Il frasario di Ale sulla strada del ricupero post abuso narcisistico

Amo me stessa. 
Amo la vita che mi circonda.
Amo trattarmi bene.
Amo le persone che hanno la fortuna di avermi accanto e lo comprendono.
Amo ciò per cui vivo, i miei hobby, le mie passioni, il mio lavoro.
Amo mettermi sempre in discussione, evolvermi, essere in continuo cambiamento perenne.
Amo che il tempo passi velocemente di modo che io sia più lontana dal mio passato.
Amo essere felice e lontana da chi mi ha fatto male.
Amo la consapevolezza di essere al sicuro. 

QUELLA CHE DICEVA…

Dopo mio padre vieni tu per me – non c’è più.

Io mi sono concessa solo a te e non sarò mai più di nessuno – crescendo, ha cambiato idea.

Con te ho vissuto l’amore eterno – ha compreso che di “eterno” c’è solo l’amore che proviamo per noi stessi e che se siamo bravi abbastanza da volerci bene sarà un amore che ci accompagnerà fino all’ultimo respiro.

Se mi hai tradito ti perdono… non fa nulla, io ti perdono sempre… ha capito che il perdono è una cosa seria, un regalo che dobbiamo concedere a noi stessi per quei tempi bui in cui dicevamo cose che credevamo fossero dettate da un cuore e da un anima che non conoscevamo abbastanza.

22 pensieri su “Il frasario di Ale sulla strada del ricupero post abuso narcisistico

  1. grazie mille Claudileia per avermi dato questa grandissima ennesima possibilità di poter dare un piccolo ma grande contributo penso da parte mia su questo meraviglioso spazio che chiamiamo blog ma che è un oasi verde per le anime in piena fase di recupero. grazie e ancora grazie. un abbraccio carissima, hai fatto come sempre un lavoro egregio, e ci tenevo a fartelo sapere. quelle frasi le ho pronunciate davvero, da ragazza, quindici anni fa, in piena sindrome di stoccolma, fra gli ormoni dell ossitocina e dopamina che mi provocava nel cervello il mio ex np maligno. un saluto grande da parte mia a tutte le meravigliose persone che leggono e fanno parte del blog: Gianni, Oliver, Swa, Spirito Libero, Patrizia, Melisenda, Lucia Bennet, ecc….se ho dimenticato qualcuno chiedo scusa, chi vuole commentare lo ringrazio, e Claudileia se posso ancora contribuire nel blog lo farò sicuramente sarà mia premura non esitare a chiedere.

    Piace a 1 persona

  2. non finirò mai di ringraziarti infinitamente mia cara Claudileia per questa grande opportunità che mi hai riservato. ovvio che sei una grande donna che stimo moltissimo e ammiro come persona. vorrei che le mie testimonianze fossero da monito per chi come me si è trovata in ampia difficoltà in passato, ma voglio dare la speranza con il mio piccolo contributo qui sul blog che insieme se ne puo uscire e si deve. ad oggi Ale è un altra persona. con desideri totalmente differenti e che cerca persone diverse. poiche grazie alla consapevolezza ne sono venuta fuori. l ignoranza e brutta. bisogna leggere, scoprire, imparare ogni giorno dalla vita. si puo rinascere io ne sono l esempio vivente. quella luce bellissima che abbiamo dentro nessuno mai ce la puo levare, state tranquilli. anche se adesso siete a pezzi e non ci credete, dovete alzarvi, ricostruirvi. un giorno ne riderete credetemi. lo vedrete/a con altri occhi. non era cio che sembrava. forza e coraggio. a me ha aiutato tantissimo leggere tutti gli articoli di questo prezioso blog e non solo, tutti i commenti preziosi di Claudileia. ma anche tutti voi miei cari, ognuno di voi lo porto nel cuore. nessuno ci puo restituire gli anni piu belli della nostra vita è vero, ma un futuro nuovo e tutto da scrivere ci aspetta, come un libro bianco da riempire, suvvia, fatevi forza

    "Mi piace"

