Narcisismo, Facebook & Telefonini – Si salvi chi può!

Fonte: http://www.thenarcissisticpersonality.com/narcissists-and-facebook/
Trad. C. Lemes Dias
_________________________________________________–

Chissà come i narcisisti e i sociopatici lavoravano diabolicamente sulle loro “cose” prima dell’invenzione dei telefoni cellulari, di Facebook e di altre forme di social media?

Per quelli di noi che hanno avuto un rapporto con un narcisista – nel mio caso per 13 o più anni! – credo di non sbagliarmi se dico che loro, senza i giocattoli di ora, erano molto più mansueti e molto più cauti con pochi strumenti e strategie di manipolazione a disposizione. Allora, semplicemente, non era così facile per un narcisista fare il narcisista, perché per essere il miglior narcisista di sempre devono avere certe arme a disposizione, mentre a quei tempi ce n’erano poche.

I narcisisti non hanno l’energia per fare i narcisisti solo contando con la forza del proprio cervello; devono avere buoni strumenti da plasmare e trasformare in “arme di distruzione di massa”, cioè, in ulteriori opzioni per renderci pazzi. Quando la tecnologia non era tanto avanzata, ovviamente, un narcisista non sapeva cosa gli mancasse, ma possiamo scommettere che sapeva di mancargli “qualcosa”.

Vivere in una società che è fondamentalmente guidata dall’amore e dall’emozione e non avere altri modi per fingere di avere uno dei due deve essere stata davvero dura per loro! A quel tempo, le vittime, anche se erano ugualmente scioccate dagli strani comportamenti passivi – aggressivi di queste persone, pensavano semplicemente fossero solo un po’ più “stronzi” degli altri.

Ma poi è arrivato il cellulare e, subito dopo, i social media, dando al mondo del narcisismo e della sociopatia una spinta esplosiva che tuttora va fortissima. Sì, il narcisismo si è evoluto insieme alla tecnologia a un ritmo vertiginoso e, mentre i narcisisti del mondo credevano di essere morti e ritrovarsi in Paradiso, le persone che osavano amarli hanno avuto la certezza di essere state catapultate nell’Inferno sulla terra.

Narcisisti & Telefonini

I narcisisti usano i telefoni cellulari per farvi del male giocando continuamente a quello che chiamo “Il gioco del telefono cellulare”.

Si tratta di un gioco che, in poche parole, comporta qualsiasi stratagemma narcisistico che ruoti intorno all’uso del cellulare con l’obiettivo chiaro di generare ansia nei loro partner. In altre parole, se saresti disposti a dare qualsiasi cosa (e intendo qualsiasi cosa) per avere soltanto un’ora da soli, chiusi a chiave con il cellulare del vostro ragazzo (o della vostra ragazza) per sbirciare con chi misteriosamente parlano, allora sono sicura al 100% che siete una delle vittime del gioco del cellulare.

Ad esempio, un narcisista utilizzerà il suo telefono come uno strumento per fare esplodere l’ansia in voi durante alcune fasi del trattamento del silenzio.

In primo luogo e, com’è loro consuetudine, senza alcun preavviso e inaspettatamente:

FASE 1: smetteranno di rispondere al telefonino e POI,

FASE 2: useranno il telefono in una varietà di modi per propagare il caos e farvi impazzire, cosicché:

a) iniziate a chiamare il loro numero per scoprire cosa succede, ma lasceranno deliberatamente suonare a vuoto fino a dirottare la vostra chiamata alla segreteria telefonica, a volte per settimane;

b) cominciate ad inviare freneticamente sms che non vengono mai risposti;

c) lasceranno che la segreteria si riempia per farvi capire che non stanno nemmeno ascoltando i vostri messaggi;

d) vi bloccano, tanto dal ricevimento delle chiamate quanto dai messaggi di testo;

e) cambiano il numero di telefono (l’ultimo rifiuto, il favorito del mio ex!);

f) comprano un nuovo telefono con un nuovo numero (lo scoprirete quando ritorneranno);

g) dopo un lungo silenzio, improvvisamente cominciano a farvi degli squilli, magari solo uno o due brevi squilli, senza lasciare messaggi – il telefono poi non sarà raggiungibile quando richiamerete – fanno sempre così;

h) cambiano il messaggio vocale in segreteria con qualcosa che gli fanno sembrare single;

i) spengono il telefono in modo che vada dritto alla segreteria per sempre, o;

j) lasciano che i loro minuti si esauriscano in modo che non sappiate nemmeno se hanno un telefono oppure no.

