La testimonianza di Bianca: “Loro non cambiano anche quando provano a essere semplicemente ‘normali'”

Due anni fa, in un tragico pomeriggio di agosto, tornati da un devastante week end in cui avevo scoperto tutti i tradimenti dell’estate, e chiamato tutte le donne che si era portato a letto, davanti a lui, che nemmeno sapevano che fosse sposato, il mio “meraviglioso” narcisista mi chiese con tutte le forze che aveva, accartocciato per terra in una pozza di lacrime e moccio, di dargli un’ultima chance di vita normale. Era all’apice delle sue scorribande narcisistiche. Aveva toccato il fondo e, con lui, lo stavo toccando anche io.

Dopo aver causato molto dolore, manipolato e fatto soffrire, tradito, mentito, illuso e inventato tutto quello che si può immaginare, si sentiva “poverino” vuoto, disperato, incapace di vivere una vita normale, desideroso di dare un senso compiuto alla sua vita. Dopo aver fatto e disfatto di tutto, la vita normale era l’unico obiettivo che non si era mai posto.

Era stremato, perché le crisi perverse sono impegnative, e si sentiva sputtanato, perché nell’arco di 8 ore avevo bruciato tutte le sue conquiste, girato a tutte le chat rivolte a tutte e avevo preparato la sua roba in sacchi neri, fuori casa.

Se veramente sei un narcisista patologico, ti rivolgo le stesse parole che avrei dovuto rivolgere a lui allora, quando lo cacciai – anche se dopo qualche settimana di lacrime e moccio mi convinsi che forse ce la poteva fare, e firmai la mia condanna.

Tu non riuscirai a cambiare, perché non appena la vita normale si dischiuderà di fronte a te, ti stuferai e avrai bisogno di nuove emozioni. Farai quarte quarantotto e poi probabilmente chiederai ad un’altra donna di sacrificarsi per te, di aiutarti ad avere una vita normale. La farai quasi sentire una prescelta per questo, e poi ricomincerai da capo, perché non c’è mai fine.

La fase lupo che vuole diventare agnello è un cliché nel quale molti di quelli che frequentano questo blog sono stati vittime.

La vita normale è fatta di altro. Un narcisista può desiderarla, ma solo per un attimo, solo per il tempo che li separa dalla conquista della normalità, solo il tempo di vedere cosa gli altri sono disposti a fare per potergliela offrire su un piatto d’argento, sulla quale presto può iniziare a sputare tutto il fiele che ha in corpo.

Un narcisista vuole altro, vuole lasciare il segno. E siccome è più facile lasciare il segno distruggendo, prende la sua scorciatoia. Siccome è più facile far innamorare cento donne dicendo loro ciò che vogliono sentirsi dire e senza rivelare il proprio vero sé, riesce a non farsi mai amare davvero.

E tu, che affermi di voler “cambiare” non sarai mai amato davvero, perché nessuno potrà mai amarti per quello che sei, ma per quello che fai finta di essere. Non sarai mai normale, perché il tuo è un disturbo della personalità che fa fatica a guarire.

L’unico modo in cui sarai meno aggressivo, offensivo, illusorio, sarà invecchiando, possibilmente male.

Se hai una moglie, ma soprattutto figli, cerca di farti curare, vai da uno psicologo molto bravo, cerca di renderti inoffensivo, magari anche farmacologicamente, perché il tuo modello non può far bene ai tuoi figli.

E se veramente vuoi vivere una vita normale, allora, augurati di diventare impotente in giovane età, perché, alla fine, le stupidaggini che fate sono tutte strettamente connesse a delle banalissime pulsioni legate al sesso e al potere.

Augurati di perdere il lavoro, e di essere costretto a fare un lavoro umile e poco dignitoso, e augurati che tutti quelli che ti conoscono lo sappiano e non facciano nulla per toglierti dall’enpasse, perché alla fine hanno sempre pensato che eri di molto sopravvalutato.

Augurati di perdere tutta l’allure e il fascino sul quale conti: di ingrassare a dismisura, e di avere problemi con le ghiandole sudoripare.

Augurati un’alopecia irreversibile, e possibilmente fulminante, e una forma acneica e seborroica che chiunque ti stia lontano.

AUGURATI DI ACQUISTARE NEL FISICO, NELLA SALUTE, NELLE CONDIZIONI ECONOMICHE E SOCIALI UN ASPETTO CHE RIFLETTA ESATTAMENTE IL MOSTRO CHE SEI, DI MODO CHE NON DOVRAI PIÙ CHIEDERE AIUTO PER NON FAR DEL MALE AGLI ALTRI: TI STARANNO TUTTI SPONTANEAMENTE LONTANO…

Trad. Fala (Parla) by Ney Matogrosso – Secos e Molhados

Io non so dire/ niente tanto per dire/ Dunque ti ascolto/ Se vorrai dirmi/ Tutto ciò che avrai voglia/ Io quindi ti ascolterò/ Parla!/ la la la la la la la la la/ Parla!/ Se non capirò/ Non ti risponderò/ E quindi ti ascolterò/ Parlerò soltanto/ Nel momento in cui dovrò parlare/ E quindi ti ascolterò/ Parla!/ la la la la la la la la la/ Parla!/ la la la la la la la la la/
Parla!/ la la la la la la la la la/ Parla!