    1. Ricomincio.
      Intanto volevo dirvi che vi leggo sempre e quando non riesco salvo gli articoli .ormai li ho tutti in una cartella così li tengo da.parte. altra cosa concordo.con Ale grazie sempre a Claudeleia che mai finirò di ringraziare insieme a tutte voi che siete state con me come sorelle . Molte di voi vedo che sono ancora sul blog altre non le vedo più. Per me questa e casa. Perche la casa è il posto dove ti senti al sicuro e con voi io mi sono sentita accolta e al sicuro. Penso che mai potrò andare via.magari non partecipo come prima ma vi leggo sempre. Se devo dire come mi sento adesso rispecchio esattamente le parole iniziali di questa testimonianza di Ale. Mi sento forte ,sicura e come nella descrizione di Ale . Credo fermamente e lo dirò a vita che 90 per cento di lavoro lo ha fatto il no contact.senza di esso nulla si può attuare. Sono fermamente convinta di essere sempre una persona a rischio proprio perché alcune mie profonde ferite sono ancora radicate ..e mi ha stupito fortemente una cosa: per quasi 2 anni sono stata completamente disinteressata dall amore…nulla pensavo di essere come morta non mi interessava nessuno.mi chiedevo se era normale ,eppure lavoro in un mondo maschile. Mi sentivo come a fona …sorda,di sentimenti …io che sono sempre stata innamorata dell amore ,che l innamoramento mi rendeva viva ,felice,adrenalinica…questo non esisteva più….sono felice delle piccole cose e volevo solo degli amici e amiche da conoscere e condividere uscite,gite,cinema e scoperta del mondo. Ho formato un gruppo e abbiamo fatto anche quello. Non è facile valutare gli interessi di chi vuole entrare a far parte di un gruppo di amici ma credo che le armi di chi ha passato ciò che abbiamo passato noi ,siano armi sofisticate e ben collaudate. Qualche giorno fa ho visto che esisteva un essere umano maschile ,un collega che conoscevo già ma non vedevo proprio. Ho capito da questo che primo ero ancora viva ,e vedevo…vedevo con interesse..e poi che potevo subire un piccolo turbamento emotivo. Ma alt! Lui bravissima persona ma uno di quelli che ha un passato da Sciupafemmine,e forse ancora un presente. Mi emoziono un po quando lo vedo non riesco a essere razionale ma so che sarebbe un danno e quindi stop alle fantasie,pensiero romantico ecc ecc e via alla razionalità. Certo e brutto dirlo sembra che io fuggo. .ma e così fuggo al primo dubbio. .sbagliato o no ,non dimentico che sarò sempre una persona a rischio anche se con una enorme consapevolezza.. e quindi? Poco contattato.. direi ..se non necessario..per lavoro.saluto tutte e abbraccio forte,forte la nostra Claudeleia. P.s. la fibromialgia va molto meglio anche se sempre presente. Vi voglio bene ciao a tutte

      "Mi piace"

      1. Che gioia rileggerti Mirna!
        Ogni parola che hai scritto è proprio bella e rotonda… come una mela 🙂 e trasferisce proprio l’idea che tu stia bene, e sai bene la felicità che proviamo quando ci leggiamo libere.
        A tale proposito, condivido in pieno la sensazione di non potersi fidare; abbiamo affinato l’olfatto e l’odore dei guai lo sentiamo anche quando non c’è. In tutta sincerità, preferisco assecondare il mio istinto piuttosto che forzare le cose, non me la sento di inseguire nessuno e nemmeno di interpretare i pensieri di una possibile nuova conoscenza. Non so dove mi porterà questo atteggiamento, ma dal fronte io non sono ancora tornata.
        Resta il fatto, molto bello, che non siamo morte, che abbiamo desideri e che ci è tornata la voce…
        Ti voglio bene

        "Mi piace"

      2. Grazie cara Speranza …grazie di cuore ..condivido in pieno…ci sono persone che possono permettersi di rischiare …altre un po meno . Noi apparteniamo alla seconda categoria. Per carità l amore e bello,i sentimenti ,la passione il batticuore. Ma per noi hanno avuto un prezzo altissimo. Chiamatemi fifona,chiamatemi codarda…ma io so chi.sono e so quanto rischio…questo e quello che vale. Lo so che così mi precludo molte possibilità ma…in linea di massima ce un po come un rifiuto istintivo ..e quando provo anche un briciolo di interesse per qualcuno faccio questa considerazione . Pero preferisco dormire la notte, essere serena ,che farmi invadere da pensieri che rischiano di essere pericolosi. Credo che chi abbia vissuto la nostra esperienza sia sempre una persona empatica,sognatrice,che ha un intensa ferita da sanare…ecco questo aspetto non si cancella con una spugna. Di colpo non si diventa razionali,fredde distaccate e per fortuna gli n.p. non ci hanno contagiato..ma …questo nostro modo di essere e di amare…inevitabilmente ci fa essere delle persone a rischio più di altre…almeno io la penso così…

        "Mi piace"

