Il partner narcisista e l’effetto anima gemella

Fonte: http://www.thenarcissisticpersonality.com/soul-mate-effect/
Autrice: Zari Ballard. Opere: When Love Is a Lie: Narcissistic Partners & the Pathological Relationship Agenda; Stop Spinning, Start Breathing: Narcissist Abuse Recovery for Empowering the EmpathWhen Evil Is a Pretty Face: Female Narcissists & the Pathological Relationship Agenda e Narcissist Free: A Survival Guide for the No-Contact Break-Up
Trad. C. Lemes Dias

___________________

In una relazione, un narcisista userà una varietà di tattiche di manipolazione emotiva per agganciare, riagganciare e poi invischiare il suo partner. Una delle più efficaci di queste tattiche è la creazione dell’effetto anima gemella. Insieme all’altra tattica di manipolazione affine, la creazione di un futuro fake[1], l’effetto dell’anima gemella costituisce la porzione più ostica della rete che i narcisisti tessono per colpire e catturare le loro prede. Entrambe le tattiche sono così importanti, infatti, che il fallimento dell’una o dell’altra mette a repentaglio l’agenda occulta del narcisista, che comincia a scemare e alla fine cessa di esistere. Utilizzati separatamente, tanto l’effetto anima gemella quanto il futuro fake sono tipicamente tolti dalla sacca piena di trucchi del narcisista unicamente in quei momenti della relazione nei quali si vede costretto a fare gli straordinari per attrarci o ri-attrarci nella sua trappola – cioè, l’inizio della fase di idillio e ad ogni ricomparsa dopo un trattamento silenzioso.

Sì, devo ammettere (e non con orgoglio) che l’effetto dell’anima gemella è stata la mia rovina. Chiaramente sfruttando il fatto che ci conoscevamo da quasi dieci anni prima di passarne altri dieci come fidanzati, il mio ex ha fatto ampio utilizzo di questo bocconcino storico nell’effetto dell’anima gemella per tirarmi indietro ogni volta che periodicamente mi abbandonava. Vedete, i narcisisti e altri manipolatori emotivi creano l’effetto dell’anima gemella durante la fase di idolatria per agganciarci alla Menzogna (la loro vita), ogniqualvolta desiderano premere il pulsante ‘reset’ nella relazione e quando ricompaiono magicamente dopo un trattamento silenzioso. Per quest’ultimo, il hoovering[2] viene usato come preludio per il ‘reset’ e, come sapete, riscuote molto successo.

All’inizio, proprio come tutti voi, sentivo che il mio ex e io dovevamo stare insieme. Per i primi mesi, era come se condividessimo lo stesso cervello. Finivamo le frasi insieme, ci piaceva la stessa musica, ridevamo delle stesse cose, amavo il suo senso dell’umorismo e la valanga di lusinghe che ricevevo. Era stato stupefacente su questo! E poi, naturalmente, bastò definirci ‘anime gemelle’ e BINGO, affare fatto. Wow, pensavo… e se avesse ragione? E se fossimo anime gemelle? Certo che lo siamo!

Vedete, il mio ex mi conosceva perché eravamo amici da anni e i narcisisti non dimenticano mai nulla. Erano passati diversi anni da quando l’avevo visto e dal primo momento, era come se l’avessi visto ieri. In sole due settimane mi ha convinto che stare insieme era il nostro destino. In sostanza, ha creato quel fenomeno nella fase iniziale altamente ingannevole che ora descrivo come una tattica di manipolazione narcisistica chiamata, appunto, ‘effetto anima gemella’.

L’effetto dell’anima gemella è particolarmente efficace perché è molto personale. Non solo ci innamoriamo della menzogna, ma ci crediamo profondamente, tanto che in seguito, magari durante un trattamento silenzioso o per impedirgli di andarsene, tenteremo davvero di convincerlo della sua importanza nella nostra vita. “Per favore non lasciarmi! Siamo anime gemelle!!!” Di conseguenza, poiché spesso confermiamo che effettivamente funziona, un narcisista – usando solo piccoli ritocchi  – ricrea l’effetto ad ogni suo ritorno per reimpostare la relazione a suo piacimento. In questi casi, ad esempio, la retorica dell’anima gemella utilizzata dal mio ex era qualcosa del tipo: “Sai, non posso proprio stare lontano da te. Ero solo un po’ assuefatto. Cosa posso dire? Siamo anime gemelle!”. E se voleva davvero strattonare le mie corde del cuore, si riferiva alla “nostra lunga storia insieme” che, per me, era un’altra frase chiave in grado di generare immediatamente lo stesso dannato effetto.

La differenza tra l’effetto anima gemella e la simulazione del futuro è che l’effetto dell’anima gemella si verifica solo all’inizio e poi va calibrato per ripristinare e riagganciare un bersaglio più e più volte. Il futuro fake, che riguarda il narcisista che fa promesse e/o piani futuri che non accadranno mai, è in genere una strategia usata per mantenere o trattenere la preda. In sostanza, il futuro fake è un’estensione dell’effetto anima gemella. Entrambe le strategie sono ovviamente malvagie in quanto sono manipolazioni pre-meditate con l’obiettivo di giocare con la psiche di una persona per ragioni completamente ingannevoli ed egoistiche.

Il ‘must’, naturalmente, è il modo in cui il narcisista si comporta subito dopo aver creato l’effetto dell’anima gemella o il futuro fake. Intendiamoci: non è una questione di SE, ma QUANDO accadrà.

Tristemente, il narcisista:

1) creerà il caos e scomparirà il giorno dopo senza un pizzico di vergogna, oppure;

2) dimenticherà completamente i piani e poi vi guarderà incredulo quando glielo ricorderete;

3) vi accuserà di fare pressione su di lui anche se è stato lui a fare i piani;

4) vi accuserà di rovinargli la vita il mattino dopo un’intera notte in cui vi ha detto mille volte che eravate la sua anima gemella… e posso andare avanti all’infinito.

Si tratta, ovviamente, di un mucchio di parole patologiche, di spazzatura tossica. Purtroppo, mentre sta accadendo, il dolore che si prova è lancinante.

Il mio ex si è divertito ad usare entrambe le strategie contemporaneamente. Ad esempio, aveva l’abitudine di svanire subito dopo aver trascorso un meraviglioso weekend insieme, lasciandomi confusa e affranta. Al suo ritorno settimane e persino mesi dopo, la nostra conversazione andava più o meno così:

W: Mi sei mancata davvero. Non lo so, Zari. Immagino che siamo davvero anime gemelle. Credo che il nostro destino è quello di stare insieme.

Io: W, ma sei stato via per due mesi e non so nemmeno perché te ne sei andato. Non vedi niente di sbagliato in questo? Sono stata malissimo per questo. Come puoi dire che siamo anime gemelle quando continui a scomparire? Dove cazzo vai?

W: Suvvia… abbiamo una lunga storia insieme. Ieri sera stavo pensando che invecchieremo insieme. Ti amo.

Io: Sei stato via per due mesi. Cosa vuoi che faccia? Che riprenda come se nulla fosse successo? Non capisco.

W: Sai una cosa? Ecco perché me ne vado. Tutto quello che fai è riportare a gala il passato… ancora e ancora. Sono qui, no?

Io: Sì, ma ieri non c’eri!

W: Va bene, è come dice tu. Cosa vuoi che faccia? Che me ne vada?

Io: No… è solo che…

W: Perché lo farò, lo sai? Non ho alcun problema.

Io: Nessun problema nel farlo? Ma se un minuto fa mi hai detto che eravamo anime gemelle…

W: È impossibile comunicare con te. Non avrei dovuto venire qui. Avrei dovuto sapere che sarebbe stata la stessa vecchia merda…

Io: Ok, okay… per favore, non te ne andare.

W: Ehi, sai una cosa? Che ne dici di andare a quel concerto questo weekend? Divertiamoci.

Io: Mi piacerebbe tanto andare ma… ma… fai sempre piani quando torni e poi non si realizzano mai. Non voglio fingere di essere eccitata per qualcosa che non accadrà.

W: Sei davvero una guastafeste!

Io: Va bene… va bene. Andiamo allora.

La serata concertistica arriva e Wayne non si fa trovare da nessuna parte.

Se pensate bene, il narcisista DEVE creare l’effetto anima gemella: e cos’altro, se non l’idea fissa di aver trovato l’anima gemella, potrebbe portare una donna a sopportare tutte queste assurdità? Imparate a riconoscere i segni dell’effetto anima gemella e del futuro fake con un partner attuale e anche con qualsiasi nuova persona che potete incontrare.

Cercate di comprendere che quando il sentimento dell’amore è reale, nessuno dovrà mai dire una parola a riguardo. Non c’è una lotta per dimostrare a qualcuno che esistiamo e le promesse che ci vengono fatte non vengono rotte in continuazione.

Dobbiamo allenare nuovamente il nostro cervello per riconoscere ciò che è normale in un rapporto oppure no… senza mai accontentarsi di qualcosa di meno.

_____________________________

[1] https://artedisalvarsi.wordpress.com/2017/11/21/i-narcisisti-e-larte-della-creazione-di-un-futuro-fake/

[2]https://artedisalvarsi.wordpress.com/2017/11/03/come-i-narcisisti-vi-inducono-a-rispondere-ai-messaggi-il-hoovering/

188 pensieri su “Il partner narcisista e l’effetto anima gemella

  1. Grazie dell’articolo Claudileia. Il discorso dell’anima gemella falsa é evidente…una persona che scompare nel nulla per settimane o mesi non può essere un’anima gemella. Ma anche uno che sta anche solo un giorno intero senza farsi sentire. Se ami davvero una persona non puoi stare nemmeno mezza giornata senza sapere come sta….e se una persona si comporta diversamente significa che gliene importa molto poco i comunque relativamente di te.
    Tuttavia i narcisisti sanno come fare a riagganciarti anche dopo periodi silenziosi di settimane o mesi…magari fanno leva sull’attrazione, sulla chimica, sull’intesa mentale, o magari ricompaiono in un momento in cui si hanno le difese abbassate e quindi si é vero più predisposte a cedere alle lusinghe…
    Bisognerebbe imparare a non accettare che una persona (narcisista o meno) vada e venga così, senza motivazioni valide. A meno che non si accetti che il rapporto sia di natura occasionale. Ma loro ovviamente non te la pongono mai così all’inizio. Ti fanno credere che ci sia un futuro nella conoscenza.
    Il mio primo np all’inizio si è comportato come se volesse una relazione con possibili sviluppi futuri, mentre il secondo è stato chiaro da subito sul fatto che non voleva legami ma ha puntato moltissimo sulla forte affinità mentale e fisica che in teoria ci legava per portare avanti il gioco e su quello si basava nei riagganci.
    Un caro saluto

    "Mi piace"

    1. Cara Spirito Libero, anche nel caso in cui non crediamo per niente nelle ‘anime gemelle’, piano piano veniamo portate a credere nella fase del love bombing, proprio come afferma Zari Ballard nell’articolo. Infatti, inizialmente possono fare chilometri per vedere una preda per poche ore, portarla in giro ed esibirla come un trofeo… Ma quanto costa uno schiavo? Qualcuno che resti perennemente alla tua disposizione e che rinuncia alla propria vita per te? Vale l’investimento, no? Oggigiorno costa tanto in termini di energia, anche perché tutti noi abbiamo accesso all’informazione, di modo che bisogna INVESTIRE in parole che fanno presa sulla nostra sete d’amore. Ecco, una persona empatica può non credere al discorso dell’anima gemella, ma vuole essere amata. Allora si dice: “Perché no? Se lui fa tutto questo per me, mi guarda in questo modo, mi dice queste cose che inneggiano al ‘per sempre’ può darsi che dica la verità sul fatto che sono la sua anima gemella!”. Errore madornale. Se la persona è scettica e vuole vederci chiaro il discorso sull’anima gemella diventa ossessivo fino ad accecarla totalmente. Una volta che l’hai portata a credere in qualcosa che prima non credeva, allora sai di averla in pugno. Ecco perché dopo una dichiarazione d’amore della preda inizia il vero e proprio stillicidio. Per loro si tratta di un capolavoro manipolatorio: è come convertire qualcuno in una nuova fede in cui i ‘santoni’ sono loro. Da quel momento in poi sanno che possono dire cose assurde che la preda fatalmente CREDERA’. E se era scettica all’inizio ha l’aggravante di aver ‘fatto soffrire’ il narcisista nei primi tempi, di modo che quando la svaluta dopo la serie di scene romantiche da film, è perché si è meritata. A questo punto il discorso sull’anima gemella s’interrompe per essere ripreso con la prossima vittima, ovviamente senza scartare del tutto l’ex ‘anima gemella’. Un saluto caro a te!

      Piace a 2 people

      1. Cara Claudileia non dico che non siano bravissimi ad intortare ma é chiaro che se una persona si convince (o si fa convincere) che uno che sparisce per settimane o mesi sia l’anima gemella forse é un ancora un pò nel mondo delle fiabe o in un romanzo di Jane Austen.
        Non dico in fase di idealizzazione…lí ci siamo cascate tutte. Ma dopo non é credibile uno che ti dice che é la tua anima gemella ricomparendo dal nulla dopo mesi…
        Come mai allora ci si ricade?
        Perché loro riescono comunque a farti sentire che con te hanno un’intesa “speciale” …e allora pensi che se tornano significa che quel qualcosa di “speciale” lo trovano solo con te e non con altre.
        Ma anche lì bisogna farsi un esame di coscienza….ma se pensano davvero che di avere qualcosa di unico con noi come mai riesce a stare settimane e mesi senza farsi sentire? Se così fosse non cercherebbe altre ma starebbe con noi!
        Guarda, io ora ci sono arrivata a questa cosa così elementare ma sono stata la prima a riprendermi più volte quei tizi in nome di chissà quale alchimia unica.
        Bisogna mettersi in testa che uno che sta anche solo un giorno intero senza farsi sentire, a meno che non sia in coma irreversibile non é purtroppo molto interessato a noi, che sia o meno un narcisista.
        Un abbraccio

        Piace a 1 persona

      2. Hai perfettamente ragione. Mi fai pensare a quelle donne ridotte a ‘Charlie Brown’ per decenni che non si spiegano come mai i loro corpi vengono usati una volta all’anno dal n.p. che ogni tanto appare per invitarle a prendere un caffè o andare a teatro – pur di avere una botta di sesso senza sborsare una lira. Donne usate unicamente per triangolare con altre. Sono storie di grande sofferenza, perché non riescono ad avere rapporti decenti con altri uomini e non riescono a spiegarsi perché. Il perché è abbastanza chiaro per una persona esterna: finché sei fermamente convinta che la persona che ti ha ridotta alla solitudine abbia con te un ‘legame importante del tipo anima gemella’ ogni uomo verrà paragonato al tuo aguzzino e ritenuto ‘noioso’. Quando la manipolazione è grande la preda sposa le tesi del perverso e non riesce a capacitarsi come mai non trova nessuno ‘come lui’, ovvero la faccia ‘sentirsi viva’. Non capiscono che sono state condannate alla morte lenta per mancanza di amore, sopratutto verso loro stesse.

        Piace a 2 people

      3. Proprio così Claudileia. C’è un libro molto bello di Carla Cerati, autrice scomparsa da alcuni anni, che parla di una relazione con un narcisista, si intitola “La condizione sentimentale” e descrive esattamente quello che dici tu….donne che restano comunque legate intimamente a uomini che le cercano pochissimo, donne che magari provano anche ad avere altre relazioni ma non riescono mai a sganciarsi del tutto.
        Nel romanzo ad un certo punto lei prende coscienza della cosa e gli dice “Stare con te in questi anni é stato come trovarsi su una Ferrari che va in prima e seconda su una stradina di campagna”….cioè il potenziale completamente sprecato di un rapporto che resta sempre al palo e dove non c’è alcuna possibilità di evoluzione ma esiste solo entro i confini in cui ti relega l’egostronzo.
        Mi ha fatta riflettere molto. É un libro che consiglio sempre e che racconta benissimo l’incosistenza dei rapporti con i narcisisti.