38 pensieri su “La testimonianza di Bianca: “Loro non cambiano anche quando provano a essere semplicemente ‘normali'”

  1. Grande Bianca,
    grandissima per averlo sputtanato e di fatto aver salvato tante povere vittime.
    E’ la pura verità, mai provata di persona, che mi è apparsa lampante appena ho preso un minimo le distanze.
    Non ce la fanno. Non ce la possono fare. Sono anime perse. Se mai ci fossero dubbi l’unica è abbandonarli al loro destino.
    Sarebbe meraviglioso se l’aspetto esteriore combaciasse a puntino con quello che hanno dentro. Sarebbe meraviglioso per fosse vero per chiunque.
    Grazie infinite per la tua testimonianza.
    B.

    Piace a 4 people

  2. Cara Bianca,
    lacrime e moccio… un déjà vu.
    E tanta repulsione, che provai allora quando lo ebbi davanti in quello stato dopo aver smascherato una delle sue tresche. Si inginocchiò ai miei piedi e grondante di qualsiasi cosa implorò perdono.
    Mi fece più schifo in quel momento che – quasi – alla scoperta delle sue malefatte: nemmeno la spina dorsale di prendersi la responsabilità delle sue azioni.
    E per quanto riguarda il mostro che ha dentro, grazie a Dio sta uscendo: alopecia, calcolato zero al lavoro e meno anche dagli amici, l’età avanza e lui non sta combinando veramente veramente niente, a parte mietere vittime sempre meno “top”.
    Io non ho potuto sputtanarlo come hai fatto tu, e solo io so quanto avrei voluto farlo. La mia più grande soddisfazione è essere riuscita non solo ad andare avanti con la mia vita ma a costruire tanto.
    E in ogni caso, sto sulla riva del fiume.

    Grazie e un abbraccio.

    Piace a 5 people

  3. Cara Bianca, grande!
    In effetti quella di augurare loro di apparire per quello che sono dentro è geniale.
    Io la mia np l’ho sposata, è la madre dei miei figli e, per quanto ne so e credo, non mi ha mai tradito, e quindi non riesco a vederla così brutta; cattiva lo è stata certamente.
    Però fino a un anno fa le dicevo continuamente che per me lei era la donna più bella del mondo; e lo credevo sul serio.
    Oggi la vedo per quello che è; una donna di 50 anni che sta invecchiando precocemente, sempre stanca, mai contenta del proprio lavoro e piena di acciacchi; terrorizzata di rimanere da sola.
    E non nascondo che il fatto che in un paio di occasioni a me recentemente abbiano dato qualche anno di meno, un po’ di goduria da “bastardo dentro” me la fa provare. Scusate ma non ci riesco a non pensare che io invece a 50 anni, mi sento finalmente sereno, libero e ancora giovane dentro.
    Penso a quando lei, nella fase del mio massacro, girava tutta tirata e truccata a fare la galletta in giro; nella nostra ultima vacanza insieme anche in faccia a me, con i baristi dei locali o col noleggiatore dell’auto; tacco alto, trucco e passo deciso.
    Adesso, dopo che le ho comunicato che, anche se siamo ancora costretti a stare fisicamente sotto lo stesso tetto, per me la storia è finita, è in tono dimesso, spesso in disordine, ingrassata. E mi chiede di rimanere, e dice agli altri che stiamo provando e tenere in piedi il nostro rapporto (novità degli ultimi giorni comunicatami dai miei suoceri).
    E io la vedo così, per quello che è; e rispecchia molto quello che ha dentro. Così come quando la vedevo bellissima rispecchiava un meraviglioso sè che invece non esiste.
    Un abbraccio!

    Ciao Device!!!!! E’ un po’ che non ci si sente. Tutte bene mi sembra; ne sono contento.

    Piace a 3 people

    1. Caro Gianni, quando non hanno più un collo appetibile da succhiare i vampiri spesso rattrappiscono. Diventano irriconoscibili. Lei non ha la tendenza, ma la maggior parte cerca con avidità un amante qualunque per tappare l’eventuale buco lasciato dal partner oramai svegliatosi dal sonno degli schiavi. A quanto pare ricaverà la sua energia facendo la vittima presso i suoi familiari. Questo colmerà il suo fabbisogno energetico per un po’… guardia alzata che ancora non è sopraggiunto il momento della rabbia e della campagna di fango distruttiva. Mi auguro di tutto il cuore che non segua il copione narcisistico alla lettera. Abbraccio forte a te!