E anche quando voi due sarete tecnicamente “insieme”, il narcisista può far uso del suo telefono per tormentarvi a dismisura:

a) facendo il misterioso per quanto riguarda il suo contenuto, ma agendo come se qualsiasi cosa ci fosse dentro non costituisse un grosso problema (siete voi che delirate!);

b) impazzendo ogni volta che vi avvicinate dal suo apparecchio;

c) apparentemente lasciandolo da qualche altra parte ogni volta che verranno a casa vostra;

d) apparentemente tranquilli sul fatto che, quando sono con voi, il loro telefono è misteriosamente silenzioso, e

e) arrabbiandosi a morte quando chiedete come mai!

Il loro cellulare diventa lo strumento perfetto per creare una negazione plausibile e, quindi, uno dei modi più efficaci per gestire le vostre aspettative sulla relazione.

E, infine, il narcisista userà gli sms come il suo mezzo preferito per fare hoovering oppure come il suo modo preferito per accusarvi di qualcosa di ridicolo quando meno ve lo aspettate.

Quando si tratta di creare stratagemmi narcisistici e tattiche da adoperare usando un cellulare, il cielo è il limite per queste persone!

Narcisisti & Facebook

A giudicare dal volume di lettere e commenti che ricevo, considerando i dettagliati scenari di comportamenti narcisistici che coinvolgono Facebook, mi è chiaro che questa particolare forma di social media è diventata l’ultimo campo da gioco narcisistico e la loro arma preferita.

Facebook è per un narcisista come un campo da baseball per un giocatore di baseball, una pista di pattinaggio su ghiaccio per un giocatore di hockey o un campo da pallacanestro per una stella del NBA. Facebook è la sala di attesa dei narcisisti e sociopatici. È un posto in cui possono brillare e far brillare le persone prescelte.

Un narcisista, tra le altre cose, troverà il suo target di vittime da bersagliare via Facebook (oppure si farà trovare da qualche parte, di modo che i potenziali bersagli possano venire a cercarlo). Può usarlo per destreggiarsi tra più relazioni semplicemente bloccando e sbloccando certe vittime in determinati momenti, idealizzando, svalutando e persino scartando le sue vittime via Facebook, creando campagne diffamatorie contro le vittime per farsi belli e postando deliberatamente le foto del loro nuovo bersaglio mentre professano il loro “amore” per questa persona, solo pochi giorni dopo essere strisciati fuori dal letto delle “fidanzate” (o fidanzati) per non fare più ritorno.

Facebook non è il posto adatto per voi se siete seriamente intenzionati a non mantenere alcun contatto. Infatti, bloccare l’ex tramite telefono, sms, e-mail e altre vie dei social media, ma continuare a controllare la sua vita tramite Facebook, significa non interrompere nessun contatto, anche quando non avete cercato alcun approccio. Il contatto zero riguarda voi – non i narcisisti – e, quindi, è imperativo che capiate l’inutilità dello stalking attraverso i social media. Fare questo non fa altro che aggravare l’ansia che state già provando. Alcuni mi diranno che non riescono a smettere ed aiutarsi, ma sappiamo tutti che non è vero perché la verità è che abbiamo sempre avuto il potere di interrompere il ciclo di abusi. Vi sto dicendo che avete sempre avuto questo potere, credete nelle vostre capacità!

Cercate di capire che NIENTE – e intendo NIENTE – nei narcisisti è mai casuale. Nulla! Quindi, quando vi buttano (o li scaricate) e si mostrano su Facebook vantandosi di una nuova preda e agendo da innamorati persi, si tratta di un atto deliberato, di una strategia per ferirvi.

Dimentichiamo che il/la narcisista ci conosce, così come noi lo/la conosciamo. Dopotutto, è probabile che ci conoscano anche meglio (perché è stato il loro lavoro, senz’altro). Sanno, quindi, che alla fine saranno controllati da voi sui social media, perché conoscono le vostre abitudini e sanno che lo farete. Per questo andranno sul sicuro quando metteranno qualcosa che genera in voi una grossa scossa di ansia – oramai molto familiare – quando guarderete il loro profilo.

Non controllate a qualsiasi momento un ex sui social media ma, soprattutto, durante il primo anno di assenza di contatti o di rottura, perché il vostro cambio di umore sarà immediato, anche se pensate di poterlo gestire.