        "Mi piace"

  2. Volevo aggiungere solo una cosa : voi non potete capire quanto mi mandino in bestia questo tipo di persone. Se c’è una cosa che non sopporto è qualcuno che da una parola e non la mantiene, che non rispetta un appuntamento, che fa il finto tonto come se non ne aveste mai parlato, che sparisce e si presenta tre giorni dopo, li detesto.
    Se ho capito bene dai vari articoli questa è la specialità di questi np.
    Immagino che molte di voi abbiano assistito a questo tipo di comportamento centinaia di volte…..
    Sappiamo bene che una donna detesta aspettare, lo dice anche un vecchio proverbio : ebbene, questi vi fanno aspettare addirittura per settimane o mesi, in questo veramente umiliano e distruggono la vostra natura, è pazzesco.

    "Mi piace"

      1. Claudileia cara, altro articolo incredibile e davvero triste.
        Il dolore che provocano agli altri non è nulla in confronto a quello che sperimentano. Inutile cercare vendetta, sono già condannati.

        "Mi piace"

      2. È esattamente ciò che penso. A forza di giocare con i sentimenti delle persone prima o poi la vita presenta il conto. Spesso questo conto viene presentato in forma di condanna a restare nella mediocrità, nella povertà emotiva e nel vuoto. Nessuno che bombarda il proprio cervello quotidianamente con la spazzatura che poi vomita addosso alle persone che lo amano viene premiato con la felicità o con un potenziamento delle ipotetiche qualità che crede di avere. Penso che la felicità sia un processo. È come una strada buia che dobbiamo illuminare mano a mano che procediamo con le torce che accendiamo (la conoscenza profonda e l’accettazione di noi stessi). Il premio è la pace interiore. Loro, essendo sprovvisti di intelligenza emotiva, non possono comprendere questo processo e quindi lo delegano ai corpi altrui, al brivido della trasgressione, al raggiro e al momentaneo vantaggio ottenuto, alla fama e ai trofei esibiti… Ma poi, nel buio delle loro camere, subentra l’orrendo vuoto. Un vuoto che non hanno la minima idea da dove provenga, perché deriva dal mancato investimento nell’illuminazione della strada buia delle loro vite. Ecco perché due persone possono avere la stessa identica infanzia sofferta ma divergere nel modo in cui affrontano la strada della felicità verso la pace interiore. Bisogna pensarci come accenditori di torce ogniqualvolta la nostra mente fa una scoperta che ci rende interiormente ricchi. E i narcisisti? Sono venuti per spegnere le torce che accendiamo per timore che la pace interiore sia un premio al quale non potranno mai accedere a causa della vita che fanno. E se loro non posso accedere al supremo obiettivo nella vita di una persona sana, allora non possono permettere che lei lo faccia. Più che altro sono sabotatori di sogni. Più sei grande più cercano di spegnere le tue torce.

        Piace a 3 people

  3. Sicuramente sarà così, sarà che la vita presenterà loro il conto, ma quando arriverà questo conto? Quando ormai non avranno più neanche la forza di alzarsi dal proprio letto? E nel mentre? Quante vite avranno distrutto? Non riesco a trovare consolazione in questa ipotetica punizione dalla vita che, peraltro, non assistero’ mai.
    Sì ok probabilmente ho ancora tanta rabbia da smaltire, ma quel che vedo ora è un uomo di 50 anni che se la vive serafico, facendo ciò che gli pare, continuando a seminare distruzione e per niente preoccupato del castigo divino.

    "Mi piace"

    1. Cara Alma, anche io mi ritrovo a pensarla come te…ho visto il mio primo ex narcisista “felice” con la nuova donna mentre io sono io sono ancora sola. So che non dovrei interessarmi alla sua vita e di fatto non lo faccio, ma certe cose fanno male. Più che altro il pensiero che alcuni siano narcisisti con persone come me e non con le altre, alle quali invece dedicano attenzioni e rispetto. Anche se tutti dicono che non è così io ho paura che sono stata quella da trattare male mentre quella nuova avrà il meglio e di più.
      Anche io mi chiedo quando gli cadrà la maschera, ma capisco che questa risposta forse non l’avrò mai….se non magari tra anni….e nel frattempo?
      Dobbiamo andare avanti, sempre e comunque. Non dobbiamo più dare importanza alle loro vite. La vita che conta è la nostra, e dobbiamo viverla al meglio indipendentemente da loro.
      Un abbraccio

      "Mi piace"

      1. Sì certo, è quello che sto cercando di fare, in realtà quello che sta facendo lui, da 4 mesi a questa parte, non ne ho proprio idea, non ho, per fortuna, più avuto report da nessuno e me ne guardo bene da averne.
        Trovo veramente ingiusto che persone del genere non possano essere punite nel momento che compiono le loro nefandezze.
        Poi , certo, ciò che conta è la mia vita, sicuramente lontana da lui.
        Un abbraccio a te

        Piace a 2 people

      2. Cara Spirito Libero, anche se si fa fatica a crederlo loro non sono felici, mai. Sfoggiano apparenza ma solo l’invidia, l’insoddisfazione e la mancanza sono la cifra di tutta la loro esistenza.
        In questi giorni sto facendo una profonda riflessione sulla mia vicenda personale non solo riguardo l’np.
        Ho pensato che sono brava, si me lo dico da sola, brava perché in pochi mesi mi sono integrata nel nuovo ambiente di lavoro, brava perché ho già ricevuto attestati di stima riguardo quello che ho fino ad ora realizzato, brava perché ho già instaurato un buon rapporto con i nuovi colleghi. Brava perché ho ripreso a fare con passione le cose che mi piacevano, in primis cucinare, gustare nuovi piatti e cercare di replicarli. Brava perché continuo l’attività fisica e brava pure perché mi do la crema tutte le sere. E potrei continuare, ma non lo faccio perché sono modesta 🙂 🙂 🙂 .
        E io che ero convinta di vivere sotto anestesia, di essere uno zombie.

        Sono sicurissima che anche tu hai tanti motivi per dirti brava, sei senza dubbio molto intelligente e colta, di sicuro una bella donna, hai uno splendido figlio e mi pare di aver capito un lavoro gratificante.
        Quello che è successo con l’np non ti qualifica, non ti descrive in nessun modo, tu non sei la relazione con lui. Tu sei tu.
        Se lui avrà o non avrà quello che si merita è solo un dettaglio.
        Un abbraccio.

        Piace a 1 persona

      3. Babi ti ringrazio di cuore per le tue parole. E si..lasciatelo dire… BRAVA!!! 😊👍👍Tutto quello che fai dimostra che hai saputo riprendere in mano la tua vita alla grande…ed è una cosa meravigliosa.
        Non dobbiamo mai pensare di valere poco solo perché qualcuno ci ha fatte sentire così. Pensa che np1 non sapeva nemmeno scrivere in italiano corretto eppure mi ha tenuta per tanto tempo sotto scacco….chissà come deve essersi sentito figo…
        Grazie al cielo sono una donna fortunata per tante cose….ho una bella famiglia che mi sostiene, ma un figlio che mi da tante soddisfazioni, il lavoro purtroppo c’è l ‘ho precario e forse ora devo cercare di pensare più a quello che al resto ma sono fiduciosa….
        L’amore non so….ho avuto anche moltole belle cose in passato, non solo brutte storie e narcisi. Bisogna ripartire da ciò che eravamo prima di incontrare queste persone e guardare oltre…abbiamo tutte le doti e la forza per farlo.
        Ti abbraccio…

        "Mi piace"

      4. Uhm uhm Spirito Libero, ‘ripreso alla grande’ è un po’ forte, ogni tanto devo fare il censimento delle cose belle che ho e che faccio per non farmi travolgere dalla vergogna e dai sensi di colpa.
        Intanto però non è più nostalgia né rivalsa e mi pare di aver fatto un bel passo avanti.
        Hai ragione, abbiamo le doti e la forza per uscirne. Un bacio.

        Piace a 1 persona

      5. Cara Babi, abbiamo molto coraggio e proprio perché siamo persone di valore e loro ci avevano “agganciate” per nutrirsi di noi…dobbiamo sempre tenere a mente questo e essere orgogliose di ciò che siamo. Spero lo stesso che i momenti “alla grande” tornino nelle nostre vite perché ce li meritiamo tutti! Un abbraccio

        Piace a 1 persona

    2. Cara Alma, quando arriverà il conto non dovrebbe interessarci perché saranno loro a doverlo saldare, e non più noi. Nel mentre avranno provato a distruggere sicuramente tante vite, ma anche qui non è qualcosa che ci serve sapere. Non perché siamo egoiste o menefreghiste, ma perché ognuna di queste persone che proveranno a distruggere deve imparare a guardare dentro di sé e cercare con le proprie forze i mezzi per mettersi in salvo. Non possiamo avere la pretesa di salvare il mondo. Tutto ciò che possiamo fare è dare una mano a chi chiede il nostro aiuto. Le ipotetiche vite che distruggeranno, la giustizia che per loro non arriverà mai, la felicità che apparentemente hanno grazie a un’altra (quando tutti noi sappiamo che non esiste al mondo una persona 100% felice e soddisfatta!) sono costruzioni mentali che ci facciamo per continuare ad occuparci di loro e non di noi stessi. E che ci importa se lui non si preoccupa del ‘castigo divino’? L’importante è la TUA verità interiore, e non la fantastica vita che una persona drogata di ammirazione fa. Lui può avere accanto un prototipo di Claudia Schiffer o di qualsiasi altra super modella e può pure sfoggiare nella notte la sua Ferrari rivestita d’oro… che sarà insoddisfatto della vita comunque e sarà ammirato da persone ugualmente insoddisfatte dalle loro vite. Vivrà eternamente in un circuito chiuso in cui dipende dell’ammirazione di chiunque attribuisca alle apparenze un valore inestimabile. Ti chiedo: che valore hanno le apparenze per te? Se per te conta la sostanza e lui ha dimostrato di non avere alcuna sostanza o profondità, che valore può avere l’immagine che dà di se stesso? Saresti orgogliosa di sfoggiare accanto a te una persona che punta tutto sull’apparenza? Come vedi, il sentimento di rabbia dipende del valore che dai tu alle sue azioni attuali. Finché non viviamo la fine di questi pseudo rapporti come una liberazione la rabbia monta e ci impedisce di vedere le cose come sono. Non attribuire un valore così elevato alla sua ipotetica felicità semplicemente perché non esiste. Se è complicato per una persona sana definirsi ‘felice’, come puoi pensare che persone con dei buchi così arcaici possano essere strepitosamente, meravigliosamente, divinamente contente quando la luce si spegne e la platea non c’è?

      Piace a 2 people

      1. ancora una volta posso portare la mia esperienza per rispondere ad Alma e Spirito Libero : questo cesso in casa, ha semi distrutto la mia famiglia ( o dovrei dire distrutta completamente ) , ha trattato malissimo varie ragazze, io ho assistito solo a pochi episodi, non oso immaginare cosa sia successo in altri luoghi –
        Pensate che ora sia felice ? Si sta trasformando in un vero tossicodipendente – ormai passano quasi tutto il giorno chiusi in cucina lui e il suo amico tossico – fumano tutto il tempo e chissà cos’altro prendono, un decadimento costante e quotidiano –
        come vedete il conto arriva – non possono essere felici, hanno il vuoto assoluto dentro

        "Mi piace"

      2. Cara Claudileia, le tue riflessioni sono assolutamente giuste e avrò modo di ritornarci su. Tuttavia comprendo e condivido la grande frustrazione interiore di Alma, una donna che come me/noi ha dato evidentemente tanto a un uomo che non solo non ha capito niente del bene che aveva ma addirittura l’ha buttato come si fa con un vecchio rottame per dedicarsi ad altro. Il tutto come se nulla fosse. Ecco, probabilmente tocco la mia parte più bassa quando vorrei vederlo pagare un conto, come Alma forse sentirei un certo sollievo nel saperlo in difficoltà invece lo vedo/li vediamo proseguire con la nuova compagna “felici e realizzati”.
        Sarà un problema di autostima la nostra ma queste persone hanno avuto la capacità di distruggerla completamente. Vederlo proseguire mentre io mi affanno in un problema dietro l’altro (ora anche la perdita del lavoro) fa salire tanta rabbia e mi rimanda l’immagine di me inadeguata visto che con un’altra persona le cose funzionano…come a ribadire “vedi che allora sono io?”
        Hai ragione su tutto Claudileia e forse un giorno ci arriverò ma per ora la strada è ancora in salita. Per di più mi sono sempre detta…ma se tanto loro non si rendono conto nel profondo del loro disturbo o del loro disagio come possono sentire il vuoto e la totale mancanza di sentimenti? Cioè capiamo di avere un problema nella misura in cui ce ne rendiamo conto ma se questo non avviene allora il problema non c’è!
        Perdona se sono un po’ ostica… grazie per la comprensione

        "Mi piace"

      3. Ostica? Assolutamente no. Ognuno di noi ha i suoi tempi e sarebbe stupido da parte mia pretendere di avere la verità in tasca. Penso, tuttavia, che del presente facciamo ciò che vogliamo noi. Non sono più loro ad avere il controllo della nostra vita. Semmai gli permettiamo noi di continuare a controllare la nostra mente e il nostro umore andando a cercare notizie o invidiando la sostituta o ripensando infinitamente a tutte le volte in cui hanno provato ad ucciderci psichicamente. Se tali pensieri servono a dirsi: ‘mai più permetterò che un uomo mi tolga la dignità in questo modo e ora cerco di rafforzarmi perché questa cosa non accada più’ allora c’è la voglia di andare avanti riscoprendosi e rinforzando la propria autostima. Se, invece, affiorano dal desiderio che la vita di quella persona venga colpita da fallimenti, malattie o disgrazie varie per avere un riscatto rispetto a un passato di soprusi e angherie varie, il vincolo che abbiamo con lui o lei potrebbe non sciogliersi mai. Ecco il rischio di attendersi un riscatto sulla base di ciò che capita a loro. Tu, Mirò, hai pagato a caro prezzo la difesa della tua dignità e probabilmente le persone che sanno del tuo coraggio avranno in te un esempio da seguire. Mi dirai: “Embè? Io comunque devo mangiare. A cos’è servito?”. Forse a darti l’opportunità di andar via da un ambiente di lavoro che ti opprimeva in cui le persone venivano maltrattate emotivamente, forse a fare la svolta radicale che rimandavi da tempo nella tua vita, forse a costringerti ad andare a bussare in altre porte in cui il tuo potenziale può essere molto meglio sfruttato e il tuo valore come persona apprezzato… Ora hai tanti pensieri negativi a riguardo, ma anche tante possibilità. Perdere il lavoro è uno shock tremendo che colpisce direttamente il tuo presente. Per un po’ sarai impegnata nella ricerca di uno nuovo e forse, con un cambio radicale di ambiente, anche i tuoi pensieri e propositi cambieranno grazie all’apertura di nuovi portali nella tua mente, atti a seppellire definitivamente lo zombie che ha creduto di poter estrarre da te la sua linfa vitale.

        Piace a 1 persona

      4. Cara Claudileia il mio lavoro nella terapia così come il confronto con voi qui va certamente nella direzione di rafforzarmi, aumentare la mia autostima per non permettere mai più che una persona mi maltratti come ha fatto l’individuo che ho amato. Mettere fine al maltrattamento emotivo a cui sono stata sottoposta in ufficio è stata l’occasione per imparare a mettere veramente in pratica ciò che imparo: ho difeso me stessa, la mia dignità di donna e di professionista. Il prezzo come dici tu è stato alto, sono di fatto senza uno stipendio ma sono anche convinta, per la prima volta in vita mia, che non ci fossero alternative valide perché qualunque alternativa avrebbe significato trattare sulla mia dignità e questo non lo consento più a nessuno. Questa è la lezione che un essere abietto mi ha insegnato: rispetto per me stessa.
        Hai ragione sulla gestione del nostro presente ma a volte cedo e mi avvito su me stessa: ci vuole coraggio e forza e io non sono sempre sicura di averne. Sono anni che fatico, prima dentro la relazione e poi fuori e la stanchezza si fa sentire così come lo sconforto di non riuscire a trovare un po’di tranquillità per me.