      Piace a 3 people

      1. Carissima Claudileia, immaginavo un commento come questo da parte tua (ormai ti conosco…) ed è quello che ho pensato anche io (magari per fortuna comincio a conoscere meglio anche me stesso e le mie sensazioni).
        Credo che la storiella del “ci stiamo provando” serva a due scopi:
        da un parte far passare me per pazzo quando riuscirò ad andarmene fisicamente, quindi serve a salvaguardare la sua persona nei confronti degli altri; dall’altra servirà a sè stessa, come dici tu, ad avere il necessario sostegno e fabbisogno energetico quando resterà sola; in questo senso credo che ci sia da parte sua una sorta di inconsapevolezza, cioè una necessità inconscia di sottrarsi alla responsabilità del suo fallimento.
        Un grande abbraccio!

        Piace a 1 persona

    2. Buongiorno a tutti.

      @ Gianni,
      tutto bene e felice di leggere che anche tu stai con determinazione riprendendo in mano la tua vita e te stesso. Ho sempre ammirato la tua particolare forza… avanti tutta!
      Per quello che mi riguarda, a oltre un anno di no contact, np è definitivamente chiuso nella sua putrida scatola. Sta lì tra la muffa solo a ricordarmi che al mondo esistono queste persone da cui tenersi alla larga. Ogni tanto mi giungono, mio malgrado, notizie sparse di lui e devo dire che è tutto sempre talmente avvilente e ripetitivo (gli altri non lo sanno ma io riesco a capire le sue “malefatte” anche quando raccontano che cosa ha mangiato per colazione 😅) che anche se non fossi così sicura di ne ora passerebbe lo stesso la voglia.
      Ogni tanto vengo qui, a leggere e ritrovarvi e quando sarò probta a scrivere qualcosa di costruttivo per tutti troverete anche il mio racconto.

      @Claudileia
      La calvizie per l’np in questione (vero che non si riesce nemmeno più a scrivere “il mio np”… evviva!) è come la maledizione suprema… ci teneva troppo a quei 4 rimasti e immaginarlo che ogni mattina se li ritrova sul cuscino è una piccola ma intensa goduria!
      Ovviamente non è l’aspetto fisico a farla da padrone ma penso che quando uno ha l’anima cattiva la rifletta anche al di fuori… non fosse che con lo sguardo che sanno ben celare all’inizio ma che col passare del tempo si manifesta in tutta la sua perfidia e renderebbe brutto anche uno strafigo.
      Così come è vero il contrario, occhi puri riflettono sensazioni di positività e quindi anche di bellezza.

      Siete sempre con me, vi abbraccio tutti forte 😘

      Piace a 2 people

      1. Carissima Device, leggo con piacere che hai raggiunto notevoli livelli di indifferenza, anche di sana ironia sull’ “np in questione”.
        Molto bene!
        Spero di leggere presto il tuo racconto.
        Abbraccio!

        "Mi piace"

  4. Ciao Bianca, credo di aver letto una parte di questa testimonianza in un altro articolo di questo blog, se ricordo bene dicevi pure che voleva un figlio da te ma si era fatto fare non so quale operazione per poter sfarfallare in giro a destra e a manca senza problemi… La coerenza fatta persona. Direi che ti sei presa una bella rivincita. Il mio è già obeso e si fa cucire le toppe sui pantaloni altezza cavallo per ovvi motivi poiché comprare abbigliamento per persone di stazza costa e lui con il suo lavoro, visto che dice che non lo pagano non riesce a comprarsi. Infatti l’ho sempre visto per anni con lo stesso giubbotto invernale, cucito a più riprese… Non so quante volte cambiò ufficio e sede lavorativa, gli altri a cazzeggiare in giro e lui incollato alla scrivania 😂…. Alopecia presente già avanzata, sudorazione abbondante anche, che dire ancora… Al mio ultimo scarto durante il suo compleanno già incazzato nero perché a 55 anni si sentiva vecchio. Ti faccio compagnia sulla sponda del fiume carissima,porto birra e patatine e il vino quello buono per le occasioni speciali. Ah! Una coperta, una bella colonna sonora e un bel falò… Un abbraccio!

    Piace a 1 persona

    1. Badate che l’amore mio è quasi pelato… E lo adoro da vivere ❤️. Dicono si somigli a Umberto Eco 50enne, anche se gli manca il cappello! Ragazze mie, chi è brutto dentro manifesta la sua bruttura soprattutto quando apre la bocca per sparare la sua raffica di superficialità. Chi è brutto dentro parla solo di se stesso appena crede di saper tutto su di voi. Può pure somigliare a Paul Newman ma se non sa approfondire un bel nulla pagate pure l’unico caffè che andate a bere insieme… tanto per incentivare “il bello” a investire 90 centesimi in più in istruzione. Notte a voi!