      3. Mirna, non so nemmeno io se tutto ciò è giusto, ma – come te – sono fifona, mettiamola così, e quanto provato ce l’ho ogni giorno sotto gli occhi (con np che vive bello e felice di fronte alla mia casa) e non ne sento la mancanza.
        Ci vorrà del tempo o forse non basterà nemmeno quello, ma io quello stato di follia non lo voglio mai più provare. Preferisco le piccole cose, semplici, come stamattina il caffè e la decisione che lavorerò da casa, andrò a fare ginnastica a metà mattina e, tra una pausa e l’altra, mi godrò la tranquillità di casa.
        Buona settimana

        Piace a 1 persona

      4. Slow life… è uno stile di vita che quando ci possiamo permettere può salvarci la vita. Oggi vivo così, oltre i bambini e la famiglia ci sono io e le mie “necessità basiche” che oggi includono prepararmi un’insalata colorata e mangiarla con calma, in silenzio, godendomi i miei sprazzi di sacra solitudine. Abbiamo tutti bisogno di questo per ossigenare la mente. I pensieri intrusivi vengono allontanati da questi semplici gesti quotidiani che esigono concentrazione… Un abbraccio grande a te!

        Piace a 1 persona

      5. Ricambio l’abbraccio Claudileia e concordo con te sul diritto (avevo scritto necessità, ma poi l’ho corretto!) di avere cura di sé, di circondarsi di silenzio (nella misura in cui è ciò che desidero), di investire tempo reale per se stessi. Certo, non si produce fatturato, ma sistemare tante piccole cose nella vita di ogni giorno, fare una spesa decente e non solo una “rapina per non morire di fame”, camminare per strada anziché marciare come se ci inseguisse il diavolo…, tutto questo, alla fine della giornata produce semplicemente soddisfazione, il miglior cemento contro i pensieri intrusivi.
        Buona insalata 🥗 a colori!

        Piace a 2 people

      6. Si Claudeleia concordo in quello che hai detto ma sconfiggere i nostri che abbiamo dentro e forse l ostacolo più forte da superare e fare in modo che certe dinamiche non si ripetano e che la.visione delle cose possa essere più serena. Ecco quello e il punto piu alto della serenità trovare l equilibrio nel modo di amare ,crearsi una forza che nessuno può scalfire . Perche la paura è sempre dietro l angolo….

        "Mi piace"

      7. Cara Mirna, penso che cervello e cuore possano essere intrecciati quando viviamo una relazione sana. A quel punto il famigerato batticuore diventa qualcosa di trascurabile rispetto a tutto ciò che abbiamo da guadagnare con la sola accettazione del nostro modo di essere: equilibrato e in pace con noi stesse. Concordo con te che i nostri vissuti non potranno mai essere cancellati e che non sarebbe nemmeno sano farlo, giacché questo bloccherebbe la nostra personale crescita. Il punto è che quella ferita può essere cicatrizzata con tanto di amor proprio, questo amore che abbiamo la responsabilità di aver trascurato e delegato a qualcun’altro. Uomini equilibrati e sani si trovano – se proprio vogliamo vivere una relazione – ma quando siamo troppo condizionate non abbiamo occhi per loro e questo non solo significa una vittoria per coloro che ci hanno voluto isolate, ma anche un’ingiustizia che va ad intaccare la nostra capacità di donarci, di accogliere e di vivere una relazione sana.

        Piace a 1 persona

    2. Ale, bisognerebbe stampare questo tuo post e farci un bel quadro.
      Sei una vera guerriera e alla fine hai vinto con la forza della tua autenticità e bontà.
      Ti abbraccio

      "Mi piace"

  3. Un altra cosa…e che davvero Ale hai ragione …io mi sento un altra persona…ogni volta da un dolore ce una rinascita, un evoluzione, un immenso cambiamento,almeno per me e stato così…ricordo due Mirna e quando le penso le penso con ricordo ma non mi rivedo più in loro…questa Mirna non e quella di 10 anni fa e nemmeno di 2 anni fa . Mi chiedo come possibile ma e così. E l evoluzione della mente…

    "Mi piace"