        "Mi piace"

  4. Vi seguo da un po’ e solo ora ho trovato il coraggio di scrivere un commento. Ho trascorso 30 anni della mia vita con un uomo che non mi ha mai amato e che in più occasioni mi ha preso a schiaffi. Casualmente qualche anno fa è entrato un altro uomo nella mia vita, sconvolgendola. Dopo il border line mi è toccato in sorte il narcisista patologico! Ci sono ricaduta per ben tre volte in tre anni, un vero calvario. Ora da un mese sono in contatto zero per mia volontà, ma forse gli ho fatto solo un favore dal momento che triangolava allegramente da mesi. Ho iniziato a somatizzare il disagio profondo, l’angoscia e la vergogna per aver ceduto alle lusinghe di un essere così spregevole. Sapere che ci sono tante vittime come me, da un lato mi dà forza e coraggio, ma dall’altro mi inquieta e mi terrorizza. Ho letto moltissimo sul np e non smetto mai di stupirmi. Spero di farcela e di uscirne fuori al più presto, perché una via di fuga ci deve essere per forza.
    Un abbraccio a tutti

    Piace a 1 persona

    1. Cara Ange, mi dispiace sapere che dopo tanta sofferenza tu abbia conosciuto proprio un narcisista…
      Guarda, a me è successo lo stesso….dopo un brutto matrimonio e una lunga relazione senza sbocchi ho incontrato proprio il narcisista….all’inizio ho pensato fosse davvero un bravissimo ragazzo e che finalmente mi meritavo una storia bella e invece….nel giro di due mesi si è rivelato quello che è, anche se ci ho messo tantissimo a capire perché si comportasse così…purtroppo anche dopo averlo intuito ho chiuso gli occhi e sono andata avanti lo stesso.
      Ora che finalmente sono in contatto zero da quasi un anno posso dire che ce la si può fare, non dico a dimenticare tutto ma sicuramente a riprendere in mano la propria vita. Un abbraccio

      Piace a 1 persona

    2. Ciao Ange, mi dispiace leggere certe cose . Sarebbe veramente da studiare come mai si passa da un maltrattante all’altro, mi chiedo se avete mai conosciuto qualcuno che si sia comportato bene.

      Un abbraccio

      "Mi piace"

      1. Caro Massimo, spero tanto di trovare un po’ di pace e una persona che smetta di trattarmi come un bersaglio da colpire. Sono molto sensibile al tema della violenza sulle donne e da anni sono iscritte ad un’associazione argentina che si chiama ” ni una menos”. Ai miei alunni insegno sempre il rispetto, la tolleranza e soprattutto l’accoglienza del punto di vista dell’altro. Noi educatori e madri di figli maschi dovremmo lavorare di più sull’educazione all’affettività e al sentimento, allevando i nostri uomini ad acquisire una sensibilità altra, quella famosa empatia che alla fine è compassione nel senso più positivo del termine, perché comprende la cura dell’altro. Dobbiamo lavorare e impegnarci tanto e tutti, perché quando cresci in un ambiente sano ed accogliente di sicuro non sviluppi psicopatie.

        "Mi piace"

      2. Sono in perfetto accordo con quello che hai scritto. E sopratutto sull essere madri di un maschio come me ,mio figlio ha 18 anni. Però penso che tutti questi benefici li vedremo tra qualche generazione ..ci sono ancora molte donne che la pensano peggio dei maschi maschilisti e molte sono madri di maschi. E tutto detto.

        "Mi piace"

  5. La mia rabbia credo sia più nei confronti di me stessa, cioè sì lui è un bastardo inconsistente, un buffone, ma intanto gli ho permesso di farmi così tanto male per così lungo tempo ecco, questo non sopporto.
    Ti assicuro che sto cercando di oltrepassare questo ostacolo, che capisco mi impedisce di voltare pagina ma fatico a ritrovare il rispetto per me stessa e probabilmente mi sembra che se scoprissi che la sua fantastica vita scintillante fosse finita all’improvviso nel cesso, riuscirei a trovare pace e perdono per me stessa.
    Sono una persona vendicativa? Forse…non lo so…forse lo sono diventata adesso, dopo l’ennesimo fallimento affettivo.
    Io non penso che sia un uomo felice,ormai riuscivo a vedere al di là delle apparenze, è
    un uomo triste, visibilmente sempre annoiato, sempre diffidente del mondo, alla ricerca continua di un qualcosa che neppure lui sapeva. no, non lo invidio sicuro.
    Forse ho solo bisogno di altro tempo Claudileia, per arrivare ad infischiarmene totalmente se giungerà o no il conto dalla vita.

    Piace a 2 people

  6. Ciao a tutti, rientro dopo una settimana di lavoro estenuante, coinvolto nel disastro del bellunese. Un’esperienza forte, vissuta, anche se senza danni personali, in prima linea.
    Rientrato piuttosto stanco ho immediatamente subito l’ennesimo tentativo di ritorno della mia anima gemella, che adesso si dice quasi innamorata e vuole riprovare le belle sensazioni che abbiamo provato insieme, e mi chiede di tenere in considerazione l’enorme lavoro fatto su se stessa in terapia, e mi dice che lei evidentemente ha impiegato 4 anni per elaborare il tutto….. e che adesso è pronta a ricominciare a ricostruire.
    Insomma, il solito, solo un tentativo di riaggancio mascherato da buoni sentimenti; si dice stupita del fatto che la voglia lasciare; mi dice che quando in terapia di coppia ho detto che sarei andato a fondo del mio problema di dipendenza, si aspettava che lo facessi rimanendo insieme a lei.
    Il solito mondo rovesciato. Mi dice, in merito ai miei propositi di suicidio ai tempi della sua ira distruttiva, che anche io le ho detto cose molto pesanti (mi sono difeso, e l’ho fatto solo dopo essere arrivato vicino alla fine fisica), ma che lei evidentemente reagisce in modo diverso. Cioè io arrivo a pensare al suicidio, lei, mettendo tutto sullo stesso piano, è evidentemente più forte e non arriva a tanto.
    Più lei va avanti è più sono forti i miei propositi di andarmene e più difficile diventa non poterlo fare e dover restare in queste condizioni.
    Grazie e scusate dell’ormai consueto sfogo, che non c ‘entra nulla coll’articolo postato, come sempre molto centrato.
    Un abbraccio a tutti.

    "Mi piace"

    1. Carissimo Gianni, intanto mi dispiace per tutto ciò che sta accadendo per colpa del clima rovinato dalla nostra follia consumistica collettiva. È straziante accendere la tv e vedere persone senza casa, boschi devastati, morte e distruzione ovunque. Confesso che il clima romano mi ricorda quello brasiliano. Finora non mi ricordo di uscire a novembre indossando quasi gli stessi vestiti dell’estate. Immagino che ci lavori su questo, da come parli. Ma veniamo alle mosse della tua ‘lei’. Da come ci hai raccontato la terapia di coppia è stata sabotata e tra lei e la sua terapeuta individuale il rapporto era piuttosto amicale. Nella sua testa, però, senza cedere di un millimetro, ha già fatto un gran lavoro su se stessa. Sei tu a non riconoscerlo. Da questo si evince la grande rigidità della sua personalità. Diciamo che ti ha detto tante cose per farti restare aggrappato al vecchio schema ‘tu sei debole-io sono forte’. Dopodiché un altro dettaglio da non trascurare è il fatto che lei credeva che tu andassi in terapia per imparare a meglio sopportarla. Cioè, in nessun momento si è messa in discussione. Piuttosto credo che si recasse in terapia per avere la sua posizione convalidata e non per mettersi in gioco. Capisco il tuo smarrimento e la tua voglia di andartene ora più che mai. Solidarietà massima.

      "Mi piace"

      1. Cara Claudileia effettivamente lavoro nel settore, in particolare nella parte di prevenzione. Stavolta è stato delicato ed essendo il mio ufficio in quelle aree l’ho anche vissuto in diretta. Inoltre ho abitato in quelle zone per anni e quindi conosco un sacco di gente. Ho voluto condividere un po’ anche qui, con altri amici.
        Venendo a me, oggi altra dose. Mi ha chiesto se non sento il bisogno di chiederle scusa……. Io alla fine non ho avuto la pazienza di aspettare giusto quei 4 anni durante i quali lei ha fatto il suo percorso.
        Se poi sono arrivato al suicidio è perché sono fragile rispetto allo stress emotivo….
        Ho ribattuto il meno possibile e ogni secondo che passava aumentava la voglia di andarmene.
        Grazie della solidarietà e un grande abbraccio.

        "Mi piace"

  7. x Mirò
    ” invece lo vedo/li vediamo proseguire con la nuova compagna “felici e realizzati”

    Non è molto che frequento il Blog, circa une mese ? Ora non ricordo bene.
    Ho letto però davvero tanti articoli e penso di essermi fatto un idea.
    Davvero hanno abusato psicologicamente di qualcuno, hanno fatto lo sfacelo e lo schifo per anni e ora sono ” felici e realizzati ” , hanno trovato la principessa azzurra ? 🙂
    Non ci credo nemmeno se lo vedo – ennesimo inganno e truffa.
    Con il tempo cambiano e diventano persone migliori ? Mica sono bottiglie di vino 😀
    sono narcisisti patologici

    sapete benissimo che a breve questa nuova fiamma si pentirà amaramente del giorno in cui li ha incontrati – piangerà lacrime amare per ogni calunnia che ha dovuto ascoltare sul vostro conto

    Piace a 1 persona

      1. Spirito Libero me li immagino tutto tranne che ‘ felici e realizzati ‘ –
        quando penso a questi individui penso a risse ai semafori, urla nelle poste, denunce , la polizia che interviene per qualcosa, non li riesco proprio a vedere ‘ felici e realizzati ‘ – non me lo immagino un weekendino tranquillo al lago con elementi del genere, la vedo proprio difficile

        Piace a 1 persona

    1. Vedi, io non penso neppure questo.
      Che lui sia ora felice con la sua principessa azzurra 😃non lo credo proprio.
      Poi me ne guardo bene di sapere od indagare perché so che sarebbe deleterio, inutile, che comprometterebbe il percorso di no contact.
      Diversamente da altri np che ho letto qui, non ha mai promesso amore eterno, anzi, ha sempre esternato, fin dall’inizio, una insofferenza al rapporto di coppia, al sentirsi in gabbia, quindi sì al bisogno vitale di avere una donna, per i motivi che ora bene sappiamo, ma nel contempo a tenerla a debita distanza senza nasconderlo neppure tanto.
      La sua paura di essere fagocitato, coinvolto in qualcosa di cui non sarebbe stato in grado di gestire era evidente.
      In me questo atteggiamento ha scaturito una sorta di sfida, probabilmente il mio di narcisismo ha provocato una collusione estremamente fatale, per me ovviamente.
      È l’unica spiegazione e giustificazione che mi do, per sentirmi un po’ meno imbecille.
      Di fondo sento che, anche da parte mia, c è una insoddisfazione della vita, a volte mi sento un po’ simile a lui, la differenza è che non cerco rivalsa maltrattano il prossimo, anzi, è esattamente l’opposto.
      Praticamente due calamite.

      Piace a 2 people

      1. Ciao Alma, e Spirito Libero, se leggete la mia storia negli ultimi commenti relativi all’articolo “Le cinque qualità che i narcisisti perversi cercano nelle loro vittime – e in che modo le usano contro di loro” vi renderete conto che anche io sono caduta nella trappola del narcisista che ha paura di legarsi e che mi stava distruggendo a poco a poco.
        Che sia felice con un’altra non ci deve riguardare, a noi deve interessare il male che ha fatto a noi.
        Sono delle nullità e lo saranno anche con le loro prossime vittime.
        Sapeste quante volte io mi sono chiesta perché con la sua ex si è fidanzato e con me no, se con la prossima si comporterà meglio pensando che davvero fossi io il problema visto che mi riteneva soffocante (solo perché a fine serata gli chiedevo quando ci saremmo rivisti).

        Piace a 1 persona

      2. Cara Oliver…forse li hanno proprio fatti con lo stampino…
        Mi pare di capire che ci sono donne che loro valutano “idonee” a fare la fidanzata e altre che invece non li saranno mai, amanti per come noi…non so che criteri usino per queste scelte ma sono convinta come ho già scritto altrove che sia mille volte peggio essere quella “ufficiale”….

        "Mi piace"

      3. Cara Alma, anche il mio np dei tre anni non ha mai fatto love bombing ma come il tuo anzi dichiarava di volersi sentire libero a causa di precedenti rapporti a suo dire “asfissianti” con le ex…
        Io ho rispettato il suo desiderio di avere spazi personali, pensavo che li avrebbe apprezzato e nel tempo il legame si sarebbe evoluto invece per lui è stato il lasciapassare per fare un pó come gli pareva…deve aver pensato che fortuna l’aver trovato una che nemmeno gli rompeva le palle…
        Poi ovviamente ho capito che era una persona inaffidabile ma purtroppo mi ero già coinvolta.
        Ora che é “fidanzato” (! ) mi viene da ridere perché improvvisamente é diventato uno da “coppia fissa”….forse la nuova ha “contrattato” meglio? 😅
        Che dire….si riciclano indegnamente cambiando idea a seconda di come gli conviene al momento. Poveracci.

        "Mi piace"

      4. Ma anche con me si è contraddetto: ha prima detto che non voleva conoscere nessuna, che non voleva legami, poi mi ha detto che voleva sentirsi libero ed andare con le altre e infine che se trova una ragazza calma e più bella di me si fidanza!
        Per quello che ho capito la sua ex era una tipa fredda, non lo baciava mai, io invece sono l’opposto, non potevo fare a meno di abbracciarlo e di dargli un bacio anche solo sulla guancia prima di andare via.
        Facesse quello che vuole, io ho smesso di fare la detective su Facebook, per fortuna è a 5 km da me e non lo incontro (anche se purtroppo abitando su una strada che collega i nostri due paesi e avendo lui amici nel mio paese a volte passa di qua, una volta ho riconosciuto la targa della sua ma per fortuna non mi ha vista).

        "Mi piace"

      5. Anche il mio ex np mi faceva capire di cercare la “fidanzata”….io pensavo che il problema con me fosse la nostra differenza di età che lo frenava (15 anni di differenza..non pochi in effetti)…quindi dentro di me avevo accettato l’idea che avrebbe potuto trovare una ragazza di età più vicina alla sua…anche se ci stavo male.
        E invece la cosa che mi ha scioccata, e che ancora adesso mi turba, é che alla fine ha scelto come fidanzata una dona più grande di lui e separata con una figlia proprio come me….
        Questa cosa mi ha ferita perché ho capito che non era l’età o la mia situazione personale il problema al suo non volersi legare…
        Inevitabilmente ti chiedi cosa avrà l’altra di piú e ti fai mille paranoie mentali…
        I primi mesi sono stati duri da digerire….poi è successo che dopo 5 mesi dal “fidanzamento” con questa donna mi ha cercata di nuovo….
        Che dire…fanno presto a stancarsi delle “novità”….
        Ovviamente non ho accettato il riaggancio perché non voglio più fare la ruota di scorta.
        Ha scelto un’altra quando poteva avere me? Bene…allora stai con l’altra e non mi rompere più le p@lle!

        "Mi piace"

      6. Figurati ti sei fatta problemi per la tua età e perché hai una figlia. Il mio ex se l’è scelta 7 anni più grande di lui e con un figlio di 10 anni. E poi come vedi il tuo np si è fidanzato con una che ha una figlia, quindi non era nè la tua età nè il fatto che avessi una figlia a inibirlo.
        Quindi si è fatto sentire anche se è fidanzato con quest’altra donna? Poveraccia, come vedi, non ama neanche lei altrimenti non ti avrebbe contattata.