      Piace a 4 people

      1. ..8 ore…sei stata una grande. E hai reso benissimo l’immagine di quello che sono, una volta smascherati, moccio e lacrime. Scuse (false) infinite, richiesta di nuove possibilità, per dargli una facciata di normalità (mi sta accadendo in questi giorni).
        Condivido tutti gli “auguri” che fai a quei mostri, tranne uno….l’impotenza. Perché quando non riescono (e ne so qualcosa), diventano ancora più rabbiosi, ancora più perversi. Se le persone normali si concentrano su persone fisiche e, quindi, si cercano prove di tradimenti fisici…con gli impotenti è un pozzo nero. Fatto di sessualità deviata, siti porno, uso delle immagini di amiche per proprio piacere, prostitute e tutto quello che è fuori dall’ordinario. Con una doppia confusione…perché è difficile capire (soprattutto per il virtuale) e alla loro provocazione: “puoi provarlo?” è -inizialmente- difficile rispondere. Come è anche più difficile a chi vede solo la facciata esteriore di brava persona. Trovare la forza di dire: “si eccitava con foto e video e, quindi, gli bastava quello e la sua camera e il suo spazio” è molto più complesso che dire: “mi ha tradita con X”. L’impotenza per loro è solo uno strumento maggiore per la loro rabbia, non auguro a nessuna di vedere cosa possono fare per compensare.

        "Mi piace"

      2. 🙂 Claudileia 🙂 strappato un sorriso. 90 centesimi in più in istruzione, questa la uso davvero 🙂 visto che una delle frasi più drenanti era quella che io sono più formata su alcune cose (ma poi per le nostre discussioni e stare male, ho perso vari progetti). Per la serie…te do’ pure du’ spicci per formarti, così mi levo dalla tua invidia.

        Comunque ..ricomparire dopo 4 mesi, per fare la scena prima con quelli che abbiamo intorno (si è messo a dire delle sue speranze perfino a una persona che abbiamo conosciuto per il suo ruolo di tutor, totalmente estranea dalla cerchia di contatti più stretti)e poi con me…si, hanno bisogno di preparasi il terreno intorno, per poi sentirsi dire: “lui voleva riprovarci, sei tu che non hai voluto”.
        sanguisughe

        Piace a 1 persona

      3. Ciao Claudelia, lo adoro da vivere non l’ho mai sentito… Prendo in prestito! Guarda,l’alieno nonostante pelata, obesità e quant’altro lo adoravo, mi ci sentivo protetta quando mi abbracciava.. Mi ci sentivo a casa. Mi fidavo. Avrei preso il pacchetto completo, non sono per gli uomini belli ma interessanti, che sappiano cosa dire. E mi ha ingannato per bene per tanto tempo indossando quella maschera da brava persona, sfigato nella professione che nella vita sentimentale ed è qui che è stata la mia fregatura… Lo stimavo, lo adoravo, lo vedevo bello insomma… Un giorno gli dissi baciandolo in fronte “mi piace quello che c è qui dentro”. Da rabbrividire con la conoscenza che ho ora… Una cosa che invece mi diceva spesso lui”io e te siamo uguali, sentiamo di pancia “… Ecco che sia stata proiezione non ho dubbi ma mi ha spaventato, da credere di essere come lui. Poi mi sono ricordata dei pianti immensi da sola e le urla di dolore chiedendomi perché per darmi una risposta da sola. Non sono come te,mi dispiace.. Io esisto, sento, provo io sono luce.Un abbraccio a tutti e un buon week end!

        Piace a 3 people

  5. “Io esisto, sento”….Lalla….un abbraccio. Ci sto pensando..ora. Con tutte le mie difficoltà economiche, 4 traslochi in tre mesi e mezzo, sola durante le feste..me la sono -finora- più o meno cavata (ma se non ho un contratto regolare da maggio..brr). In questi giorni è uscito fuori lui, pure se non volevo mi ha raccontato il “suo dicembre”…patetico, ovviamente, perché la sua flying monkey raccontava di quanto fosse lanciatissimo. Ma una cosa c’è…quando l’ho iniziato a frequentare era un anno prima..sempre sotto le feste..e mi colpì una cosa…era solo. Nonostante il codazzo di amiche, ex etc, il capodanno -se non ci fossi stata io- l’avrebbe passato solo. ALmeno io non sono di questa città….sarebbe stato più normale che lo passassi io da sola che lui che c’è nato. Questa cosa mi colpì…e poi l’ho rimossa, pensando che non si era organizzato per tempo, visto il numero di amiche onnipresenti spuntate dopo…

    Piace a 1 persona

    1. Ciao Eva, pure il mio si lamentava di essere sempre solo, che quando organizzava qualcosa nessuno mai gli andava dietro e un giorno mi disse “sono stanco di fare sempre le cose da solo”… Anche quando andava a trovare alcune persone che pure io conosco ma superficialmente mi diceva sempre… Quando arrivo io la moglie se ne va… La sorella esce… A questo punto mi sono detta :solo quando siamo invischiati sentimentalmente non vediamo i segni… Le altre persone probabilmente avevano già un antipatia a pelle per lui, non lo sopportavano e senza sapere esattamente il nome di questa patologia gli davano comunque un etichetta.L’ho visto un giorno parlare con il tipo a cui paga l’affitto dello studio, beh… Un cagnolino sottomesso, si vedeva proprio fisicamente. Quando se ne andò subito me ne parlò male e io naturalmente in buona fede gli credetti.
      Ho delle persone che a pelle mi sono sempre state antipatiche e scherzando pensavo “psicopatia portami via”… Eh, se è vero che i narcy sentono quando una persona empatica “sa” il segreto incomincio a capire ancora di più… Buona domenica! Ricambio abbraccio!