    1. Carissima Mirna, sono contenta di rileggerti. Se stata tra le prime persone che mi hanno accolta a aiutata sul blog e te ne sarò sempre grata.
      Ho letto di questa nuova conoscenza maschile. Voglio dirti che è normalissimo le difese molto alzate dopo certi traumi, nel senso che dopo averli elaborati (e sappiamo quanto tempo ci vuole) non vogliamo proprio più che qualcosa del genere ci accada di nuovo.
      Intanto io direi che va bene che provi di nuovo interesse, attrazione per qualcuno, E’ già un primo passo. Il mio consiglio è di non negarti a priori una conoscenza ma di procedere pian piano e vedere come va…sicuramente ora sei vaccinata e in caso di persona tossica, saprai prenderne prontamente le distanze.
      Io da due mesi e mezzo sono in contatto con una persona che, sebbene viva lontana, è presente nel quotidiano e questa cosa per me è bellissima ma allo stesso tempo anche io ho ancora moltissime paure da superare, in fondo sono passati solo 5 mesi dalla chiusura con il secondo Np…sarò pronta a vivere una relazione senza farmi influenzare negativamente dal passato?
      C’è da dire che, narcisisti o no, noi non possiamo mai sapere come andrà una conoscenza…anche quelle che iniziano bene possono finire, semplicemente perchè la vita è così: le storie iniziano, le storie finiscono.
      Tuttavia mi sono detta che sarebbe stato un peccato non esplorare la possibilità offerta da questa nuova conoscenza, quindi ho accettato di rimettermi in gioco, e sono contenta di averlo fatto nonostante le paure che ancora ho, ma l’importante è provarci facendo il proprio meglio…il tempo dirà.
      Ciò che conta al di là di tutto è che nel percorso vi sia rispetto, stima e onestà reciproca.
      Io ti auguro questo: di conoscere qualcuno che ti rispetti e sappia valorizzare la persona che sei, te lo meriti, ce lo meritiamo tutte.
      Ti abbraccio forte

      "Mi piace"

      1. Grazie mille Spirito libero….si hai ragione e vero ..e che certe volte mi sembra che da libera con la testa libera sia la migliore condizione per me. Invece il pensiero di qualcuno innesca in me si sentimenti do gioia ma anche di ansia,tormento ,insicurezze,paure…e questo mi toglie sempre energie…forse non sono fatta per i legami,non so amare ,mah…puo darsi…sta di fatto che ho poca fiducia ,vivo una relazione sempre con delle ferite ataviche…e la più grande di tutte e la paura dell abbandono . Certo se mi vedessi. Non me ne faccio accorgere minimamente …ma poi come noi sappiamo un bravo essere anche solo con tratti narcisistici marcati subodora….la nostra ferita …e questo e pericoloso secondo me. Quindi aprirsi si ma con grande cautela per me….io che poi non do mentire più di tanto e poi quello che si vuole veramente da una persona e la possibilità di lasciarsi andare e di farsi vedere per ciò che si e veramente. Ma il rischio e grande. Sono contenta per te spirito ho letto i tuoi post e so che np2 e gia nel passato…ecco quello che volevo spiegarti e proprio quello …in un certo senso noi siamo le migliori prede per questi esseri e ne veniamo attratte anche a volte involontariamente …per questo so i rischi che io posso correre. E ce ne sono spirito ce ne sono tanti,credimi ,molti più di quanto pensiamo. Brava spirito sono contenta per il cammino che anche tu hai fatto. Ti ricordi 2 anni fa??? Beh ora guarda! ..un abbraccio 😚

        "Mi piace"

      2. Cara Mirna,
        eccome se ne abbiamo fatta di strada….ricordo ancora il mio primo commento qui: ottobre 2018, ero in no contact da 9 mesi con il primo Np e nel pieno della relazione con il secondo, anche se ne parlavo al passato perché mi vergognavo tanto ad ammetterlo….
        Per me questo posto è stato fondamentale per chiarirmi ogni dubbio residuo sulla natura patologica ed irreversibile del DNP e per darmi il coraggio di chiudere anche la seconda relazione…e come ciliegina sulla torta ho conosciuto persone bellissime, iniziato nuoce amicizie… insomma, mi ha fatto veramente svoltare pagina.
        Guarda, ti capisco benissimo perché anche io in realtà mi sentivo abbastanza bene da sola….voglio dire, potersi alzare la mattina senza angosce relazionali di qualunque tipo non ha prezzo.
        Diciamo che ho voluto accogliere questa nuova conoscemza con l’idea di iniziare un percorso, senza pormi obbiettivi troppo grossi ma cercando di mostrarmi per come sono.
        Anche io so di avere la ferita dell’abbandono, infatti mi è capitato di andare in crisi perché magari un giorno era via e non ci siamo sentiti…e li ho capito che quella ferita c’è ancora (forse ci sarà sempre) e non posso nasconderla, che la serenità e la fiducia sono veramente cose che aumentano nel tempo e non si può pensare che tutto scorra in modo lineare, siamo esseri complessi e ciascuno ha le sue zone d’ombra….
        Mi sono detta che devo mantenermi positiva e che il tempo mi dirà se è una conoscenza valida o meno…ovviamente spero di si, ma accetto anche che possa essere il contrario, di una cosa però sono certa: non arriverò mai più ad accettare compromessi svalutarti solo per avere qualcuno accanto.
        Secondo me era vero per il passato che attiravamo/ci attraevano persone tossiche….oggi credo che abbiamo sviluppato un sesto senso che ci permette di fiutare il pericolo, e comunque di fronte a comportamenti di un certo tipo sapremo prenderne le distanze.
        Un abbraccio cara….facci sapere come procede ❤️😘