        "Mi piace"

      7. E infatti….si si, mi ha ricontattata dopo che ho smesso di cercarlo (tre mesi prima che si fidanzasse)….mi ha chiesto come stavo ma figurati se dopo tutti quei mesi gli importava di quello….si vede che avrà litigato con la tipa e siccome non sanno stare nemmeno mezzora da soli ha cercato me.
        Gli ho risp tranquilla che stavo bene poi lui mi ha scritto un altro messaggio e non gli ho più risposto. Cioè…ma vaffanculo no? 😅

        "Mi piace"

      8. Hai fatto bene a non rispondere al suo secondo messaggio. Io purtroppo quella forza non ce l’ho avuta. Ad Agosto mi ha mandato un SMS per fargli auguri di buon onomastico e io dopo un giorno ho risposto.
        Poi nell’ultima chiamata mi ha fatto la proposta indecente di voler uscire con mia sorella e al mio NO mi ha bloccata.
        Io l’ho bloccato di conseguenza.
        Al momento tutto tace.
        Nonostante mi senta sola posso dire che non vivo più in quell’ansia di ricevere un messaggio per vederlo (perché decideva lui quando vedersi, io non avevo potere decisionale), non vivo più nell’angoscia di essere esclusa dalle uscite con i suoi amici.
        Rispondeva dopo ore (anche giorni) ai miei messaggi, a volte non li leggeva proprio (non c’era la doppia spunta blu su WhatsApp), alle telefonate non rispondeva praticamente mai. Ho vissuto l’inferno.

        "Mi piace"

      9. Ecco..un’altra cosa che fa capire che non si può avere un rapporto normale è che decidono sempre loro quando e come vederti…io ho avuto anche una relazione con un narcisista già impegnato e pure lui rispondeva con giorni di ritardo, spariva per settimane ecc. comunque sapevo che non era libero e quindi ci poteva anche stare. Alla fine mi piaceva e ho accettato le cose così com’erano.
        Comunque con loro é così: sei una delle tante, fidanzati o no ne hanno comunque altre quindi alla fine la scelta é sempre nostra se vogliamo farci umiliare in questo modo oppure toglierci dal loro gioco. Se accettiamo di riprenderli quando tornano allora poi non ci dobbiamo lamentare né sorprendere che ci trattino così.
        Quindi cara Oliver vai avanti con il tuo no contact, con decisione e senza guardarti indietro. Ne guadagnerai in autostima e finalmente potrai prenderti anche tu il lusso di ignorare il tuo ex come ho fatto io. Buona serata 😊👍

        Piace a 1 persona

      10. Nell’ultima telefonata oltre alla proposta indecente di mia sorella mi disse che se fosse capitato sarebbe andato anche con altre.
        Io gli dissi che se avesse fatto una cosa del genere con me avrebbe chiuso.
        Che mi ha bloccata lui o che l’ho bloccato io non è importante.
        L’importante è che non ci ricasco.
        Ti ringrazio per i tuoi preziosi consigli e scusami se ti ho intrattenuta qui sul blog ma c’erano troppe analogie tra le nostre storie.
        Buona serata anche a te.

        "Mi piace"

      11. Grazie Oliver, hai fatto benissimo a chiudere con questa persona perché certe proposte sono inaccettabili. Un abbraccio anche a te

        "Mi piace"

  8. Caro Gianni, mi dispiace per questi tentativi di riaggancio della moglie….se fosse una situazione di crisi normale sarebbe bellissimo che lei avesse davvero elaborato i problemi e fosse pronta a ricominciare su basi nuove…purtroppo quando i narcisisti/e hanno la forte sensazione di aver perso o di stare per perdere la loro risorsa primaria sfoderano il loro miglior volto…ma appunto si tratta solo di un momento passeggero e foriero di nuovi danni. Sicuramente le hai dato molte possibilità di redimersi, come d’altra parte noi tutti qui dentro abbiamo fatto…erano tentativi che andavano fatti anche per poter capire meglio chi sonō davvero queste persone e non avere più dubbi sull’impossibilità di avere con loro un rapporto sano.
    Quello che ti posso consigliare è continuare il tuo lavoro contro la dipendenza, perché da lì parte tutto….è questa nostra dipendenza che li tiene agganciati e loro lo sanno benissimo e su questo giocano le loro carte.
    Un abbraccio

    "Mi piace"

    1. Cara Spirito libero è proprio come dici tu. Occasioni ne ho date fin troppe e che lei manifesti tutto questo slancio proprio adesso che sa che io voglio andarmene è almeno sospetto. In una situazione normale sarebbero aperture da cogliere come positive. In questo caso sono solo un ulteriore tentativo di manipolazione, mio e della realtà.
      La sua capacità di sembrare non dico innocente (sta genericamente ammettendo di aver sbagliato ma non piu di me) ma almeno contrita è stupefacente. Ma non ci casco.
      Insomma nulla di nuovo.
      Un abbraccio.

      Piace a 1 persona

      1. Gianni, infatti non é un slancio ma la solita carta della vittimizzazione più colpevolizzazione -il prossimo passo magari sarà il sintomo cioé manifestarti un malessere fisico per vittimizzarsi ancora di più ed eventualmente addossartene le responsabilità per via delle preoccupazioni che crei- inoltre si può fare un esperimento molto semplice, lasciare che continui con questo atteggiamento da vittima senza fare niente e vedrai che nel giro di pochi giorni, quando la carta che sta usando non sortisce effetto, tornerà necessariamente alla carta della colpa pesante o degli attacchi o insulti. E poi via un altro giro. Ad ogni giro si raccolgono ulteriori prove di quanto siano menzognere ed impostate le loro parole, nonché finalizzate ad uno scopo opportunistico, riprendere il controllo della fonte di approviggionamento narcisistico, emotivo e materiale. Alla fine dei giochi risultano disgustosi quanto prevedibili, per mia ex cognata in famiglia abbiamo finito per sviluppare un’avversione e un disprezzo dati dal ripetersi di questi atteggiamenti viscidi e palesemente falsi quando mio fratello la stava ormai scaricando definitivamente -i pentimenti e le elaborazioni infatti non arrivano dopo anni-.

        "Mi piace"

      2. Ho dimenticato di specificare anche che si vede chiaramente quanto ti venga addossata la colpa di tutto, é colpa tua se hai sofferto per la sua violenza psicologica fino al suicidio, é colpa tua se lei é arrivata a fare qualche errore inferiore ai tuoi, é colpa tua se non attendi la comodità dell’elaborazione in 4 anni di una terapia.
        Quindi come dicevo prima carta della vittimizzazione e parallelamente della colpa. Mia ex cognata é arrivata ad addossare interamente a mio fratello alcuni problemi comportamentali della bambina, che ha ovviamente sofferto per i continui litigi tra di loro. Mio fratello ha sopportato le sue provocazioni finché ha umanamente reagito. Ogni loro problema, e ogni problema in generale é necessariamente colpa degli altri, loro non hanno responsabilità e se qualcosa hanno fatto in termini di errore é comunque colpa tua, e devi pure chiedere scusa per aver osato affermare altrimenti. Squilibrati.

        Piace a 1 persona

      3. Cara Cling come non darti ragione. Io devo chiedere anche scusa perché ho umanamente reagito. Le ho fatto notare di avere per anni e soprattutto all’inizio della nostra crisi chiesto scusa per qualsiasi cosa, anche per cose non fatte, e che forse la piccola differenza tra i suoi attacchi e le mie reazioni sta nel fatto che i suoi attacchi avvenivano proprio finché le stavo, anche oltre la realtà dei fatti, chiedendo perdono. Poi da quando ho reagito e mi sono difeso ritengo di non dover proprio chiedere scusa a nessuno, anche se spesso ho usato toni e parole forti. Le sue scuse attuali, tardive e generiche, servono solo ad ammorbidire, almeno così crede, la fermezza che le sto manifestando.
        Un abbraccio.

        "Mi piace"

  9. Il tema dell’anima gemella è estremamente interessante. A me diceva spesso che noi due “ci stavamo cercando”, e con questa frase ad effetto mi sono ritrovata prigioniera di qualcuno che, se solo lo avessi incontrato per strada per caso,non l’avrei guardato neanche per un secondo. Iñaki Piñuel lo dice chiaramente nei suoi video e nel suo libro ‘amor zero’, che i np captano le debolezze e i desideri delle vittime e che come dei camaleonti si adattano a loro, facendogli credere di essere quella persona speciale che stavano aspettando da una vita. In realtà, il mio ex np per quanto spavaldo ed affabulatore, era pieno di fobie: paura di volare, di affogare in mare o in piscina, una persona piena di fragilità ed insicurezza, ma tanto spietata con i più deboli , incluso persone di colore e omosessuali. Come poteva mai essere la mia anima gemella uno così? Sinceramente provo vergogna per lui, compassione per sua moglie, per me e per tutte le altre, presenti e future.

    Piace a 1 persona

    1. A me il sesso lo dava e poi lo negava.
      Era capace di passare momenti intensi con me e il giorno dopo dirmi che non ne voleva sapere più niente.
      Era capace di non baciarmi un giorno e poi quando io dicevo che volevo chiudere perché essere baciata per me era fondamentale mi chiedeva scusa e poi la volta successiva mi baciava appassionatamente e mi diceva “vedi come ti bacio?”
      Sapessi quante perle gli ho dato!
      Faceva tesoro di tante mie frasi e citazioni di cultura e poi le usava davanti agli altri come se fossero sue.
      Ma d’altronde io ero quella snob, non accettava l’idea che io fossi una persona di cultura e lui un ignorante.
      Mi disse che a lui piace comandare, decidere lui quando vedersi, io non potevo mai prendere l’iniziativa.
      Gli dava fastidio quando qualcuno in sua presenza mi diceva che dimostravo 10 anni in meno e che sono una persona calma.
      Se osavo abbracciarlo per strada si irrigidiva. Penso che i sentimenti lo spaventassero.

      "Mi piace"

  10. Spirito, Oliver, anche il mio è più giovane di me di 5 anni e anche quella prima di me (7) e quella prima….sarà mica lo stesso?😂
    Ora stavo ascoltando la canzone Vivere di Vasco, a lui piaceva molto e la cantava…secondo me ci si ritrovava.
    Se avete voglia leggetevi il testo.
    Baci

    Piace a 1 persona

    1. Cara Alma anche io a volte vorrei chiedere se è la stessa persona perché sono veramente stereotipati 😁Comunque il mio ex np era dell’86. Domanda cretina a tutte, per sdrammatizzare un po: di che segno erano i vostri? Il tipo era del Toro. Per essere un toro lo era in effetti (solo a letto) per il resto era un coniglio…in tutti i sensi!

      Piace a 1 persona

      1. Alma sembrano tutti la stessa persona infatti.
        Il mio era dell’80, segno Leone.
        Un bel ragazzo, sarà per quello che mi ha fregata.

        "Mi piace"

      2. Ragazze io sono stata sfigata anche con il segno, Bilancia, praticamente il narcisista dello zodiaco😂 se volete farvi due risate andate a leggere le caratteristiche del segno al maschile.

        "Mi piace"

      3. Sicuramente….l’attrazione fisica gioca un forte ruolo in questi rapporti. Forse per me è costata più una dipendenza fisica che altro ma comunque è stato difficile farmela passare anche dopo aver visto la stronzaggine…

        Piace a 1 persona

      4. Assolutamente. Anche per me è stato cosi.
        Ma fa parte del “gioco” direi.
        Il mio ex sapeva bene di essere bello e affascinante e per soggetti come loro, un’arma assassina.

        Piace a 1 persona

  11. Cara Claudileia, ancora grazie per il tempo che ci dedichi. Ma come fai a stare dietro a tutti con quello che hai da fare ?!
    Ho tre domande:
    -cosa differenzia il classico str@nz@ dal PN? E’ l’accumulo di molteplici comportamenti cattivi o irrispettosi?
    – perché alcuni psi dicono che ci si può trovare un modus vivendi e che puo valerne la pena? Non vedono la sofferenza delle vittime? O si dicono che tanto se una è dipendente affettiva ne troverà un altro quindi tanto vale che non sfasci il matrimonio?
    – ci sono uomini, ne ho conosciuti, che al momento della crisi di mezza età si comportano da Pn allorché prima erano persone corrette e affettuose. In questo caso poi passa?
    E un consiglio da chiederti: come capire se la psi a cui ci siamo rivolte è la persona giusta?

    "Mi piace"

    1. Cara Paola, come faccio? Direzionando la mia energia vitale a persone che meritano di riceverla e a tutto ciò che amo fare, dalla letteratura che produco alle faccende domestiche. Ma vengo alle tue domande:
      a) I soggetti narcisisticamente disturbati hanno comportamenti schematici molto ben delineati che adoperano con TUTTE le persone del loro entourage. Si comportano allo stesso modo con tutti. Oramai hai letto abbastanza su quali sono le caratteristiche della psicopatia e del narcisismo perverso, quindi sai che sono caratteristiche talmente accentuate da rendere IDENTICHE tutte le persone affette da questi disturbi. Uno str…, invece, può esserlo con te, ma non con i suoi fratelli, con la sua mamma, con la sua ex, con i suoi colleghi di lavoro. Oppure può essere str… a lavoro ma non con te. Si tratta di una persona che potrebbe essere grezza nei modi, ma che comunque ha una coscienza. Esempio: potrebbe non essere molto romantico, ma è una persona leale e onesta. Se si mette con una partner molto romantica, lui potrebbe essere ritenuto uno str… perché non festeggia San Valentino oppure perché non lascia bigliettini con scritto ‘ti amo’ nella sua borsa. Altro esempio: se non ama gli animali e si mette con una donna animalista potrebbe essere classificato così; se è festaiolo e si mette con una ciabattona, idem. Cosa voglio dire? Che lo str… va valutato spesso sulla base di concetti molto personali, mentre il disturbato viene ritenuto tale perché segue uno schema molto preciso e anomalo se paragonato al sentire comune. Se una persona: sfrutta tutti, è promiscua, parassitaria, bugiarda patologica, cambia personalità a seconda dell’ambiente e della persona che ha di fronte pur di ottenere un vantaggio, ti idealizza e poi ti svaluta in continuazione, dice che ti ama ma poi sparisce, non sai mai dove sta, invidia chi sta meglio e semina zizzania, non mantiene le promesse, ecc. e SE questo comportamento segna la sua intera storia personale, allora vuol dire che non è semplicemente uno str… Considera che si tratta di una mia personale interpretazione sulla base di quanto ho studiato fin qui.
      b) Mi piacerebbe che i professionisti che fanno questo tipo di affermazione portassero ai loro pazienti esempi CONCRETI di persone realizzate e appagate che hanno scelto liberamente di mettere su famiglia con un n.p. Non vedono la sofferenza delle vittime? La vedono ma scelgono la via più facile: dicono alla vittima di arrendersi alla dipendenza, di continuare a prendere la loro droga in piccole porzioni e di anestetizzarsi ai normali sentimenti che ogni persona emotivamente depredata ha tutto il diritto di provare per il suo maltrattante. Considera che si tratta di un approccio che ‘non va più di moda’ in America da DECENNI. Ecco perché la maggior parte delle traduzioni che leggete qui sono di professionisti americani. Anche in Sudamerica, a causa delle enormi cifre di violenza psicologica e fisica contro le donne, l’approccio terapeutico soft è stato ampiamente sostituito dal contatto zero. Anche grazie al lavoro di H. Marietan e colleghi. Il concetto di ‘sfasciare un matrimonio’ è relativo. Un matrimonio solo sulla carta è un contratto, non un matrimonio nel vero senso della parola, quindi, cosa sfasci? Semmai rompi un contratto!
      c) La crisi di mezza età esiste solo per noi occidentali. Personalmente non credo a uomini e donne che impazziscono quando raggiungono i 50 anni. Semmai ci sono sentimenti negativi, paure e frustrazioni che coviamo dentro e che facciamo emergere proprio a 50 anni, un po’ perché ci facciamo influenzare da alcuni miti popolari. Esempi: ‘La vita inizia a 40 anni’, ‘La crisi matrimoniale dei 10 anni’, ‘L’arrivo alla ‘terza età’… Cosa voglio dire con questo? Che se uno aspetta per entrare in crisi a 50 anni vuol dire che è condizionato da un mito. Se questa ‘crisi’, poi, serve a sabotare un matrimonio che va a gonfie vele con una coetanea per mettersi con una ragazza di 20 anni e andare in discoteca con dei pantaloni strappati e maglietta attillata con la stampa di Topolino, allora vuol dire che la tua crisi non è di ‘mezz’età’, ma di ‘intelligenza’. Poi passa? Dipende. Se è di ‘mezz’età’ potrebbe passare; se è di intelligenza temo di no.
      d) Come capire se la psi è giusta? Vado sul sodo: ti indica il contatto zero con il soggetto tossico come unica via di uscita e ti aiuta a sopportare l’angoscia e il dolore di una simile decisione.