      "Mi piace"

      1. grazie Lalla…” questo punto mi sono detta :solo quando siamo invischiati sentimentalmente non vediamo i segni… Le altre persone probabilmente avevano già un antipatia a pelle”…. sul non vedere i segni, perfettamente d’accordo. Nel mio caso è un covert, impegnato nel sociale quindi di quelli iperdisponibili ad accompagnare, fare etc. Eppure chi ha l’occhio lungo sapeva che dietro questa “disponibilità” c’era una sua cernita, quello che gli piace /interessa/lo fa sentire apprezzato fa. Il resto..sparisce (cose amministrative, burocratiche..a meno che non gli sia riconosciuto un ruolo “importante”). Forse questa è l’unica cosa che li tiene buoni. Ma mi ha colpito questa cosa delle feste. Intanto ieri tornati alla follia pura..e a quelle discussioni che voi conoscete…Praticamente sarei quella che non va avanti ed è rimasta ancorata al passato (immagino perché non voglio incontrarlo e parlargli a voce). Se gli chiedo ora cosa sta facendo di diverso, ora -nel presente- è un caos di parole, rinfacciamenti, che ..lui non si aspettava nulla quando mi ha scritto. E io resto davvero senza parole. Certa gente ricompare nella vita (quando sa, perché lo sapeva, che una inizia a stare un po’ meglio)..per afforssare di nuovo. E qualsiasi agomentazione o evidenza logica si scontra contro un muro di gomma: qualsiasi cosa diventa un’accusa più o meno implicita (quelle implicite levano ancora più energia…si formano con le frasi tipo “è accaduto”, “è quello che hai passato”..(come se venisse da fuori), levandosi di mezzo. Il ritono è come essere esposti a un’esplosione in piena, ancora più rabbiosa.

        Piace a 1 persona

  6. Bianca… sono rimasta a bocca aperta !
    Grandiosa !!!
    Ma come hai fatto ?! Gli hai sottratto il telefono ?
    Per quanto mi riguarda, sono impressionata nel trovare sempre, nei vostri racconti, quei piccoli particolari che – solo loro – mi fanno sentire profondamente che ciò che sento è verità.
    In questo caso, la voglia di normalità dell’NP, che hai così ben descritto.
    Ma la normalità che hanno in mente loro sa solo di noia e vuoto, ed è per questo che poi gli sta così stretta… non hanno per nulla (perchè non sanno coinvolgersi in nulla) la capacità di comprendere che è solo la base solida su cui poi costruire… costruire di tutto !
    È lo spazio su cui progettare una casa fatta di mille dettagli che parlano di te e di chi ami, è il tempo da trascorrere coi figli per poter dare loro la sicurezza di un riferimento stabile, è la quotidianità da dedicare giorno per giorno a un progetto con passione…
    E loro, semplicemente, in tutto questo, ci si annoiano a morte, perchè ci vedono solo banale routine !
    È questo il cuore del loro problema, che fa sì che un bel giorno tornano a trasformarsi in lupi.
    Un giorno il mio si è lasciato scappare che odia i bambini. E ne ha di suoi.
    Se deve dedicarsi al lavoro, lo fa solo perchè deve, e quindi ne fa una giusta e 3 sbagliate…perchè non lo interessa ! E poi si sente vittima perchè ce l’hanno tutti con lui.
    Potrei andare avanti all’infinito…
    Bianca, di nuovo grazie.