        Piace a 1 persona

  4. Cara Ale ti auguro un cammino felice e sereno, hai ricostruito te stessa e forse hai scoperto tante qualità e sfaccettature che non aspettavano altro di manifestarsi.
    Mi piace quando dici..che lontano da loro c è il benessere.E ‘ così! Essere manipolati per i fini più svariati, ti schiavizza.
    Ti porta alla depressione, alla follia.
    Erisione identitaria…già il nome mette i brividi.
    Bisogna elaborare un lutto,la nostra morte simbolica.Poi saremo più forti, consapevoli .Un caro abbraccio e grazie di aver condiviso queste belle parole

    "Mi piace"

  5. Cara Ale questo tue contributo bellissimo è di ispirazione per tanti di noi per guardare al futuro con fiducia e speranza. Se ci sei riuscita tu, che hai tanto sofferto conoscendo Np che eri poco più che bambina ce la può fare chiunque…brava , bravissima, sei super forte e ti abbraccio tanto, sempre avanti cara.

    "Mi piace"

  6. grazie mille delle bellissime parole mia cara Spirito Libero, sono molto di incoraggiamento per me. ti stimo e ti ammiro moltissimo, sei una gran bella persona piena di belle qualità. ognuno di noi ha tanto da insegnare. Claudileia ce ne da la possibilità, sfruttiamo questo confronto e condividiamo questo spazio fra di noi. un caro saluto e buona serata. concordo sul fatto che diceva Mirna, che leggo sempre e mi scuso per non averla citata sopra, che anchio non riesco a lasciare questo posto, leggo e rileggo tutti gli articoli per me è una nuova rinascita e un nuovo inizio

    Piace a 2 people

  7. Ciao Ale.
    Voglio anch’io portarti il mio abbbraccio di stima, di incoraggiamento, e di presenza al tuo fianco.
    Tu sei stata colpita da dentro la tua stessa famiglia, e non appena hai messo il naso fuori di casa per scoprire com’era il mondo, hai incontrato un personaggio se possibile peggiore.
    Sei stata tirata su “a pane ed acqua”, da tutti coloro che avrebbero dovuto invece portarti a sperimentare tutti gli infiniti meravigliosi sapori che la vita e le relazioni tra le persone ci possono offrire.
    Per uscire da tutto questo, dovevi andare all’essenziale.
    Pochi punti, ma da scolpire nella pietra, e che fossero le basi su cui costruire tutto un altro tipo di esistenza.
    Hai presente i free climbers ?
    Praticano uno sport estremo: si arrampicano a mani nude sulle pareti rocciose delle montagne.
    Spesso queste pareti sono proprio verticali, e gli appigli cui si aggrappano con tutte le forze con le loro robuste dita sono davvero pochi.
    Dietro, il vuoto. Il precipizio senza speranza di sopravvivenza.

    Ecco, io Ale ti vedo così.
    Attaccata con le punte dei piedi e delle dita a una parete verticale e scivolosa, hai dovuto concentrarti su pochi ma fondamentali punti ed aggrapparti a quelli, prima solo per riuscire a non cadere, poi anche per riuscire a risalire verso l’alto, spostando con attenzione una gamba alla volta, un braccio alla volta.
    Vedo anche molto bene il terreno pianeggiante che ti aspetta in cima a questa parete, ormai ti mancano solo un paio di passaggi e sarai giunta là.
    Non più roccia verticale fredda e scivolosa, ma terra pianeggiante e fertile, erba, fiori, e poi boschi da esplorare ed animali, e nuove persone da incontrare.
    Passeggerai, anzichè restare aggrappata.
    Potrai persino sdraiarti per riposare.
    Sono davvero felice per te.

    Grazie Ale, la tua testimonianza racconta a tutti noi che ce la si può fare a liberarsi dalle persone tossiche e dai loro condizionamenti, anche se quel mondo sembra invincibile ed è l’unico che conosciamo da sempre.

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...