      Piace a 1 persona

      1. Sono pienamente d’accordo con questa analisi. Si tratta di chiamare le cose nel modo giusto: loro sono disturbati e noi che li subiamo siamo vittime e non “complementarie”come erroneamente afferma Marietan. In quanto al contatto zero, concordo che si tratta dell’unica arma che possediamo per liberarci definitivamente di queste relazioni tossiche.

        "Mi piace"

  12. Sono pienamente d’accordo con questa analisi. Si tratta di chiamare le cose nel modo giusto: loro sono disturbati e noi che li subiamo siamo vittime e non “complementarie”come erroneamente afferma Marietan. In quanto al contatto zero, concordo che si tratta dell’unica arma che possediamo per liberarci definitivamente di queste relazioni tossiche.

    "Mi piace"

  13. sì, Spirito libero è peggio essere quella ufficiale. Quella ufficiale in genere non sa dov’è e con chi è quando è fuori casa, pensa che sia occupato in legittime attività. Lava e stira, ve lo manda pulito ed elegante e aspetta. Comprende la stanchezza serale , il dormire sul divano. Non vedrà mai la vostra faccia, non saprà il vostro nome nè sentirà parlare male di voi. Lo dico senza acrimonia perchè tanto, alla fine, si nuota tutte in quello stagno melmoso e resta – ad accomunarci – quella fatica di doverci ripulire. Noi siamo anime gemelle. Gianni, non conosco la tua storia, probabilmente non ho letto tutti i tuoi interventi. Scusa se ti ho invitato a prendere quel treno. Abbiamo tutti bisogno di tempo, il nostro, quelle delle nostre personali storie.Parlo per amarezza, a volte. Buonanotte

    "Mi piace"

    1. Non preoccuparti cara Ungre non devi scusarti. Ognuno ha la sua storia e i suoi tempi. Avevo colto nel tuo intervento tutta la comprensione possibile.
      Allo stesso modo, anche se io non conosco la tua di storia, ti sono vicino.
      Un abbraccio e buona domenica.

      "Mi piace"

      1. Grazie, Gianni. Sì, c’era comprensione. Comprensione per quello di “normale” e quindi bello che potresti donare a un’altra persona e ricevere , armoniosamente. Arriverà, perchè la vita si muove iinsieme a noi, non ci è nemica. Noi siamo vivi. Non soffriremmo se non lo fossimo, riusciremo a gioire, riusciamo nonostante. Loro no. Hanno messo in scena una rappresentazone teatrale, convinti di esserne i registi, gli sceneggiatori, gli interpreti principali. Era recita, hanno ricevuto le battute rivolte al loro personaggio. Non c’è un sorriso vero, un abbraccio, un bene vero destinati alla loro persona, quella autentica. Erano comparse, alla fine. Che solitudne! Ce la faremo. Un abbraccio anche a te.

        Piace a 1 persona

    2. Cara Ungre, sono sempre stata convinta che in qualunque “ruolo” ci si trovi nella vita del narcisista sia sempre una cosa deleteria….
      Premetto che per carattere non cerco gente impegnata perché io voglio uno che abbia tempo per vedersi e fare cose insieme, il narcisista impegnato non l’ho cercato io ma è stato lui a corteggiarmi perun bel pò prima che ci uscissi insieme la prima volta…e senza chiarire bene la sua posizione personale …altrimenti non avrei accettato di vederlo.
      Quando poi è emersa la verità, ovvero che aveva già una persona, io ho smesso di scrivergli e poi mi ha sempre cercata lui. Per questo dico che le donne ufficiali putroppo stanno con persone infedeli, ma stai serena che a “noi” secondarie ci trattano come oggetti….almeno a voi regalano la facciata di “bravi” compagni.
      Il primo narcisista invece si è fidanzato ufficialmente dopo che l’ho lasciato e quando mi ha cercata non ho voluto farmi riagganciare. Suppongo che la sua nuova donna abbia comunque un discreto numero di corna perché il lupo perde il pelo ma non il vizio 😊 Ciao

      Piace a 1 persona

      1. (almeno a voi regalano la facciata di “bravi” compagni.)
        Cara Spirito Libero, questa non è una fortuna, ahimè, è una ulteriore difficoltà a per dissolvere la nebbia, va ad intensificare il dolore dell’inganno.
        Io ne avrei fatto decisamente a meno.
        Pensa che io ho iniziato la storia non come fidanzata ufficiale, quando l ho conosciuto ero ancora con mio marito, alla fine ormai del matrimonio, lui diciamo era un amante ed io pure( poi scoprii una delle tante), dopo la separazione, indovina un po’ chi ha voluto “ufficializzare” la cosa?
        Quindi concordo e confermo che, in qualsiasi ruolo, la melma è la stessa, si viene trattate ugualmente come oggetti, loro cosificano sempre tutti.

        Piace a 1 persona

      2. Alma hai ragione…in qualunque modo ci collocano nella loro vita siamo solo cose. Diciamo che per la mia esperienza io ho vissuto solo le “briciole” di tempo concesse dai narcisisti, ma dall`esterno hi visto che le donne ufficiali avevano molto di più…vacanze, socialità, cene fuori ecc…ma chiaramente a fronte di questi “benefit” ti ritrovi comunque un tizio fedifrago nel DNA…quindi non c’è da stare contente in ogni caso…
        Un abbraccio

        "Mi piace"

      3. Sapessi quante volte gli ho detto che non voglio le sue briciole, che non sono la sua tappabuchi.
        A luglio ci siamo visti solo 2 volte, ad agosto solo 1 volta.
        Quando poi litigavamo al telefono gli chiedevo di venire da me e di affrontarci, ma niente, preferiva stare al telefono piuttosto che guardarmi negli occhi.
        Sono andata io tante volte a cercare di prendermi un dialogo decente.
        Ah, ovviamente non siano mai andati assieme al mare! Ci andava con le sue “amiche”. Quando gliel’ho fatto notare mi ha risposto che ho la macchina e posso andarci tranquillamente senza di lui, come se il problema fosse raggiungere il luogo, non avere la sua compagnia.

        "Mi piace"

      4. Cara Oliver…purtroppo una volta che ti “collocano” in una certa maniera non se ne esce. Se decidono che sei quella della volta ogni tanto nel parcheggio al buio, sarai sempre quella lì vita natural durante, e si sbaglia quando si pensa di poter “scalare” la classifica, che tenendo duro prima o poi le cose cambieranno in nostro favore. Il punto è che non si dovrebbero mai accettare le briciole da nessuno, narcisista o meno, bisogna che lavoriamo sulla nostra autostima e convincerci di meritare di più.
        Io ho chiuso con il primo np proprio per gli stessi motivi tuoi…ci vedevamo pochissimo mentre con altre faceva un sacco di cose…io ero la “cara amica di letto”, punto, non poteva fregargliene di meno di come potessi sentirmi. Loro non hanno sentimenti e pensano che se accettiamo di vederli alle loro condizioni vuol dire che a noi sta bene. Se però protestiamo, se iniziamo a chiedere più tempo, presenza ecc….spariscono nel nulla o ti dicono “ma cosa vuoi da me, lo sapevi già che sono così”.
        Insomma, bisogna entrare nell’ottica di non volerli proprio a nessuna condizione.

        "Mi piace"

      5. Hanno paura del confronto, qualsiasi sia il tuo ruolo, quando è capitato riusciva a sciare l’argomento, cioè accettava di vedersi per “chuarure” ma poi in realtà riusciva a spostare l’incontro su altro, minimizzando. Le ultime litigate e successive interruzioni del rapporto sino sempre state telefoniche, perché io ero più asettica e agguerrita e non avrebbe retto un confronto diretto, l’ultima volta, dopo ben 6 anni di “relazione” è finita per telefono. Sono dei vigliacchi mia cara, dei cagasotto, concedetemi il termine.

        Piace a 2 people

      6. Confermo tutto.
        Una volta che sono andata da lui per prendermi un dialogo decente ero in macchina col cane e io cercavo di concentrare il discorso sulla sua ennesima mancanza di rispetto e lui giocava col cane e mi faceva domande idiote del tipo “ma se lo lasci scappa?”, si rivolgeva divertito al cane e diceva “ma lo sai che sono io quello che fa arrabbiare tanto la tua padrona?”
        Non ci ho cavato un ragno dal buco, non ho avuto le risposte che volevo sulle bugie che mi aveva raccontato (la sera precedente mi aveva detto che non usciva invece è uscito con i suoi amici ed amiche).
        Mi sono rimessa alla guida che mi girava la testa, vedevo annebbiato e ho rischiato un tamponamento. Ovviamente a lui non ho detto nulla, si sarebbe sentito importante.
        Anche a me la “storia” si è conclusa per telefono. Non ti danno neanche una chiusura decente.

        Piace a 1 persona

      7. Sai cosa penso, che tutte/i riceviamo solo briciole, forse la differenza c è solo all’inizio, perché ti bombardano a raffica, con cene ecc. come dici tu, ma poi ciò che ti danno sono sempre solo briciole, poi lentamente ti tolgono tutto, tu stai lì con il tuo bel vestitino di compagna che, quando gli viene comodo, pretendono che te ne assumi totalmente il ruolo, poi una volta soddisfatta la richiesta ti risbattono ad elemosinare le briciole come una qualsiasi.
        Spirito Libero, questa analisi è stata molto dolorosa per me, questa è la mia storia, ma temo quella di tutte/i, è da qui che nasce la rabbia per me stessa di cui ho parlato in post precedenti. Non si può farsi trattare così per lungo tempo, ma io l’ho fatto.

        "Mi piace"

      8. Mi dispiace Alma…deve essere doloroso vedere una persona che prima ti dà molto e poi toglie tutto con scientifica cattiveria. Credo siano anche misogini, che abbiano proprio il gusto di vedere una donna umiliata ai loro piedi…sia essa una fidanzata, moglie o amante. Più leggo le vostre esperienza più mi convinco dello schifo che fanno. Un abbraccio

        "Mi piace"

      9. Che siano misogini lo penso anch’io.
        Lui parlava della sua ex usando termini offensivi e con una crudeltà nello sguardo.
        Anche di sua madre che lo chiamava di continuo, però stranamente se io gli facevo notare che lei aveva qualche rotella fuori posto la difendeva a spada tratta.
        Diceva che noi donne siamo tutte delle gran rompi*****

        Piace a 1 persona

      10. Sì, assolutamente misogino. Il mio aveva un rapporto amore/odio con sua madre, diceva sempre che non lo considerava mai, che era sempre lui a chiamarla.
        Il suo commento più esemplare che mi lasciò basita durante una discussione fu: “Sei una minaccia come tutte le donne…”
        Che altro si può dire….

        "Mi piace"

      11. certo, Spirito Libero. Era solo per dire che ,se non si è consapevoli e la moglio spesso lo è – e l’altra pure – si è vittime. Non rivolgiamo sguardi critici all’altra sennò facciamo il loro gioco. Non siamo rivali

        "Mi piace"

  14. Io non ho avuto manco le briciole. Lo cercavo sempre io a distanza di un mese -lui stava lì in attesa lo capivo perché con immagini di whatsapp che pubblicava capivo che voleva avere le attenzioni (era l’unico modo in cui comunicava). Quando lo cercavo quindi era contento (ma i discorsi erano tutto centrati su di lui – autoreferenzialita ed egocentrismo esasperati) e poi sempre la sua paura (non lo abbandonava mai) la vecchiaia che si rifletteva nello specchio quando si guardava! Poi se ci aggiungete per chi ci crede il segno zodiacale…un mix esplosivo!

    Piace a 1 persona

  15. La consolazione che ho è che non sono entrata mai nel suo letto. Ma penso che a lui non fosse mai veramente interessato (penso che ne avesse di donne con cui si sollazzava), l’unica cosa che voleva era dominarmi psicologicamente perché di me diceva sempre tu sei intelligente, sei molto arguta.

    Piace a 1 persona

    1. Si Aria, a volte il sesso non è nemmeno così importante per loro quanto avere la sensazione che ti dominano comunque in qualche modo. Farsi cercare è la loro soddisfazione più gřande, nel mio caso non rispondere ai messaggi o magari farlo dopo giorni per farti capire che hanno comunque “di meglio” con cui conversare (triangolazione occulta)….tutte manipolazioni per gonfiarsi l’ego…..

      "Mi piace"

  16. Pensa te di cosa vivono questi. Gli dicevo sempre guarda che non importa chi cerca per primo se uno ha voglia sente una persona e non è una guerra in cui c’è un vincitore o un perdente! Perle ai porci…

    Piace a 1 persona

    1. È vero Aria…dovrebbe essere così nei rapporti normali..ma con loro quasi ragionamenti non funzionano…per loro relazionarsi è sempre una manipolazione. Purtroppo a volte si comportano in modo “normale” per cui credi che magari siano in grado di farlo, ma lo fanno solo quando hanno interesse a recuperare un rapporto o nelle fasi iniziali per catturare la tua fiducia. Quando hanno la certezza dell’aggancio iniziano il loro gioco perverso…da un giorno all’altro cambiano lo schema di modo che tu non capisci più niente…lo fanno per provocare una reazione emotiva e godersi lo spettacolo….
      Io questa soddisfazione non gliel’ho data….avevo voglia di sentirlo e vederlo ma quando spariva sparivo pure io. Poi alla fine tornava a cercarmi come se niente fosse ma era una cosa veramente sfiancante…tipo braccio di ferro…
      non ha senso e non ne vale la pena.

      Piace a 1 persona

      1. Concordo anche su questo.
        Quando mi diceva che ero soffocante gli dicevo che se una persona tiene a te e ti vuole vedere tu dovresti essere contento altro che. Non lo chiamavo ogni giorno, non sapevo niente di come trascorreva le sue giornate, non ci sentivamo ogni giorno via messaggi. Ero in eterna attesa, appesa ad aspettare che si facesse sentire lui.
        Semplicemente quando ci vedevamo proponevo di rivederci nei giorni successivi, mi ha perfino bloccata su WhatsApp per questo motivo.
        Poi mi ha detto tante volte addio e magicamente dopo due/ tre giorni mi scriveva come nulla fosse proponendomi di vederci. Se mi telefonava aveva anche un tono di voce dolce, finalizzato alla mia ricattura non di certo perché provava sentimenti per me.

        Piace a 1 persona

  17. Ragazze come siete dolci quando parlate di questi soggetti, dei veri rubacuori : ma io pensavo, se a un tipo del genere, principalmente a quella larva che ho in casa, gli tiro due cazzottoni in faccia, due calci nello stomaco e via, è una brutta idea ? 😀
    sicuramente mi direte di stare attento, di valutare bene , etc. , lo so lo so –
    inoltre sto gabinetto qui in casa, sto tossico è brutto come il colera, dovrebbe festeggiare quando trova qualcuna che lo tollera per più di un mese, dovrebbe accendere i ceri in chiesa, e invece niente, maltratta e offende. Ma intanto la tipa è sparita da quella sera in estate quando l’aggredì in casa. Bravissima ragazza e anche furba, sono contento per lei.

    "Mi piace"

    1. Io gli spezzare le gambe a Bastonate! ….a quello che ho conosciuto io, e, a parte la galera, ciò che mi fa abbandonare l’idea, è essere certa della sua contentezza: alla fine ti ho fatto diventare come Me! No, io non sarò mai come te, io so Scegliere! Io sono arrivata alla conclusione che ciò che ci lega in maniera prolungata a quest’infami, almeno per me, è la difficoltà ad aprire gli occhi ed essere obbiettivi. Si ho scelto un individuo miserabile. Io sono responsabile del mio disastro. Io posso cambiare le mie scelte. Con un parente ( fratello, padre, madre, sorella ) secondo me è ancora più difficile. Quel tipo di affetto è molto più difficile da sradicare perché a me è proprio toccata una sfiga, e l’unica soluzione è l’abbandono del soggetto per cui io provo un affetto profondo perché io sono un essere umano normale e non……….sappiamo cosa, è inutile continuare ad insultarli. Massimo ti capisco, e comprendo che il tuo atto di coraggio è più grosso del mio…..tu devi staccarti a morsi un braccio…..io ho solo dovuto recidere un legame mefitico. ..non dire più io non posso perché non ho un’indipendenza….ora sai qual’è il tuo prossimo progetto…..l’indipendenza economica….e poi ce ne sarà un altro…..una casa…..e poi un altro…..ecc ecc……finché sarai fuori da questo casino e avrai solo più i dolori fantasma del braccio che avrai tagliato. Buona fortuna

      Piace a 1 persona

  18. Mah…rimango sconcertata! Non potevo immaginare che esistessero persone così che non vivono una loro vita, che ti fanno a pezzi, che si divertono così! Poi ecco perché era sempre triste incazz…chiunque lo sarebbe stato al posto loro. Se si vive così come si fa a non esserlo! Gli ho regalato un affetto sincero ma lo ha fatto a brandelli…ed anche se provi a diglielo non ci crede! Come si fa a credere del resto a qualcosa che non provi…

    Piace a 1 persona

    1. Beh…neanche immaginavo potessero esistere persone così…..chiamatemi pure ingenua…
      Esattamente Aria, questi racattano tutto quel che passa, ed è vero che sono sempre incazzati, perché non gli soddisfa mai nulla, tutto li esalta e poi li annoia in un nanosecondo.
      Prendono tutto quel che gli dai e lo buttano via come spazzatura.