Sono passati quasi due anni per me e ancora non mi sembra il caso di farlo.

Il successo del contatto zero e del recupero complessivo dipende esclusivamente dalle vostre intenzioni. Una volta che avete effettivamente bloccato il loro numero (quindi, non possono più chiamarvi o inviare dei messaggi) e bloccati su Facebook e su tutti i social media in cui avete un profilo, il sollievo arriverà. È un sollievo che deriva dal non dover mai più aspettarvi nulla da queste persone: mai più aspettare una chiamata e stressarvi per non essere riusciti a risponderla; mai più aspettare un sms e controllare ogni cinque minuti il telefonino; non dover più controllare l’ID delle chiamate anonime nel cuore della notte; BASTA aprire la posta elettronica e i social media per ritrovare un messaggio terribile o da follemente innamorati (fasullo, solo per riagganciarvi ancora una volta).

Senza dover attendere niente, mordersi la propria coda e ruminare ancora, avrete così tanto tempo per essere voi stessi da non saper nemmeno da dove cominciare.

E sarete in grado di fare tutto ciò che volete e quando lo volete.

Sarete liberi per iniziare un viaggio verso una direzione che, da quel momento poi, toccherà esclusivamente a voi.

 

6 pensieri su “Narcisismo, Facebook & Telefonini – Si salvi chi può!

  1. Direi che un tempo c’erano , donne in cinta, bambini abbandonati , non c’è tecnologia e innovazione per la malvagità.
    Penso a un Film come La strada di Federico Fellini o a Una giornata particolare , alla figura del marito della Loren, oppure La casa degli spiriti .
    Certo in un’epoca dove il narcisismo è uno stile di vita conclamato…… Gli orchi e i lupi mannari travestiti da brave e affidabili e adorabili persone…. Diciamo basta alla sofferenza.

    "Mi piace"

  2. Il mio ex mostro era colui che criticava chiunque facesse uso di cellulare e facebook ma lui viveva praticamente di quello avendo oltre il suo profilo anche altri profili di cui io non ero a conoscenza.Una volta mi accorsi che si era iscritto ad un gruppo di MAMME CHE AVEVANO I FIGLI MORTI,da li il mio orrore nel capire che reclutava vittime approfittando del dolore e della non lucidità di queste donne.Il cellulare lo aveva sempre in mano e anche dopo aver fatto l’amore cominciava a fare la conta dei like dei suoi post su fb,al ristorante mangiava con il cellulare in mano…Dopo averlo lasciato ho saputo che il suo sport preferito era il sesso online,era iscritto a svariati siti di incontri…lui che inorridiva se si parlava di tradimento.INSOMMA questi soggetti sono lo schifo dello schifo.

    "Mi piace"

    1. Cara Angy, di solito gli n.p. diventano dipendenti da ogni forma di tecnologia possa recare ulteriore rifornimento narcisistico. Avere un telefonino ultra tecnologico con tante “scatole cinesi” dove occultare la loro roba sporca diventa fondamentale oppure pretendere la password del facebook dei figli con la scusa di controllare chi interagisce con loro per “preoccupazione paterna” ma, in realtà, sbirciare le foto delle loro amiche! Da quando ho creato il blog le testimonianze dimostrano l’assenza di ogni confine morale in queste persone.

      "Mi piace"

      1. hai perfettamente ragione…pensa che il telefonino era un mezzo da usare quando doveva far vedere a chiunque le foto di sua figlia quando dieci anni fa era in chemioterapia …foto di una bimba pallida e senza un capello..Senza vergogna usava la malattia della figlia che oggi sta benissimo,per far colpo sugli altri e dimostrare che bravo padre è stato.PENSA che per lui la figlia è salva no perché sono stati bravi i medici ma perché aveva un padre come lui.PURTROPPO questo messaggio di padre straordinario lo ha inculcato nella figlia che si sente in obbligo con il padre per essere viva e la manipola in modo disgustoso facendole odiare la madre che in realtà si è sempre occupata delle figlie economicamente e in tutto il resto.CREDIMI è UN DISTRUTTORE DI ANIME.

        "Mi piace"

  3. si Claudileia ,ne sono fuori fisicamente ma piena di rabbia e dolore per tutto quello che ho subito,per tutto quello che ho scoperto,praticamente è un truffatore di anime belle,un pervertito che si mostra a tutti compreso amici comuni come un santo immacolato e questo mi fa stare malissimo.

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...