    Piace a 1 persona

    1. Cara Passiflora, mi fai venire in mente quando, da poco deciso di sposarci, lei mi chiede se sono certo di riuscirmi ad adattare alla vita con lei, che all’apparenza era più dinamica della mia. Le ho risposto se invece non fosse lei a doversi adattare ad una routine familiare che era scontata avendo deciso di metter su famiglia. Non ricordo onestamente la risposta. So però, adesso, dopo tutto il lavoro su me stesso e sulla mia relazione, che nonostante sia apparsa a molti come mamma e moglie perfetta, in realtà ha vissuto tutto questa “normalità familiare” con enorme fatica; quello che facevamo non era mai abbastanza e quello che portavo a casa io non bastava mai. Il tutto era fatto semplicemente per gratificare sè stessa o per dimostrare ad altri di essere una brava mamma (lo è) o moglie (un po’ meno…..).
      Eppure, avendo abitato per 8 anni in un bellissimo posto in montagna, ricordo intere domeniche passate seduti sul divano, fuori una splendida giornata, perchè non aveva voglia di uscire, era stanca, doveva pulire la casa; salvo poi lamentarsi che non si faceva mai niente.
      Forse una semplice e bella passeggiata in montagna con i nostri figli all’epoca non dava abbastanza adrenalina. Se andavamo ad arrampicare, a sciare, o stavamo via qualche giorno allora era contentissima; cose banali no, evidentemente non la interessavano.
      Un’altra cosa che condivido pienamente è la loro totale mancanza di vere passioni; i lori interessi sono sempre effimeri, momentanei; non hanno qualcosa che riescano a portare avanti con costanza, un filo conduttore. Sono sempre alla ricerca della gratificazione estemporanea e non hanno progettualità di lungo respiro, nemmeno quando si sposano. Noi nei primi 4 anni abbiamo fatto cose che normalmente richiedono tempi un po’ più lunghi; vivere insieme, sposarsi, fare due figli, due traslochi e 3 cambi di lavoro. Poi io ho detto che avevo bisogno di fermarmi; lei ha cominciato a stufarsi….
      Giusto per dire, a proposito di coerenza, oggi lei è a fare una passeggiata in collina con le amiche…..
      Io per fortuna sono in montagna (in ufficio) e adesso esco a fare due passi sulla neve e a mangiarmi un buon piatto tirolese!!
      Buona domenica e un abbraccio a tutti!

      Piace a 3 people

      1. Bravo !
        Sono contenta di saperti sereno.
        E beato te 🙂
        …a proposito di mancanza di vere passioni, quando invece gli racconti che ne hai una tu… ohhh i commenti sarcastici che piovono !
        Quante volte mi son sentita sfigata dopo soli 30 secondi che gli raccontavo di un mio piccolo successo o esperienza o interesse che mi procurava gioia !
        Gli bastava uno sguardo e un sorrisetto, non doveva neanche più parlare, che tutto nella mia testa perdeva di senso.
        Io percepivo che sotto c’era solo la sua invidia, gli ultimi periodi facevo anche apposta a preparare argomenti sempre più interessanti ed inattaccabili, soltanto per assistere allo stesso risultato e fornire a me stessa la prova che non ero io a non andar bene, ma che era lui a volermi indebolire a tutti i costi…e… mannaggia il risultato era che, nonostante vedessi bene la buca davanti al mio cammino, ci cadevo dentro lo stesso con tutti e due i piedi !
        Ecco, in questo sento di essere stata sconfitta: ho dovuto ricorrere al no contact, perchè non riuscivo a restare indifferente alle sue manipolazioni, anche se ormai le vedevo bene, le conoscevo.
        Mi ferivano lo stesso, non riuscivo ad esserne immune.
        Perchè ???

        "Mi piace"

      2. Cara Passiflora, la mia grande passione (la montagna) è stata in realtà condivisa, ma credo anche per rispecchiarsi in una cosa che alla fine dava qualcosa anche a lei, ovvero il fatto che ne ho fatto un lavoro, anche con un minimo di soddisfazione e talvolta anche con un po’ di visibilità verso l’esterno.
        Prova ne sia che adesso che io vado in montagna da solo, lei non ci va più.
        Ogni altra mia passione o interesse che non la coinvolgesse di fatto mi ha impedito di coltivarla, o se l’ho fatto sono andato incontro alle sue lamentele e critiche.
        Provo a rispondere alla tua domanda sul perchè tu non riuscissi a rimanere immune alle manipolazioni; sostanzialmente di solito è dipendenza: sai che ti fa male ma non riesci a farne a meno, proprio come qualsiasi dipendenza. Solo che per noi la dipendenza affettiva fa male all’anima oltre che al fisico.
        Un abbraccio!

        "Mi piace"