      Piace a 1 persona

      1. Ragazze se vi va di spiegarlo : in base a che cosa restate legate a questi individui ? La mia domanda può sembrare banale, oppure non è facile da spiegare ma mi piacerebbe capire.
        E’ il matrimonio ? Ci sono motivi economici ? E’ solo la dipendenza ?
        E’ un mix di varie ragioni ?

        Io vivo ancora con questo gabinetto principalmente perché non so dove andare e non ho un centesimo al momento. Se avessi un bel gruzzolo mi sposterei immediatamente e farei partire una serie di denunce a raffica : ma chiaramente la mia situazione è totalmente diversa dalla vostra.

        "Mi piace"

      2. Massimo avere a che fare con un narcisista fratello è sicuramente diverso da avercelo come partner. Cambiano i sentimenti, il modo di approccio.
        Non sto sminuendo la tua situazione, ma il rapporto di coppia è strutturato in altro modo e anche emotivamente è diverso.
        Il perché lo capisci quando è troppo tardi e di solito è sempre lo stesso, le nostre antiche ferite irrisolte vengono percepite ed attaccate da questi individui, che difatti chiamiamo vampiri, perché a loro volta hanno ferite irrisolte e che l’unico modo per non sentire il loro vuoto è vampirizzare il prossimo.
        È un meccanismo molto sottile, che subito non percepisci. Hanno una capacità di coinvolgerti, con il sistema del bastone e la carota, che quando ti rendi conto è troppo tardi. A quel punto , quando si è emotivamente così coinvolte, non si riesce a spegnere l’interruttore, sono abili manipolatori, loro sono i primi che non te lo permettono, finché possono ti inseguono, sono i primi che hanno il terrore di perderti.
        Poi ci sono le varianti di ognuno di noi, c è chi se li sposa e hanno figli, come Gianni ed è un bel casino, non è il mio caso eppure, se hai letto i miei post, è stato molto doloroso e faticoso chiudere.

        Piace a 1 persona

      3. Alma cara, infatti come dicevo sono situazioni diverse, non si possono paragonare, è proprio per capire meglio.
        Leggo quel commento precedente ” noi ve lo mandiamo pulito e stirato ” – in base a cosa una persona arriva a sottoporsi ad un simile supplizio ? Non finirò mai di stupirmi – inoltre dalle vostre storie posso inquadrare meglio anche la mia situazione

        "Mi piace"

      4. Caro Massimo
        per quanto mi riguarda, e un po’ sulla scorta di ciò che ho imparato e sto imparando di me, posso dirti che quello che mi ha tenuto legata è stato il desiderio profondo di essere vista, di essere riconosciuta e valorizzata. La persona con cui sono stata io mi ha fatto sentire molto bene (inizialmente e falsamente), mi ha trasferito un’immagine di me finalmente bella, di una donna che vale, che merita, desiderata e rispettata, che riceveva senza nemmeno chiedere, che veniva gratificata. Sono stata una bambina adulta fin dall’infanzia, figlia unica MAI viziata e spesso sola, abituata a fare conto solo sulle mie capacità, ho anche raggiunto degli obiettivi personali ma mai ho ricevuto un incoraggiamento, un complimento o una gratificazione, tutto era la normalità. Sono cresciuta pensando che per meritare un po’ di amore te lo devi sudare, ti devi sacrificare e soprattutto non ti puoi permettere mai un errore pena pagarla cara e salata. Non so quali siano i miei bisogni perché nessuno mi ha mai insegnato che ne ho ma se mi chiedi so perfettamente quali sono quelli degli altri ed è per me un dovere morale assecondarli pena l’essere NON PIÙ vista.
        L’incontro con queste persone rappresenta un incastro perfettamente diabolico perché quella bambina sola e ferita che è in me prende, poco alla volta, il posto della donna adulta e pensa che finalmente sia arrivato il riscatto tanto atteso. In verità rimette in atto le antiche dinamiche che la vogliono iper-responsabile per tutto e tutti, devota e ignara dei propri bisogni, pronta al sacrificio per il bene dell’altro e disposta a sopportare le peggio cose per un briciolo d’amore. Ho fatto l’impossibile per riuscire a tornare a quel “falso” benessere iniziale del quale a quel punto non potevo più fare a meno e della cui assenza mi ritenevo colpevole (il senso di colpa è il mio peggior nemico).
        È tutto molto triste…non so se ti ho convinto ma è un po’ ciò che succede e che sicuramente è successo a me.
        Un abbraccio

        Piace a 4 people

      5. Mirò cara, penso di capire più o meno –
        quanto dura questa bella fase iniziale rispetto a quello che poi si rivela come un’incubo ?
        Sono personaggi infernali questi che avete incontrato, in pratica si nutrono di debolezze ma all’inizio si comportano da brave persone, insomma dei veri luridi – più sento i vostri racconti e più penso che non meritano nessuna pietà – uno di questi luridi vigliacchi ce l’ho in casa –

        un abbraccio a te

        "Mi piace"

      6. Massimo indubbiamente il periodo buono dura molto meno di quello cattivo ma il problema è che queste persone agiscono direttamente sulle nostre parti non curate e più fragili. Certamente chi ama non usa le fragilità altrui per ottenere privilegi per sé anzi, semmai ti aiuta a fortificarti e protegge, per istinto, quelle parti. Creano un incastro perfetto per loro perché possono succhiarti energia a non finire perché tanto tu gliela darai perché hai interiorizzato l’idea che è così che si fa visto che lo fai da una vita! Ti danno la falsa illusione di essere lì per te e in qualche modo è vero ma nel senso che sono lì ma per prendere da te!
        Quand’anche ti accorgi che qualcosa non è giusto ormai sei agganciata e attraverso i meccanismi della lusinga e della colpa gestiscono la tua mente così che finisci per convincerti che è colpa tua.
        Abbiamo interiorizzato dei convincimenti che saranno la nostra condanna. Rimasi colpita quando la psicologia mi fece questo esempio che ti riporto. Mi disse:
        “Guarda gli elefanti con che corde piccole vengono tenuti legati. Rispetto alla loro stazza basterebbe un piccolo strattone per liberarsi eppure non lo fanno. Perché? Perché da piccoli, quando stavano apprendendo le regole della vita e formando il loro carattere, sono stati legati con quella stessa corda che però era più forte della loro stazza. Loro hanno provato a rompere la corda tirando ma senza riuscirci. Ci hanno riprovato ma niente. Sono cresciuti e sono diventati dei bestioni ma ormai avevano interiorizzato l’idea che la loro condizione era quella, ossia rimanere legati era la normalità al punto che da adulti nemmeno ci riprovano a liberarsi. E infatti non lo fanno”
        Ecco perché liberarsi di certi individui tossici è assai complicato perché significa liberarsi principalmente di profondi condizionamenti che abbiamo dentro di noi e che ci condizionano da adulti razionali e riportano a galla i nostri bambini interiori feriti e bisognosi. È difficile perché dobbiamo attraversare il dolore che è tutto nostro e che ha a che fare con le nostre parti più inconsce che ci illudiamo di guarire attraverso l’avvento di soggetti che invece le riaprono e lacerano pesantemente. Guarire quelle antiche ferite ci permetterà di amarci veramente, di rispettarci veramente, di essere in grado di difendere veramente la nostra individualità in modo da non permettere più a nessuno, nemmeno a chi amiamo, di farci deliberatamente del male.

        Piace a 1 persona

      7. Che belle parole hai scritto Mirò. La metafora fell’elefante è bellissima e calza alla perfezione….
        Spesso ho avuto la sensazione di essere tentuta alla corda….che non potevo farcela a liberarmi. Invece avevo bisogno di credere di più nella mia forza. Perché noi a differenza di questi parassiti umani ne abbiamo tanta, ed è quella che ci strappano via attaccandosi a noi e succhiandoci via le migliori energie. Spesso si crede che i più forti siano loro, ma non è così. Senza il nostro nutrimento non potrebbero esistere. Ecco perché è importante staccarsi…ne va proprio della nostra vita perché dentro relazioni del genere ci si può anche ammalare, sia psichicamente e fisicamente. Questo non si può e non si deve permettere a nessuno. Un abbraccio

        "Mi piace"

      8. Spirito Libero la risalita è dura ma con l’impegno costante e se ci diamo forza a vicenda possiamo farcela, questa è la mai grande speranza: ritrovare la mia serenità e tranquillità.
        Buona giornata a tutti

        "Mi piace"

      9. Mirò quest’ultimo post mi ha fatto capire davvero bene – bellissimo l’esempio degli Elefanti, veramente qualcosa a cui non avevo mai pensato – grazie per la spiegazione

        "Mi piace"

  19. Per i motivi che ho appena scritto.
    Riescono a vendersi molto bene e ti riducono alla pari di uno zerbino, quando lo capisci, perché poi lo capisci, divincolarsi è difficile. Forse è questo che non riesci a capire. Perché non ce ne andiamo quando realizziamo? Ma se leggi un po’ di articoli pubblicati qui lo puoi capire.

    Piace a 1 persona

    1. Cara Alma c’è anche una chiara ragione scientifica del perché sia difficile staccarsi. Oggi ho ascoltato un video che parla della dipendenza e dice che nella relazione tossica si attivano dei percorsi neuronali per cui quando il narcisista torna è come se nella nostra mente si fossero creati dei veri e propri solchi che ripercorriamo automaticamente. Probabilmente ci vorrebbe un elettekshock per eliminare questi percorsi mentali malati!
      Comunque….io alla fine mi sono proprio stancata, ecco….non so come sia successo ma ad un certo punto mi si è acceso un interruttore e ho detto “basta così”. Da quel momento non ho più sentito il desiderio di avere a che fare con np, ma certo per arrivarci ci sono volute tonnellate di veleno….ma per fortuna penso che ad un certo punto scatti un meccanismo sano di sopravvivenza in ciascuno di noi…chi ci mette più tempo e chi meno ma volendo se ne può uscire. Anche perché come dico sempre nessuno ci obbliga con la forza ad avere a che fare con questi soggetti!

      "Mi piace"

      1. Certo concordo, difatti, come ho scritto, si possono trovare ulteriori spiegazioni anche all’interno di questo blog tramite gli articoli pubblicati.
        È vero, poi sopraggiunge la stanchezza, l’overdose di tutto il veleno che ci propinano, c è chi ci riesce prima chi dopo e questo, a mio avviso, fa la differenza, per la ripresa psicologica delle vittime.

        Piace a 1 persona

      2. Spirito Libero, a me è successo nello stesso modo: tre anni di tira-molla estenuanti poi alla vigilia di Natale mi dice che non potrà vedermi né sentirmi per due settimane, sono distrutta, torno a casa chiedendomi come faro’ a sopravvivere e la mattina dopo…puff, il dolore era scomparso. E’ come se il mio cervello l’avesse rimosso, le sinapsi ove era iscritto cancellate, non ricordavo nulla, la psi mi ha detto che somiglia ad un’amnesia da trauma ma benedetta amnesia! Penso tantissimo a lui ma i miei pensieri non sono accompagnati da sentimenti, il nulla, come se emotività e memoria si fossero scisse.
        Grazie mille Claudileia per la tua risposta, sei stata molto chiara!

        Piace a 1 persona

      3. Ecco Paola hai detto bene…si arriva ad una sorta di anestetizzazione emotiva…e questo è l’equivalente di quando si sviene perché qualcuno ti sta dando un sacco di botte…è una forma gravissima di violenza, anche se non procura ferite visibili…arrivare a quello che dici tu è il chiaro segno che la tua mente è arrivata al grado massimo di sopportazione possibile. La cosa terribile, almeno da quello che ho potuto capire leggendo le storie di tutti qui dentro è che tanti di noi hanno dei livelli di sopportazione altissimi, ovvero si fanno abusare ripetutamente nel tempo e ogni volta il narcisista ci aggiunge qualcosa di più sadico, per vedere fino a che punto può tirare la corda. Spero che con la psicoterapia tu possa superare questo trauma…un abbraccio

        "Mi piace"

  20. La mia più grande difficoltà ora è ricominciare ad avere fiducia nelle mie capacità di capire chi ho di fronte, ho sempre l’impressione che le persone con cui mi confronto non siano quello che mostrano, portino una maschera, non solo ho paura di far nuove conoscenze e sfuggo ogni occasione di incontro ma mi sottraggo alle vecchie amicizie, che finirò’ per perdere se continuo così, quasi il mondo fosse pieno di mostri che non sarei capace di riconoscere. Spero passerà, ero molto socievole e fiduciosa, rimpiango la Paola di prima e allo stesso tempo la disprezzo per la sua ingenuità.

    "Mi piace"

    1. Questo Paola succede esattamente anche a me . Tranquilla sarà il processo obbligato da percorrere. Ma è bruttissimo io lo vivo questo periodo…uguale

      "Mi piace"

  21. Spirito Libero, credo che chi ha livelli di sopportazione normali, cioè è dotato di un salutare istinto di sopravvivenza, scappa forse non alla prima ma senza dubbio alla seconda mancanza di rispetto. Penso che noi prede, è una mia ipotesi, usciamo tutte da un’infanzia in cui abbiamo imparato a subire cose ingiuste o inaccettabili e a sperare che i genitori cambiassero, diventassero buoni, imparassero ad amarci. Un’infanzia spesa a cercare di farci accettare ed apprezzare, in cui ci sentivamo in torto, colpevoli, ininteressanti… non so se riesco a spiegarmi.

    Piace a 3 people

      1. Vero….secondo me sono le due cose insieme che rendono possibili gli abusi continuati nel tempo. Una persona con una buona autostima non permette certe cose, al massimo può dare una seconda chance ma poi basta.

        "Mi piace"

    1. Cara Paola è così…sono queste ferite del passato a rivivere in questi rapporti malsani. Anche io dopo due relazioni con narcisisti (la secondo per fortuna vissuta con più consapevolezza del problema, quindi durata meno) faccio fatica a fidarmi soprattutto di persone che si mostrano gentili all’inizio….una volta ero più fiduciosa nel prossimo. Ora anche io tendo ad evitare il prossimo ma so che bisogna uscire dal guscio e magari fare qualcosa che ti possa piacere per non stare sempre a rimuginare su queste cose. Cioè….è importante parlarne e confrontarsi ma anche prendersi spazi di serenità e rimettersi pian piano in moto…un abbraccio

      "Mi piace"

    2. E proprio così Paola , comunque la prima esperienza con un n.p. E stata più lunga perché capivo meno. Con l ultimo il dolore e stato lancinante ma non gli ho dato la possibilità di un mezzo ritorno appena riconosciuto lo schema. Mi è servito sapere anche se no. Mi è servito a soffrire meno però a farlo durare meno questo si

      "Mi piace"

  22. Insomma capisco che si rimane con queste persone perché mettono in atto una fortissima violenza psicologica e generano terrore :
    vorrei ricordarvi che esiste un numero antiviolenza 1522 dove potete rivolgervi per situazioni come queste. Il numero funziona davvero bene, l’unico problema che non esiste un servizio del genere per la violenza in famiglia ( intendo al di fuori di una coppia ) – in pratica se una famiglia si ritrova un narcisista perverso o psicopatico in casa se la piange da solo oppure si attacca al tram.

