subìto generi frutti importanti in ambito lavorativo (so che è bruttissimo dirlo, ma è così che funziona in quell’ambiente: conta soltanto l’apparenza dell’eroi e a nessuno interessa il contenuto!). Bene, penso che dovresti pensare unicamente a tutelarvi e lasciarlo godersi le luci della ribalta che per un cocainomane violento non durano granché. I fumantini spesso fanno terra bruciata attorno, soprattutto se hanno ottenuto un po’ di potere e di gloria velocemente e senza alcun merito.

      "Mi piace"

      1. Grazie Claudeila,è confortante avere qualcuno che sa di cosa si parla,la maggiorparte delle persone mi chiamano per chiedermi come sta,poveraccio,ed io vorrei solo sputtanarlo,ma non posso piu nutrire sentimenti,neanche negativi,per lui.È incredibile quanto camaleontico sia,l altra volta(a due gg dall accaduto e sotto pressione di una comune amicizia),mi ha chiamata con” l’altra voce”,melliflua,profonda,premurosa..ripetendo che l unica cosa che lo interessava era la mia sicurezza e quella della nostra bambina,senza scendere in dettagli ti dico che ostentava mezzi con cui ci avrebbe protette,completamente entrato nella parte…io come una totale idiota non so perche ma ho subito questo millantato suo potere e nuovo interesse nei nostri confronti..solo poi ho scoperto che mi aveva contattato perche pressato da quell amica,e che avendo il telefono sotto controllo tutte le attenzioni erano chiaramente strumentali(fino ad una settimana prima era un altro,si rivolgeva a me con disprezzo)..quando ho capito il nuovo inganno ho avuto un giorno difficile..neanche di fronte a certe cose posso fidarmi di questa persona..ora piu che mai il suo ego sarà alle stelle,ringrazio il cielo di essermene liberata un anno e mezzo fa!

        Piace a 1 persona

  5. Grazie del bellissimo articolo. È tutto vero. Mi aiuta tantissimo leggere questo blog. Soprattutto perché ogni tanto mi sorge il dubbio, forse non è un narcisista, forse sono stata io troppo frettolosa nel farmi un idea romantica, forse è solo che non è scattato per lui l’innamoramento.. ma poi leggendo il blog e mi rendo conto che no, non sono io che mi sono sbagliata è il suo comportamento che non andava bene. Perché il bombardamento di messaggi, le sparizioni, i miei attaccanti di ansia non me li sono sognati. E guarda caso quel malessere da attesa di risposte e lo stress che mi creavano i nostri incontri, come se dovessi sempre dimostrate di essere all’altezza, tutto questo disagio io lo ho vissuto solo quando frequentavo lui. E se non fossi stata ferma sulla mia decisione di respingerlo, lui avrebbe continuato con il tira e molla. Ammetto che è molto doloroso abbandonare l’idea che mi ero fatta, veramente pensavo di aver trovato quello giusto. Ma farsi un bagno di realtà è vitale. Grazie ancora per il lavoro che fai! Un abbraccio

    Piace a 2 people

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...