  7. Credo che la cosa che più angoscia un narcisista sia appunto quello che ha fatto Bianca: essere magistralmente sputtanato ed essere abbandonato da tutti….ma le loro recite di pentimento sono talmente ben studiate che spesso, purtroppo, riescono a salvare capra e cavoli comunque, e questa è un’abilità che solo loro hanno. Ovviamente in questo non riescono da soli…sanno che la controparte spesso vuole ad ogni costo mantenere in piedi il legame, e su quello fanno leva.
    Per questo bisogna sempre ricordare che si tratta di una co-dipendenza, infatti spesso chi non ha mai avuto a che fare con un narcisista non comprende minimamente come si possa continuare stare accanto a qualcuno che abusa palesemente di te, anche dopo averlo “smascherato”. Si, si può dare una seconda chance ad una scappatella ma darla a chi ha addirittura più donne in contemporanea a cui ha mentito spudoratamente è il segno di una fortissima dipendenza. Non vuole essere un giudizio: anche a me è successa la stessa cosa.
    Il mio secondo np quando abbiamo iniziato la nostra relazione mi ha fatto spergiurare che mai e poi e poi mai avrei svelato a chicchessia le cose che mi diceva e mi scriveva…era terrorizzato all”idea che qualcuno potesse rovinargli la vita”, ovvero la facciata che più o meno tutti si creano per potersi interfacciare la mondo con una parvenza di “normalità”.
    Ho visto il narcisista nella sua vera essenza, e confermo che per quanto a volte possano essere di bell’aspetto grazie a madre natura in realtà sono delle pattumiere ambulanti con un litro di scadente colonia addosso per non far sentire i miasmi.
    Io credo che quando si raggiunge un minimo di lucidità mentale e si comprende cosa sono, non si possa fare a meno di considerarli dei macchinari avariati che hanno bisogno di tutte le loro risorse energetiche per poter funzionare. Nel momento in cui si stacca la spina loro implodono letteralmente, ecco perchè hanno bisogno di più risorse per poter sopravvivere: possibilmente la risorsa fissa e una serie di rifornimenti collaterali. Questo sono loro, non se ne sfugge, sono psichicamente strutturati in questo modo e chi ha a che fare con loro deve sapere che non ci sono speranze che possano cambiare.
    Non resta quindi che lavorare duramente su se stessi per liberarsi dalla dipendenza, questo è il punto cruciale, quello che loro sono ormai lo sappiamo e lo abbiamo visto benissimo, purtroppo.
    Abbracci a tutti

    Piace a 2 people

    1. “essere magistralmente sputtanato ed essere abbandonato da tutti….ma le loro recite ”
      ..in questi giorni a me ha riso quando, in risposta a una sua provocazione sul dire a quelli con cui collaboriamo il perché ho chiesto di non trattare con lui certi temi (violenza sulle donne, diritti delle donne). Ed effettivamente, la persona con cui ne ho parlato mi chiedeva se ero convinta a voler andare fino in fondo, perché voleva dire chiedere a lui (che ovviamente negherà). Certe volte rimpiango che non sia stato un tradimento fisico e basta. C’è molta più vergogna nell’esporre certe dinamiche malsane e perverse dell’intimità. In fondo loro sanno che, per tanti motivi, una sta zitta. Quando scoppia -grande Bianca- il risultato è coinvolgere varie persone, tutte quelle che si sono trovate sulla traiettoria. Comunque c’è anche un lato camaleontico..perché sapendo che una potrebbe sbottare, tentano prima la carta accattivante, pietosa, , gaslighting, rabbiosa. Lo schema, ormai, è chiaro. Reduce dalla conversazione di ieri dove praticamente ha rigirato tutto su di me, che “resto nel passato”. Ho iniziato a non cancellare i messaggi. E non gli reggo più il gioco del “c’eravamo lasciati perché c’era qualche piccola differenza”.

      "Mi piace"

      1. Il mio secondo np pur di dare una “buona impressione” di sè è arrivato addirittura a scriversi da solo delle recensioni lavorative positive su linkedin. Ho capito che erano sue perchè era scritte con il suo stesso identico stile di scrittura :).
        Sono penosi nella loro continua ricerca di apparire persone di specchiata moralità e professionalità.

        Piace a 1 persona

  8. ..dai..forse di tante che ne combinano, quella della “autopromozione”..è forse quella più accettabile (tipo CV gonfiato). Ma hai toccato il tema giusto..professionalità (che però è vero che se si mettono in testa di essere i migliori, possono esserlo perché non guardano in faccia a nessuno, non c’è etica, loro “sono” competizione)…moralità. Qui per me è davvero un casino..o sto zitta (e l’unica attività fatta per questo gruppo, l’ho fatta lo scorso w.e. con ansia addosso), o via, o espongo il perché, per me, lui non è adatto a trattare certi temi.

    "Mi piace"

    1. Cara Eva ti consiglierei di non fare nulla in quanto come ben sappiamo sono terribilmente vendicativi e sono capaci di renderti la vita un inferno specie se ci lavori insieme…certo loro purtroppo sanno vendersi benissimo nei vari ambiti, solo chi li conosce intimamente sa bene di che pasta sono fatti. Comunque è verissimo che non riescono a mascherarsi troppo a lungo nemmeno in ambito lavorativo, prima o poi la loro recita viene fuori comunque. Solo chi riescono a manipolare non se ne accorge.