    Per quanto mi riguarda : posso cercare di capire, di sopportare etc. fino a 9 – in realtà in questi anni ho già sopportato l’intollerabile.
    Da quando ho letto questi vari articoli ho capito ancora di più che il problema non sono io ma c’è una violenza e un sopruso in corso, ma questo lo sapevo già da tempo.
    Io non sopporterò più, risponderò alle provocazioni, questa faccenda finirà in un modo o nell’altro, sono pronto a scontrarmi anche duramente ; per quanto ancora dovrei subire ?
    Arriva un momento in cui bisogna farsi valere.

    Piace a 1 persona

    1. Massimo credo che il 1523 sia per violenze domesticr gravi di tipo fisico….se io chiamassi questo numero e gli raccontassi quelli che ho vissuto mi darebbero della pirla e avrebbero ragione. Cioè noi sappiamo bene che non sono cose normali ma ad occhi esterni queste situazioni sono senza senso.

      Piace a 1 persona

      1. Spirito Libero mi spiace ma ti sbagli – si occupano di stalking e di tutti i tipi di violenza , anche quella psicologica

        "Mi piace"

      2. Si ma credo questo valga nel caso di narcisisti psicopatici…ma per gli abusi di quelli “normali” (che poi normali non sono) che non stalkizzano e non menano non credo possano fare molto….secondo me dovrebbero aprire dei centri specifici anti Narcisismo, fidati che sono poche le persone che conoscono il problema e sono in grado di dare consigli, anche molti esperti infatti si fanno ingannare da queste persone.

        "Mi piace"

      3. penso che molte delle storie che ho sentito qui sono abusi gravi, e le centraliniste di quel numero sono specializzate in questi casi, dall’abuso verbale allo stalking a quello fisico

        "Mi piace"

      4. Ecco…si per queste situazioni sicuramente sono preparate a rispondere. Io intendevo il Narcisismo non violento che comunque fa molti danni lo stesso e non è semplice da dimostrare con uno stalking o abuso fisico…

        Piace a 1 persona

  23. Grande Zari Ballard con questo suo articolo e bravissima Claudileia con la sua metafora sulla felicità , paragonata ad una strada oscura dove soltanto noi possiamo accendere le torce della nostra consapevolezza e della nostra accettazione. Me ne approprio subito cara Claudileia , quello che hai scritto diventerà il mio mantra. Riflettendo sull’articolo interessantissimo anch”io , nei primi mesi della relazione col narcisista maligno, ho pensato di avere trovato finalmente la mia anima gemella. Tanto mi sembrava tutto perfetto quello che stavo vivendo. Lui non usava le parole ma solo gesti gentili ,preveniva i miei desideri, mi faceva sentire la donna piu desiderabile e attraente del pianeta. Con lui il sesso era da sballo , abbondante e perfetto . Cosa potevo desiderare di piu???. Peccato che non avessi letto il cartellino metaforico che aveva cucito in un lembo nascosto della sua pelle : Precauzioni per l’uso ” Danneggia gravemente chi gli sta vicino. Allontanarsi prima che sia troppo tardi”. Sono arrivata ad un passo dal baratro ed ora dopo 3 anni di no contact posso definirmi orgogliosa di avere fatto quella scelta e di mantenerla ogni gioorno che passa . Lo ripeterò fino allo sfinimento grazie a Claudileia , alle sue illuminanti traduzioni ( le torce) alla scelta mirata dei prestigiosi autori , e a tutte le vostre preziose testimonianze. Ad Alma , a Spirito Libero a Mirna vorrei dire che se ne esce un po’ alla volta , attraversando tanto dolore certamente . Ma assistendo anche ,ed è questo il bellissimo regalo che il N.p ci lascia, alla nascita di una forza interiore che mai avrei pensato di possedere prima. Vi stringo tutti in un grandissimo abbraccio e non mollate!!!!!!

    Piace a 2 people

      1. Cara Alma la mia lotta non è assolutamente finita. Ho anch’io i miei demoni con cui fare i conti quotidianamente. Il no contact va gestito , va riempito, va coccolato . È molto impegnativo ti prende tante energie , sopratutto se a farlo sei da sola senza alcun aiuto terapeutico. Ma sta diventando anche la mia forza ed il motivo del mio orgoglio perché da SOLA sto riuscendo a risalire dalle tenebre dell’abuso manipolatorio. Anch’io come Paola mi sono disprezzata per la mia ingenuità ed ho tuttora una fottuta paura dell’altro. Ma ho capito una cosa fondamentale che indietro non ci torno e che bisogna spostare l’obiettivo da loro aguzzini senza scrupoli , a noi esseri umani degni soprattutto del nostro amore e della nostra compassione . Le nostre ferite originarie ci hanno spinto ad essere il bocconcino prescelto per le insaziabili fauci dei voraci narcisisti . Ecco adesso non dobbiamo piu esserlo, per questo investire tanto tanto su di noi . Buona vita a tutti.

        Piace a 2 people

    1. Grazie ,grazie Tiziana che belle cose hai scritto. Speriamo si noi tutte. Che è dura non c è dubbio perché io ho vissuto proprio come in un film d amore ( finto ovviamente) e quindi è stato scioccante ma determinante per me attuare da subito il no contact . Grazie Tiziana

      Piace a 2 people

    2. Gřzie di cuore Tiziana…sono queste testimonianze come la tua così come con gli articoli illuminanti di Claudileia a dare forza e coraggio a chi ha da poco intrapreso la strada del no contact o chi ancora soffre dentro una relazione narcisistica….si hanno spesso dubbi, paura di aver sbagliato ad interpretare, di essere veramente quellr sbagliate da scartare mentre altre sono quelle “giuste”, la paura di non poter più amare né essere amate….ma poi ogni giorno che passa si sta un pochino meglio di quello prima, magari in modo impercettibile ma sempre un pò di più. Sono felice di aver trovato questo posto dove tutti vengono accolti con grande comprensione e senza mai essere giudicati…dove il dolore può essere condiviso così come i progressi di ciascuno, aiutandosi a vicenda.
      Un caro abbraccio

      Piace a 2 people

      1. Questo spazio è meglio di una terapia di gruppo. Il contatto zero è una prova di coraggio,ma anche una modalità per riappropriarsi della propria anima, calpestata dal viscido manipolatore.

        Piace a 3 people

      2. Caro Spirito libero non hai sbagliato ad interpretare con chi avevi a che fare . Non siamo certamente noi le persone sbagliate , questo è l’inganno demoniaco dei narcisisti perversi che ti uccidono con le loro critiche , dopo il lowe bombing ,per sentirsi vivi e per nutrirsi del sangue del nostro dolore. Tutto ciò per poter meglio triangolare e sentirsi contesi da tante donne . Questa per loro è adrenalina pura
        perché cercano la vita in questa modalita perche dentro puzzano di morte e non riescono a sopportarlo.

        Piace a 2 people

      3. Hai ragione Tiziana. Io ho avuto proprio questa sensazione di essere “mortifero” con il secondo narcisista da me frequentato…una persona solo all’apparenza gentile e sensibile ma dietro la maschera era veramente perverso e se ne rendeva pure conto. Io ammetto di essere stata debole, non posso dire che ci sia stato il love bombing in cui mi ha illusa, anzi, mi ha fatto capire subito cosa voleva e io credevo di avere già esperienza acquisita e di poter gestire la cosa senza troppi danni….l’ho anche assecondato nelle sue fantasie, ma ho capito che mi stavo andando a suicidare perché per avere a che fare con lui dovevo essere completamente diversa da quella che sono (io sono una donna romantica ma mi fingevo trasgressiva perché era quello che lui voleva), ma credo che la vera me uscisse in certi momenti e lui se n’è accorto molto bene, loro capiscono quando fingi ed era fin troppo furbo per non capire che stavo mentendo pur di avere a che fare con lui. Devo essergli sembrata una povera disperata capace di tutto pur di avere qualche momento di intimità. Mi vergogno di me stessa e di questa mia debolezza, per fortuna questa cosa è durata per breve tempo perché era impossibile da portare avanti, non c’è stato un vero e proprio scarto, io ho smesso ad un certo punto di scrivergli e lui no ha più dato seguito, anche se credo che prima o poi tornerà a cercarmi solo per vedere se sono ancora disposta ad umiliarmi pur di vederlo.
        Non lo voglio più fare e voglio guardare oltre. Sapere che ci sono persone che come te hanno saputo superare il dolore con tanta forza mi è di grande aiuto. Grazie.

        Piace a 2 people

      4. Cara Spirito Libero, l’unica vergogna che ci è concessa di avere in questi ‘pseudo rapporti’ riguarda l’orgoglio che avevamo quando andavamo “a spasso” con questi soggetti sentendoci le ‘vincenti’. Allora non avevamo la conoscenza, quindi perdoniamoci anche per questa faglia. Del resto, senza una buona dose di condizionamento, una persona sana non si sottopone ai loro capricci. Tu volevi dimostrare di essere la miglior donna che lui avesse mai avuto, la più aperta, la più comprensiva… ma è stato lui ad averti portato a pensarla così, mettendoti in competizione con creature immaginarie, donne del suo passato o tizie incontrate chissà dove.

        Piace a 1 persona

      5. Cara Claudileia, la tua comprensione è eccezionale, perché in realtà sento come se mi fossi letteralmente snaturata per potermi relazionare con quella persona….credini se ti dico che non mi sono mai sentita la “vincente” (questo nemmeno con il primo np)…avevo solo bisogno di contatto umano e ho scelto le persone sbagliate…ho sempre avuto la se;d’azione di essere vari gradini sotto le altre eventuali loro altre “amiche” o risorse principali, non ho vissuto nessun love bombing magico e forse ora ringrazio che non sia successo altrimenti sarebbe stato ancora più terribile confrontarsi con la realtà come purtroppo è accaduto a tante persone qui che sicuramente hanno sofferto molto più di me per un sogno svanito. Grazie di cuore Claudileia per la tua sensibilità nel comprendere tutte le situazioni, questo è molto importante perché queste relazioni non sono comprese a fondo tranne da chi ci è veramente passato e qui mi sento proprio “a casa”. Un abbraccio

        Piace a 1 persona

      6. Mi accodo ai ringraziamenti.
        Hai proprio ragione Claudileia, è proprio così che mi sentivo, orgogliosa di essere io a stargli accanto, mentre invece c è solo da stendere un velo pietoso.
        Buona giornata a tutti

        Piace a 2 people

      7. Carissima Spirito Libero, il punto è che vediamo in queste persone tutto ciò che crediamo di non essere. Penso che ci mettano in una condizione di inferiorità tale, che persino un topo vale più di noi. Una tecnica che utilizzano molto, triangolazione a parte, è sprecare complimenti persino agli alberi ed essere assolutamente indifferenti nei confronti delle nostre conquiste. La cosa diventa talmente intrigante da farci pensare: perché agli alberi sì, e a me no? Ecco perché molte persone finiscono per pensare di valere meno di una macchina o di un cane. La svalutazione è uguale a prescindere dalla storia. Quando subentra, però, un ipotetico progetto di vita insieme, il lutto è doppio: piangiamo la persona che non è mai esistita e il progetto di vita andato a farsi benedire. Sono due lutti diversi perché il progetto, molto spesso, era nostro da sempre ma alla fine di queste storie usciamo talmente distrutti da non crederci più degni nemmeno di quello. Il ricupero in questi casi è più doloroso e lento, perché passa per la comprensione che il progetto, il sogno, l’antico desiderio è ancora valido… con una nuova persona, evidentemente. Si può anche scegliere di abbandonarlo definitivamente, perché no? A quel punto però si tratta di una scelta nostra, e non più perché qualcuno l’ha mandato in frantumi. Abbracci enorme a te!

        Piace a 2 people

      8. Sicuramente nel caso del sogno infranto il dolore è doppio perché si tratta di progetti che riguardano la vita e il futuro che loro promettono ad alcune….a me non è mai promesso niente…ma lo stesso vorresti che qualcosa nascesse…a me non è mai stato concesso nemmeno di illudermi…cosa che ora ritengo sia stata una fortuna…diciamo che mi sono beccata solo la loro “spazzatura “profumata”. Grazie ancora. Un abbraccio

        Piace a 2 people

      9. Anche io Spirito…sono contenta che ci siete.. sarebbe bello fare una videoconferenza tutte insieme , vederci e ogni tanto parlarci di persona..ma siamo già fortunate così 🤗

        Piace a 1 persona

      10. Cara Mirna sicuramente prima o poi riusciremo ad organizzarci per un incontro…lo spero proprio perché da quando vi conosco mi sento molto meglio e sono molto felice di poter condividere le nostre esperienze e le nostre speranze per il futuro 🌸❤

        Piace a 1 persona

  24. Buongiorno Claudileia, il mio np mi ha contattata in questi giorni dice che vuole parlarmi. Non sò cosa voglia dirmi, ma stranamente stavolta non ho voglia di sentirlo, sento che ritornare con lui significherebbe precludermi ogni possibilità di essere felice. Adesso non dico che sono felice, ma sto bene, sto facendo progetti, tra qualche giorno avrò l’incontro con la psicologa che già nella chiamata conoscitiva iniziale mi ha parlato di un lavoro da fare su me stessa per saper riconoscere l’amore, e questo mi ha riempita di speranza per il futuro. Non voglio ricadere nelle stesse dinamiche, e non capisco come lui possa volere un rapporto da cui voleva una pausa di riflessione perchè gli stava stretto … Come fa a non essere stanco di questo continuo prendersi e lasciarsi? Io ora ho la certezza che tornare insieme significherà tra qualche tempo rilasciarsi alla prossima crisi, rivivere il dolore dell’abbandono … Adesso anche se sono sola, nella mia vita c’è pace, speranza … Stare con lui, riporterebbe sfiducia, dubbi, vuoto … un prezzo troppo alto da pagare per un pò di love bombing da ritorno. Forse mi dirà che è stato male, triste e solo … ma io non voglio più una persona che mi vuole nella sua vita perchè la sua è inspida… voglio una persona che è felice realizzata nella sua vita e mi vuole per condividere la sua gioia di vivere, non per gettarmi tra le braccia le sue frustrazioni…. Non voglio qualcuno che mi faccia sentire l’alternativa al niente …. Voglio essere il valore aggiunto alla sua vita già piena di gioia. Solo così mi sentirei apprezzata e non usata …

    Piace a 1 persona

    1. … penso tutto quello che ho scritto, ma nello stesso tempo mi sento in colpa di pensarlo. Un tempo sarebbe stata la mia gioia più grande il suo ritorno, la sua ammissione che senza di me non sta bene. Adesso no. Capisco che il suo ritorno rappresenterebbe una nuova illusione di amore, altri anni di vita persi … Il disprezzo che mi ha mostrato era troppo forte per essere giustificato, scusato, perdonato e messo da parte. Non voglio un uomo che può mostrarmi quella faccia. Ma perchè i sensi di colpa?

      Piace a 1 persona

      1. Carissima Sara, non dare alcuno spazio ai tuoi sensi di colpa in questo momento. E’ così che ci sentiamo ad ogni riaggancio e per questo non rispondiamo come dobbiamo rispondere: con il silenzio. Provare sensi di colpa non è qualcosa di malvagio, anzi, significa che abbiamo una coscienza. Tuttavia, queste persone ABUSANO della nostra coscienza ed empatia per continuare a fare quel che vogliono, ben consapevoli che tendiamo a perdonare i loro misfatti e maltrattamenti. Tu sai già che dando a lui l’opportunità di ripresentarsi nella tua vita non farai mai il lavoro che devi fare su te stessa e quindi non ti aprirai mai a un amore appagante e gratificante. Il suo ritorno cos’è? E’ un tentativo di non darti il tempo di pensare e di mettere in ordine il caos, affinché tu resti in una condizione di schiavitù psicologica. Non mandare a monte il lavoro che inizierai a fare con la psicologa. Se ha instillato in te una buona impressione e fiducia, impara a dar retta a chi ti trasmette queste sensazioni, anziché ai soggetti bugiardi patologici e inaffidabili. Lascialo perdere. Che vada a cercare tutte le donne che ha usato per umiliarti e triangolare con te. Non hai alcun motivo per provare dei sensi di colpa nei confronti di una persona che ti ha maltrattato e che continuerà a maltrattare chiunque si degni di volerlo bene.