      "Mi piace"

  9. Confermo che prima o poi la recita finisce a stare sempre sullo stesso palco per tanti anni, non ci riescono, devono creare casini tra i colleghi… E la maschera cade inesorabilmente. Arriva da noi una nuova collega in ufficio cinquantenne… Io mi ci affeziono subito tanto da uscirci per un aperitivo. Le faccio una critica e li scoppia il caos… Quindi :risposte tipo gnegnegne bambina viziata
    Richieste impossibili sul lavoro
    Io sono bella brava e buona e nessuno mi capisce
    Nessuno mi fa complimenti
    Gossip tra colleghi in ufficio di fronte a me che manco la cagavo e poi mi riportavano tutto
    A ferie decise sul calendario con tutti i colleghi lei si licenzia… Cancellazione di tutti i nostri numeri e su fb post “prima o poi le maschere cadono”… Solo con una persona è rimasta in contatto, naturalmente solo per diffamare. Il marito? Un povero uomo col cervello spappolato. Ora sappiamo che anche nel nuovo ufficio ha litigato con il responsabile e cerca un nuovo lavoro..perché la tizia si è fiondata su di me?Perché attiro alieni? PERCHÉ?
    Auguro una buona notte a tutti voi

    Piace a 1 persona

    1. Lalla…gli alieni 🙂 questo termine l’ho già sentito.. Sul lavoro sono deleteri quanto nel privato. In passato ho avuto una boss così, per fortuna era spesso fuori ufficio per missioni. Perché li attiri tu…booh ..ci sono quelli che hanno un certo fascino, che in realtà se una stesse più attenta -a pelle- si sente che qualcosa di stonato c’è. Però, soprattutto se è una conoscenza nuova o non ci si fa caso, o neanche lo si ritiene importante. Quello che so è ora il caos che si è creato, il non poter fare certe attività e andare a certi eventi, le sue “concessioni”, tipo che ad un evento dove è andato lui e io evitato di andare per mettere altri in imbarazzo, non è stato alle sue aspettative quindi al prossimo posso andare io….insomma inizia ad assumere la forma di mobbing e lui non è uno dei capi. Ho provato a ricordargli che queste sue “concessioni”, che dovrei apprezzare…hanno un limite chiamato regolamento. Sa che non arriverei a tirare tutto fuori perché dovrei tirare fuori dettagli di vita intima con persone che conosciamo. Cosa che però sono anche disposta a fare se lo vedo superare alcuni limiti.

      "Mi piace"

      1. *Spirito…questo era per rispondere anche a te. Evito, ma se lo vedo oltrepassare dei limiti, questa volta segnalo e basta.

        "Mi piace"

  10. Scusate ma nell’articolo ” Smascherare soggetti affetti da psicopatia, una fantasia ricorrente nelle prede” c’e’ un pezzo che è esattamente uguale alla testimonianza di Bianca. Si tratta della stessa persona?

    "Mi piace"

    1. Se è nei commenti è lo stesso. È importante il format articolo perché molte persone non leggono i commenti e quindi trovo importante porre accento sulle testimonianze più cruciali alla comprensione di questo tipo di personalità.

      "Mi piace"

      1. Si Claudileia ma non ho ben capito se é una testimonianza originale o una trasposizione “arricchita”…comunque alla fine basta che passi il concetto! Era solo per un fatto di chiarezza. Un abbraccio

        "Mi piace"

      2. Quell’articolo è mio, non si tratta di traduzione. In lui riporto il commento di Bianca che era qui sul blog. Dopodiché ho invitato i miei lettori a inviarmi per e-mail le loro testimonianze, anche ripristinando quelle “disperse” nei troppi commenti al fine di dare la massima visibilità.

        "Mi piace"

      3. Figurati. Ci sono oltre 6.000 commenti sul blog. Alcuni lettori hanno scritto una sola volta e mi piacerebbe sapere ora come stanno, dopo circa 2 o 4 anni di contatto zero. Credo sarebbe importante per molti comprendere che le ricadute fanno parte del processo di guarigione e che alla fine si vince la battaglia contro la schiavitù psicologica che questo tipo di personalità provoca in persone assolutamente sane.

        "Mi piace"

      4. Sono d’accordo, le ricadute fanno parte del processo, ne parlavo proprio in questi giorni con Oliver, credo che ciascuno di noi abbia avuto la necessità di sbatterci la testa più volte prima di convincersi a fondo. Io personalmente trovo che sia persino necessario talvolta perché anche se gli altri ti dicono che non c’è possibilità, anche se leggi mille articoli che confermano questo, é necessario essere convinti e non avere più dubbi. Solo allora il no contact può avere effetto.
        Finché c’è un barlume di speranza, attaccamento, dipendenza qualsiasi tentativo di distacco, compreso il blocco totale, non ha effetto.
        Io come sai ci ho messo tra anni a convincermi che non c’erano speranze con il primo np, con il secondo ci sto ancora lavorando e confermo che non sia semplice, nonostante una maggiore consapevolezza.
        È importante non colpevolizzarsi ma rialzarsi dopo ogni caduta, continuare a studiare, confrontarsi e credere che se ne possa uscire.
        Un grosso abbraccio

        "Mi piace"

    1. Ciao Spirito si ho visto anche io… In più np che si è fatto fare intervento per non avere figli e chiederli a lei… Se ci pensi è quasi un bene, almeno non procrea… Notte!

      "Mi piace"

      1. Era troppo bello per essere vero…la sputtanata con tutte le le altre donne…in effetti…. 😅😅

        "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...