        "Mi piace"

    2. Aggiungo che è stato lui a dirti di ‘andare da uno bravo’. Molto bene. Se prova a dialogare con te dopo aver ampiamente utilizzato le tue ferite originali per colpirti nei momenti in cui aveva bisogno di una “pausa” per andare con altre persone, hai solo una risposta da dare: “Mi hai detto di andare da uno bravo. L’ho fatto. Addio.” Non c’è bisogno che ti dica che l’unica soluzione è tagliare ogni contatto. Senza sciogliere questo cordone ombelicale asfissiante resterai sempre in balia dei suoi umori. Un abbraccio e guardia alzata!!

      Piace a 2 people

  25. Comunque ragazze, spirito era per rispondere a te anche, il love bombing..E la parte più difficile da superare , perché viene creata un illusione molto forte e pensi davvero che tutto sia reale ,poi dopo sai che non lo è ma credimi e scioccante vedere uno piangere in ginocchio e dire ti amo sopra ogni cosa al mondo e due giorni dopo dire , che ho fatto di male ,non ti amo più…E poi dopo 10 giorni aereo per Cuba..con la ex o una nuova questo ancora non si sa e non mi riguarda. Ma uno tsunami.ti devasta meno…

    Piace a 1 persona

    1. Ciao cara…leggo ora il commento. Guarda sono sicura che una cosa come Qurll che hai raccontato devast3rebbe chiunque….io il live bimbina non so nemmeno cosa è…i miei narcisi lo hanno saltato a pié pari…forse perché io non credo più ai corteggiamenti, sono passati direttamente alla fase due…ma sono convinta che sia tremendo. Un abbraccio

      Piace a 1 persona

      1. Sia Spirito Libero vorrei chiarire una cosa circa il love bombing, a mio parere non è solo e sempre la sceneggiatura di un film d’amore, uno che vuole sposarti domani e ti ripete ogni secondo che sei bellissima, una dea in forma terrena e amenità del genere.
        A mio parere è comunque la fase in cui loro si sintonizzano sulla tua lunghezza d’onda e cercano di incarnare quello che desideri in quel momento. Non so se riesco a spiegarmi correttamente.
        Non è necessario che tu risponda ma pensa: come vi siete conosciuti? L’hai cercato tu? L’hai tramortito e hai abusato di lui? Vi siete incontrati in qualche chat osè in cui il finale era già scritto e ti sei fissata su uno da una botta e via? O magari lui ha avuto un approccio seduttivo nella esatta maniera ti rispecchiava (eventualmente un po’ esplicito) e del tutto fuori luogo in relazione al contesto del vostro primissimo incontro?
        Riflettici, il love bombing non è necessariamente fiori, cuori e frasi d’amore eterno da cioccolatini è proprio cercare di essere quello che tu vuoi, capire i tuoi punti deboli e poi farne carne da macello. Sono certa che visto in questi termini il love bombing l’hai avuto pure tu e tailor made per giunta. 🙂
        Un bacio grandissimo.

        Piace a 1 persona

      2. A proposito del love bombing, gli ho fatto notare che all’inizio mi riempiva di complimenti e che voleva trascorrere weekend romantici con me.
        Mi ha risposto che lo ha fatto perché all’inizio c’era l’infatuazione iniziale e che anche i matrimoni e le lunghe storie d’amore possono finire.

        "Mi piace"

      3. Cara Oliver, nulla di ciò che dicono va considerato. Niente, di niente. Ogni interazione umana è funzionale al loro disturbo e ogni cosa che dicono non è spontanea, ma pensata per restare nella testa delle loro prede. Quindi, tu per molto tempo penserai a cosa ti ha detto questa e quella volta, ma niente di tutto ciò sarà reale. E’ tutta sabbia negli occhi, fumo, comunicazione perversa con il chiaro obiettivo di seminare un bordello nella tua mente. La tua mente, però, non deve corrispondere al suo CAOS interno. La follia è sua, non tua. Tu, con la sola ragione non arrivi ai motivi per i quali ti avrà detto questo o quello. Quindi rischi di mettere a repentaglio la tua sanità mentale pensando ai suoi discorsi sconnessi e cercando di dare un senso alle sue folli ‘argomentazioni’.

        Piace a 1 persona

      4. Infatti Claudileila ieri mi girava la testa, mi sentivo così confusa quando parlavo con lui. Non riuscivo ad ottenere una risposta logica e sensata da lui.
        Devo resettare il mio cervello e smettere di pensare a quello che ha detto.

        "Mi piace"

      5. Cara Babi, grazie per la precisazione. Ho ricevuto due approcci diversi dai due narcisi da me conosciuti. Il primo si è effettivamente presentato quale bravo ragazzo in cerca di una conoscenza seria, il secondo invece si è approcciato in modo apertamente seduttivo facendo chiaramente capire che voleva un tipo di rapporto non impegnato.
        Lo scopo di entrambi era avermi come amica di letto, ma mentre il primo mi ha “fregata” con le apparenze il secondo é stato più diretto.
        È difficile comunque resistere alle loro lusinghe perché sia da finti “seri” che da libertini dichiarati hanno modi di fare molto convincenti….io poi di natura sono una persona molto fisica e venivo fuori da una lunga storia poco passionale quindi con me non si sono nemmeno dovuto sforzare più di tanto per avermi….anche se il secondo ci ha messo più tempo a raggiungere il suo obbiettivo proprio perché ero già “vaccinata” e quindi meno propensa a lasciarmi andare.
        Naturalmente sono rimasta più scottata con il primo perché non sapevo cosa fosse un narcisista quindi non capivo i suoi comportamenti (sparizioni improvvise, silenzi ecc) e ci soffrivo, con il secondo avevo capito quasi subito chi fosse e quindi ho evitato di coinvolgermi troppo.
        Credo che ognuna di noi abbia avuto il suo particolare momento “dorato” con il narcisista…..a seconda della situazione in cui si trovava e a seconda degli obbiettivi che il tipo si prefiggeva nel corteggiare…..a me per dire non è mai stato proposto di essere la ragazza ufficiale anche se con il primo un pò ci avevo sperato sinceramente…

        Un abbraccio

        Piace a 1 persona

      6. Oliver, il bello è che è vero che i matrimoni finiscono e finiscono anche le lunghe storie d’amore però poi ognuno per la sua strada, è finita? Bene vada fuori dalle scatole passi lunghi e ben distesi.

        Piace a 1 persona

  26. Ciao a tutti, ieri sera me lo sono ritrovato vicino casa. Mi ha detto che è pentito, che non voleva che andassero così le cose, che non è arrabbiato con me e che dovrei essere io quella ad essere arrabbiata. Mi implorava perdono.
    Secondo lui l’avermi denigrata sull’aspetto fisico era solo un meccanismo di difesa nei miei confronti, mi ha detto che io non sono affatto brutta.
    Quando gli ho fatto notare la sua totale mancanza di rispetto nei miei confronti, il fatto che mi ha triangolata con diecimila amiche, con mia sorella e perfino con le pietre è all’improvviso cambiato. Mi ha detto che voleva che rimanessimo amici, che voleva fare sesso con me senza legarsi e che non aveva alcuna intenzione di portarmi assieme ai suoi amici. Insomma il suo chiedermi perdono era riferito al fatto che fosse scomparso senza che io gli avessi fatto niente, non al fatto che volesse costruire qualcosa di serio con me. Mi ha perfino detto che ha conosciuto due ragazze su Badoo.
    Naturalmente queste ragazze erano più belle di me, più alte e più magre. Mi ha detto spudoratamente in faccia che io ho un brutto fisico.
    Gli ho chiesto:”ma se non ti piaccio perché vuoi venire a letto con me?”.
    Mi ha risposto che per un uomo è normale andare a letto con una donna anche se non è attratto da lei e che il fatto che io non gli piaccio rappresenta il motivo principale per cui non vuole fidanzarsi con me oltre al fatto che ho un brutto carattere.
    Riguardo alle due ragazze che ha conosciuto prima ha detto che ci è uscito solo un paio di volte per un caffè , poi ha cambiato versione e ha detto che ci è andato a letto. Quando io non ce l’ho fatta più e ho cominciato ad urlargli addosso quanto mi facesse schifo mi ha detto che io sono pazza e che non ci è andato a letto.
    Infine mi ha detto che ha sbagliato a parlarmi perchè io gli metto ansia, che non si sente sereno con me,che lui voleva solo che restassimo amici, che io potessi contattarlo ogni tanto se avessi avuto bisogno di un consiglio (su che cosa non si sa).
    Io invece penso che queste ragazze lo abbiano mandato a quel paese e che lui sia ritornato da me per questo motivo. Altro che pentimento, voleva portarmi a letto e poi scaricarmi di nuovo come spazzatura.
    Lui continua ad essere bloccato, ma lui mi ha sbloccata.
    Dopodomani è il mio compleanno e temo che si rifaccia vivo.

    "Mi piace"

    1. Cara Oliver, il contatto zero serve a evitare questo tipo di ‘discorso’ folle, senza capo né coda, che genera solo confusione e rabbia. Non esiste dialogo con queste persone. Non riuscirai mai a impiantare nel loro cervello la morale, la coscienza, l’etica, la lealtà, il rispetto, l’amore… Immagina il loro cervello come sprovvisto della zona in cui questo tipo di sentimento potrebbe abitare. Non c’è e basta. E’ inutile stare a sentire i loro continui cambi di versione. Manca solo dire che lavora sotto copertura per i servizi segreti! (già, a me è toccato sentire pure questo nel mio trapassato terremoto!) Chiunque ti legga capisce immediatamente che l’individuo è disturbato forte. Sì, è venuto da te esclusivamente per DENIGRARTI e per dare il colpo di grazia alla tua autostima. E se domani, nel giorno del tuo compleanno, ancora una volta gli permetterai di turbarti in questo modo, lui continuerà a calpestarti dicendo cose ancora più pesanti e rendendo la data del tuo compleanno uno dei giorni più tristi della tua vita. Ora, questa persona fa chiaramente il predatore online e te lo confessa pure. Dice di essere attratto da tua sorella. Fa il turista sessuale… Insomma, cara Oliver, non ci sono dubbi che sei inciampata nel peggio del peggio. Quindi, che senso ha non cambiare immediatamente numero? Meglio non sapere se ti ha chiamato, non ti ha chiamato, cosa avrebbe detto. Non intossicarti più con le sue astrazioni. Non è dignitoso per te essere in una rubrica insieme a una moltitudine di persone che si fa sfruttare sessualmente. Se fosse in te, come regalo di compleanno, mi darei una bella scheda nuova e farei una bella uscita con mia sorella, alla faccia del disturbato che ha provato a distruggere il vostro rapporto. Un abbraccio.

      Piace a 1 persona

      1. Claudileila, tu hai sempre le parole giuste.
        Cambierò numero di telefono, è senz’altro la soluzione migliore.
        Se dovessi incontrarlo di nuovo per strada non mi fermerò ad ascoltarlo.
        Sarà dura ma ce la farò.

        "Mi piace"

      2. Pensa a un pazzo scatenato e tira dritto. Se ti fermi a parlare con un pazzo dovrai usare il suo linguaggio da matto. A che pro poi? Nel senso che se ti dice che è Batman, tu sei Wonder Woman e così via. Perché fumarsi il cervello insieme a lui? Mi viene da pensare, analizzando meglio il discorso sconclusionato, che faccia uso di sostanze… Hai mai avuto il sentore?

        Piace a 1 persona

    2. Certo Oliver cara,ce la puoi fare sicuramente hai già preso coscienza di tutto questo ed è un grande passo in avanti. Il no contact direi che è obbligatorio ma davvero Oliver ,vaporizzalo.senza dare un minimo spazio ma minimo ,minimo . Nulla se puoi fallo perché è un attimo …

      "Mi piace"

      1. Brava Oliver, lo sai che è il passo più importante che decidiamo di dare. All’inizio avrai l’impressione di andare verso lo sconosciuto, ovvero, sulla te stessa che hai sempre pensato e sognato di essere. Questo potrebbe farti paura ma non demordere, perché il dolore che proverai non è paragonabile a quello delle svalutazioni che hai subìto. Un abbraccio forte a te.

        "Mi piace"

  27. Oliver, sono senza parole è un completo idiota, sarà pure un bel ragazzo ma è un fesso totale, se voleva portarti a letto ha trovato il mezzo migliore…. che dire per fortuna anche questo è un npt (narcisista perverso tonto).
    Mi ricordo, una vita fa, c’era un tipo che mi ronzava intorno, ci siamo trovati per caso (credo) nella stessa discoteca, lui aveva visibilmente gradito il bar 🙂 dopo le libagioni è venuto ad invitarmi a ballare. Indossavo tacchi altissimi e avevo lasciato da poco la pista, allora gli ho detto di no spiegando che avevo malissimo ai piedi e che avevo bisogno di fare una pausa, lui insiste: “dai ci divertiamo” e io “no davvero non ce la faccio” un po’ di tira e molla poi conclude:
    “eddai vieni a ballare NON FARE LA CRETINA”
    🙂 🙂 🙂 allora gli ho riso in faccia e gli ho risposto: “eh si adesso mi hai davvero CONVINTA ma vai a quel paese …..”
    Mi dispiace Oliver il ripescaggio per solo sesso è un classico, hai fatto bene a dargli il lungo. Chiarisci sempre, a te stessa in primis, il tipo di relazione che desideri metti un punto e là non spostarti. Rispettati perché da loro rispetto non ne avrai. Fatti forza e resisti perché loro non mollano.
    Non mi piace incoraggiare la rabbia ma se ti tiene fuori da questo schifo, almeno per ora va bene.
    Non sai quanto mi piacerebbe riempirlo di mazzate.

    Piace a 2 people

    1. Ciao Babi, è un narcisista tonto e pure ignorante 😀
      Sento molta rabbia nei suoi confronti, non penso di valere così poco, di dover essere sfruttata a livello sessuale.
      Il problema è che lui vuole farmi sentire sbagliata, sia fisicamente che caratterialmente.
      Ora di sicuro penserà che sono io quella cattiva che non vuole più avere a che fare con lui perché lui la sua “parte” l’ha fatta, vuole essermi “amico”, sono io la “cattiva” che gli ha chiuso la porta in faccia.

      "Mi piace"

      1. Oliver cara, non so in quale continente viva questo idiota ma al mio paese gli AMICI non fanno sesso, MAI.
        Altrimenti sono amanti, anche nell’accezione negativa di questa parola, fidanzati, marito e moglie tutto quello che vuole ma non amici.
        Tu non sei “cattiva” semplicemente non sei stupida: se uno ti disprezza non può nello stesso momento voler fare sesso con te.
        A parte che quello che pensa lui interessa il giusto (cioè zero, anzi zero Kelvin che vale -273 gradi Celsius). Ma per chi ti ha presa? Davvero la principessa delle cretine? Comunque è un genio anzi un vero GEGNO.
        Hai ragione non vali poco, vali tantissimo e nessuno, a prescindere dal valore che si attribuisce, merita di essere sfruttato come oggetto sessuale, si comprasse una bambola gonfiabile, può tenerla in un scaffale e tirarla giù quando serve 🙂 qui abbiamo già dato.
        Un bacione e ha ragione Claudileia anche io mi regalerei una bella scheda nuova e centellinerei il mio numero a solo amici veri, per dire niente cuginetta….

        Piace a 1 persona

      2. Cara Babi, penso che voleva ridurre Oliver a una sorta di Charlie Brown alla quale avrebbe raccontato ogni suo misfatto. Il suo è stato un chiaro tentativo di portarla dalla sua parte in materia di perversione. Voleva rompere tutti i limiti di Oliver. E’ un tipo pericoloso.

        "Mi piace"

      3. @Claudileia purtroppo ne sono convinta anche io, che volesse ridurla a una Charlie Brown ma la nostra Oliver è una tosta, e con un po’ di sostegno ce la può fare.
        Un bacio.

        "Mi piace"

  28. Claudeleia sono andata sul sito e tra l altro ho visto molti eventi nella mia città. Ma non ho capito come fare per partecipare al concorso. Mannaggia a me! Un abbraccione

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...